IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Iscrizione Evento
€ 159,00 -18% € 195,00
-18%
Vale 63 punti Erickson

Sfide matematiche per una scuola che conta

Insegnare e apprendere la matematica alla secondaria di 1° grado

Roma - Erickson sede Roma | 24 e 25 maggio 2024 10 ore

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola...

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola di frequente si perde la ricchezza e la bellezza della matematica, la sua capacità di sviluppare il pensiero critico, la sua vicinanza al mondo che ci circonda, lo sviluppo della logica e la capacità di risolvere i problemi.
Quali sfide hanno di fronte i docenti di matematica nella scuola secondaria di primo grado? Quali cambiamenti metodologici e quali attenzioni specifiche possono portare in aula per rispondere ai bisogni e alle differenze dell’intero gruppo classe?
Innovare metodologie didattiche, valorizzare nuovi linguaggi e approcci come quello ludico, rispondere alle caratteristiche personali di ciascuno in ottica inclusiva, migliorare il senso di autoefficacia delle studentesse e ridurre il divario di genere, incentivare una valutazione formativa e i processi di autovalutazione e miglioramento. Queste sono alcune delle direzioni che verranno proposte nel corso dell’Evento.

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola...

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola di frequente si perde la ricchezza e la bellezza della matematica, la sua capacità di sviluppare il pensiero critico, la sua vicinanza al mondo che ci circonda, lo sviluppo della logica e la capacità di risolvere i problemi.
Quali sfide hanno di fronte i docenti di matematica nella scuola secondaria di primo grado? Quali cambiamenti metodologici e quali attenzioni specifiche possono portare in aula per rispondere ai bisogni e alle differenze dell’intero gruppo classe?
Innovare metodologie didattiche, valorizzare nuovi linguaggi e approcci come quello ludico, rispondere alle caratteristiche personali di ciascuno in ottica inclusiva, migliorare il senso di autoefficacia delle studentesse e ridurre il divario di genere, incentivare una valutazione formativa e i processi di autovalutazione e miglioramento. Queste sono alcune delle direzioni che verranno proposte nel corso dell’Evento.

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola...

Esiste un modo per rendere l’apprendimento e l’insegnamento della matematica più coinvolgente e significativo per ragazzi e ragazze preadolescenti? Spesso la matematica è vissuta come una disciplina mnemonica, un insieme di regole ed esercizi in cui conta solo che il risultato sia giusto. A scuola di frequente si perde la ricchezza e la bellezza della matematica, la sua capacità di sviluppare il pensiero critico, la sua vicinanza al mondo che ci circonda, lo sviluppo della logica e la capacità di risolvere i problemi.
Quali sfide hanno di fronte i docenti di matematica nella scuola secondaria di primo grado? Quali cambiamenti metodologici e quali attenzioni specifiche possono portare in aula per rispondere ai bisogni e alle differenze dell’intero gruppo classe?
Innovare metodologie didattiche, valorizzare nuovi linguaggi e approcci come quello ludico, rispondere alle caratteristiche personali di ciascuno in ottica inclusiva, migliorare il senso di autoefficacia delle studentesse e ridurre il divario di genere, incentivare una valutazione formativa e i processi di autovalutazione e miglioramento. Queste sono alcune delle direzioni che verranno proposte nel corso dell’Evento.

 Iscriviti subito
159 € anziché 195 € per un numero limitato di posti ed entro il 1 marzo

Iscrizione Evento
€ 159,00 -18% € 195,00
-18%
Vale 63 punti Erickson

contenuti

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele...

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele Cariati (Insegnante e formatore)

Storia e storie della matematica: come umanizzare una materia “disumana” attraverso la narrazione
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Matematica, sostantivo femminile: come ripensare la didattica per superare i divari di genere nell'apprendimento
Giulia Ferrari (Ricercatrice Università di Torino)

WORKSHOP
Sabato 25 maggio: dalle 09.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30


I workshop, della durata di 1 ora e 30 minuti ciascuno, si svolgeranno in contemporanea e saranno ripetuti per consentire a ogni partecipante di frequentarli tutti senza necessità di prenotazione.

Apprendere la matematica in modo ludico
Andrea Maffia (Ricercatore Università di Bologna)

L'apprendimento della matematica può giovarsi di molti dispositivi e strategie che possono presentare vantaggi e limiti. Nel corso del workshop ci si concentrerà sugli approcci ludici come strumento privilegiato per realizzare quelle che Guy Brousseau definiva "situazioni a-didattiche". In particolare, si metteranno a confronto giochi competitivi e collaborativi ai fini di metterne in evidenza le potenzialità e i limiti in termini motivazionali e per gli apprendimenti. I partecipanti avranno poi modo di sperimentare in prima persona le modalità collaborative al fine di notare quali processi tipici del pensiero matematico (tra quelli presenti nei traguardi delle Indicazioni Nazionali) possano emergere.

Strumenti e attrezzature per il laboratorio di matematica: dalla bilancia alle cannucce
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Il laboratorio di matematica è una metodologia, più che uno spazio, che può essere messa in atto con materiali molto semplici e generalmente non richiede attrezzature specifiche. D’altra parte, esistono strumenti che possono facilitare la comprensione dei concetti attraverso l’esperienza e la manipolazione, rendendo più graduale ed efficace il passaggio all’astrazione. In questo workshop verranno illustrati alcuni di questi strumenti, e in particolare i partecipanti capiranno come utilizzare le cannucce per esplorare le proprietà dei poliedri convessi, fino a scoprire un importante teorema: la relazione di Eulero.

Matematica inclusiva: strategie e strumenti pratici per facilitare il processo di apprendimento anche in presenza di bisogni educativi speciali
Mattia Brancone (Insegnante specializzato sul sostegno)

Per alunne e alunni, la matematica è una disciplina notoriamente ostica, verso la quale è possibile incontrare barriere che ne ostacolano l’accesso e che, nel corso della scuola secondaria, al crescere della complessità degli argomenti trattati, rischiano di portare a una definitiva rinuncia all’apprendimento di questa affascinante materia. Perciò, rendere inclusivi l’insegnamento e l’apprendimento della matematica è una sfida importante, che consente di non lasciare indietro nessuno. Durante il workshop verranno proposti, anche attraverso esempi concreti di attività da svolgere in classe, strategie e strumenti che possono facilitare l’accesso ai contenuti della disciplina, contribuendo alla creazione di un contesto inclusivo, motivante e attento il più possibile ai bisogni educativi di tutte e tutti. Saranno infine descritti gli strumenti compensativi presenti all’interno del gioco da tavolo Formuland, i quali possono facilitare l’apprendimento degli automatismi di calcolo relativi all’utilizzo delle formule matematiche, anche in presenza di Bisogni Educativi Speciali.

Alla scoperta dell’ottimizzazione - Un approccio relazionale alle grandezze geometriche
Maddalena Braccesi (Insegnante e formatrice)

Durante il workshop verranno presentate diverse attività laboratoriali che hanno come sfondo comune l’ottimizzazione in contesto geometrico. Seguendo la linea didattica del problem based learning, verranno presentate alcune situazioni problematiche adatte a scoprire relazioni tra forme e grandezze geometriche caratteristiche di figure piane e solide, mantenendone di volta in volta alcune costanti e facendone variare altre. Per risolvere i problemi proposti, si prevedono la costruzione e l’utilizzo di semplici modelli concreti, che, nel processo di astrazione, verranno via via sostituiti da rappresentazioni grafiche e simboliche. I docenti partecipanti avranno l’opportunità di sperimentare in prima persona le varie attività, facilmente adattabili e trasferibili nella pratica didattica.

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele...

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele Cariati (Insegnante e formatore)

Storia e storie della matematica: come umanizzare una materia “disumana” attraverso la narrazione
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Matematica, sostantivo femminile: come ripensare la didattica per superare i divari di genere nell'apprendimento
Giulia Ferrari (Ricercatrice Università di Torino)

WORKSHOP
Sabato 25 maggio: dalle 09.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30


I workshop, della durata di 1 ora e 30 minuti ciascuno, si svolgeranno in contemporanea e saranno ripetuti per consentire a ogni partecipante di frequentarli tutti senza necessità di prenotazione.

Apprendere la matematica in modo ludico
Andrea Maffia (Ricercatore Università di Bologna)

L'apprendimento della matematica può giovarsi di molti dispositivi e strategie che possono presentare vantaggi e limiti. Nel corso del workshop ci si concentrerà sugli approcci ludici come strumento privilegiato per realizzare quelle che Guy Brousseau definiva "situazioni a-didattiche". In particolare, si metteranno a confronto giochi competitivi e collaborativi ai fini di metterne in evidenza le potenzialità e i limiti in termini motivazionali e per gli apprendimenti. I partecipanti avranno poi modo di sperimentare in prima persona le modalità collaborative al fine di notare quali processi tipici del pensiero matematico (tra quelli presenti nei traguardi delle Indicazioni Nazionali) possano emergere.

Strumenti e attrezzature per il laboratorio di matematica: dalla bilancia alle cannucce
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Il laboratorio di matematica è una metodologia, più che uno spazio, che può essere messa in atto con materiali molto semplici e generalmente non richiede attrezzature specifiche. D’altra parte, esistono strumenti che possono facilitare la comprensione dei concetti attraverso l’esperienza e la manipolazione, rendendo più graduale ed efficace il passaggio all’astrazione. In questo workshop verranno illustrati alcuni di questi strumenti, e in particolare i partecipanti capiranno come utilizzare le cannucce per esplorare le proprietà dei poliedri convessi, fino a scoprire un importante teorema: la relazione di Eulero.

Matematica inclusiva: strategie e strumenti pratici per facilitare il processo di apprendimento anche in presenza di bisogni educativi speciali
Mattia Brancone (Insegnante specializzato sul sostegno)

Per alunne e alunni, la matematica è una disciplina notoriamente ostica, verso la quale è possibile incontrare barriere che ne ostacolano l’accesso e che, nel corso della scuola secondaria, al crescere della complessità degli argomenti trattati, rischiano di portare a una definitiva rinuncia all’apprendimento di questa affascinante materia. Perciò, rendere inclusivi l’insegnamento e l’apprendimento della matematica è una sfida importante, che consente di non lasciare indietro nessuno. Durante il workshop verranno proposti, anche attraverso esempi concreti di attività da svolgere in classe, strategie e strumenti che possono facilitare l’accesso ai contenuti della disciplina, contribuendo alla creazione di un contesto inclusivo, motivante e attento il più possibile ai bisogni educativi di tutte e tutti. Saranno infine descritti gli strumenti compensativi presenti all’interno del gioco da tavolo Formuland, i quali possono facilitare l’apprendimento degli automatismi di calcolo relativi all’utilizzo delle formule matematiche, anche in presenza di Bisogni Educativi Speciali.

Alla scoperta dell’ottimizzazione - Un approccio relazionale alle grandezze geometriche
Maddalena Braccesi (Insegnante e formatrice)

Durante il workshop verranno presentate diverse attività laboratoriali che hanno come sfondo comune l’ottimizzazione in contesto geometrico. Seguendo la linea didattica del problem based learning, verranno presentate alcune situazioni problematiche adatte a scoprire relazioni tra forme e grandezze geometriche caratteristiche di figure piane e solide, mantenendone di volta in volta alcune costanti e facendone variare altre. Per risolvere i problemi proposti, si prevedono la costruzione e l’utilizzo di semplici modelli concreti, che, nel processo di astrazione, verranno via via sostituiti da rappresentazioni grafiche e simboliche. I docenti partecipanti avranno l’opportunità di sperimentare in prima persona le varie attività, facilmente adattabili e trasferibili nella pratica didattica.

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele...

SESSIONE PLENARIA
Venerdì 24 maggio: dalle 16.30 alle 19.00


Che senso ha insegnare matematica oggi? Il ruolo della matematica nella società contemporanea
Lorella Carimali (Insegnante e scrittrice)

Per un'ingegneria didattica inclusiva: dal PDP al pensare e all'agire matematico
Raffaele Cariati (Insegnante e formatore)

Storia e storie della matematica: come umanizzare una materia “disumana” attraverso la narrazione
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Matematica, sostantivo femminile: come ripensare la didattica per superare i divari di genere nell'apprendimento
Giulia Ferrari (Ricercatrice Università di Torino)

WORKSHOP
Sabato 25 maggio: dalle 09.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30


I workshop, della durata di 1 ora e 30 minuti ciascuno, si svolgeranno in contemporanea e saranno ripetuti per consentire a ogni partecipante di frequentarli tutti senza necessità di prenotazione.

Apprendere la matematica in modo ludico
Andrea Maffia (Ricercatore Università di Bologna)

L'apprendimento della matematica può giovarsi di molti dispositivi e strategie che possono presentare vantaggi e limiti. Nel corso del workshop ci si concentrerà sugli approcci ludici come strumento privilegiato per realizzare quelle che Guy Brousseau definiva "situazioni a-didattiche". In particolare, si metteranno a confronto giochi competitivi e collaborativi ai fini di metterne in evidenza le potenzialità e i limiti in termini motivazionali e per gli apprendimenti. I partecipanti avranno poi modo di sperimentare in prima persona le modalità collaborative al fine di notare quali processi tipici del pensiero matematico (tra quelli presenti nei traguardi delle Indicazioni Nazionali) possano emergere.

Strumenti e attrezzature per il laboratorio di matematica: dalla bilancia alle cannucce
Eleonora Pellegrini (Insegnante e autrice)

Il laboratorio di matematica è una metodologia, più che uno spazio, che può essere messa in atto con materiali molto semplici e generalmente non richiede attrezzature specifiche. D’altra parte, esistono strumenti che possono facilitare la comprensione dei concetti attraverso l’esperienza e la manipolazione, rendendo più graduale ed efficace il passaggio all’astrazione. In questo workshop verranno illustrati alcuni di questi strumenti, e in particolare i partecipanti capiranno come utilizzare le cannucce per esplorare le proprietà dei poliedri convessi, fino a scoprire un importante teorema: la relazione di Eulero.

Matematica inclusiva: strategie e strumenti pratici per facilitare il processo di apprendimento anche in presenza di bisogni educativi speciali
Mattia Brancone (Insegnante specializzato sul sostegno)

Per alunne e alunni, la matematica è una disciplina notoriamente ostica, verso la quale è possibile incontrare barriere che ne ostacolano l’accesso e che, nel corso della scuola secondaria, al crescere della complessità degli argomenti trattati, rischiano di portare a una definitiva rinuncia all’apprendimento di questa affascinante materia. Perciò, rendere inclusivi l’insegnamento e l’apprendimento della matematica è una sfida importante, che consente di non lasciare indietro nessuno. Durante il workshop verranno proposti, anche attraverso esempi concreti di attività da svolgere in classe, strategie e strumenti che possono facilitare l’accesso ai contenuti della disciplina, contribuendo alla creazione di un contesto inclusivo, motivante e attento il più possibile ai bisogni educativi di tutte e tutti. Saranno infine descritti gli strumenti compensativi presenti all’interno del gioco da tavolo Formuland, i quali possono facilitare l’apprendimento degli automatismi di calcolo relativi all’utilizzo delle formule matematiche, anche in presenza di Bisogni Educativi Speciali.

Alla scoperta dell’ottimizzazione - Un approccio relazionale alle grandezze geometriche
Maddalena Braccesi (Insegnante e formatrice)

Durante il workshop verranno presentate diverse attività laboratoriali che hanno come sfondo comune l’ottimizzazione in contesto geometrico. Seguendo la linea didattica del problem based learning, verranno presentate alcune situazioni problematiche adatte a scoprire relazioni tra forme e grandezze geometriche caratteristiche di figure piane e solide, mantenendone di volta in volta alcune costanti e facendone variare altre. Per risolvere i problemi proposti, si prevedono la costruzione e l’utilizzo di semplici modelli concreti, che, nel processo di astrazione, verranno via via sostituiti da rappresentazioni grafiche e simboliche. I docenti partecipanti avranno l’opportunità di sperimentare in prima persona le varie attività, facilmente adattabili e trasferibili nella pratica didattica.


L’evento fornirà molteplici spunti di riflessione per aiutare gli insegnanti a riflettere sulla propria didattica e facilitare percorsi significativi di insegnamento e apprendimento della matematica alla scuola secondaria di primo grado. I partecipanti potranno inoltre partecipare attivamente a diverse attività che facilitano un’esplorazione attiva dei contenuti matematici.

L’evento si rivolge principalmente ad insegnanti della scuola secondaria di primo grado, ma è aperto anche ad altri professionisti interessati.

L’evento fornirà molteplici spunti di riflessione per aiutare gli insegnanti a riflettere sulla propria didattica e facilitare percorsi significativi di insegnamento e apprendimento della matematica alla scuola secondaria di primo grado. I partecipanti potranno inoltre partecipare attivamente a diverse attività che facilitano un’esplorazione attiva dei contenuti matematici.

L’evento si rivolge principalmente ad insegnanti della scuola secondaria di primo grado, ma è aperto anche ad altri professionisti interessati.

L'evento si svolgerà presso la sede Erickson di Roma, in Viale Etiopia 20.

Venerdì 24 maggio 2024: dalle 16:30 alle 19:00
Sabato 25 maggio 2024: dalle 09:30 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:30

Il Centro Studi Erickson è convenzionato con le seguenti strutture alberghiere.

L'evento si svolgerà presso la sede Erickson di Roma, in Viale Etiopia 20.

Venerdì 24 maggio 2024: dalle 16:30 alle 19:00
Sabato 25 maggio 2024: dalle 09:30 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:30

Il Centro Studi Erickson è convenzionato con le seguenti strutture alberghiere.


Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il Centro Studi Erickson è ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale della scuola.

L'Evento sarà presente sulla Piattaforma Sofia.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il Centro Studi Erickson è ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale della scuola.

L'Evento sarà presente sulla Piattaforma Sofia.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Il Centro Studi Erickson è ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale della scuola.

L'Evento sarà presente sulla Piattaforma Sofia.

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare all’appuntamento è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

Al termine dell'evento verrà rilasciato un attestato di frequenza.
Al termine dell'evento verrà rilasciato un attestato di frequenza.
Al termine dell'evento verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Formatori

Ti potrebbero interessare