Saggistica

Tutte le proposte Erickson dedicate alla saggistica.

Le novità

In evidenza

Giocati il cervello! Plastici per sempreGiocati il cervello! Plastici per sempre

Giocati il cervello! Plastici per sempre

Le neuroscienze spiegate con parole semplici e alla portata di tutti e tutte: Giocati il cervello – Plastici per sempre racconta attraverso aneddoti, storie e giochi l’infinita avventura della mente in tutte le sue forme, svelandoci i segreti di cosa accade nelle diverse fasi della vita, in condizioni di sviluppo tipico o di neurodivergenza, di salute o di malattia.

Negli ultimi anni le neuroscienze sono un argomento che ha guadagnato una diffusione e un interesse particolarmente ampio e eterogeneo. Nonostante la sua complessità, l’argomento è uscito dalle aule universitarie e dai convegni specialistici raggiungendo un pubblico curioso, appassionato e trasversale, interessando l’editoria e anche i diversi media. Parlare di neuroscienze (o semplicemente comprenderle) non è facile per chi non è un addetto ai lavori o non ha familiarità con il lessico scientifico più specializzato.

copertina del libro "Quando i dati discriminano"copertina del libro "Quando i dati discriminano"

Quando i dati discriminano

“Il dato in natura non esiste, non possiamo «raccoglierlo» se non viene prima prodotto. Ma se la natura in qualche modo senza il nostro intervento può produrre frutti e fiori, con i dati questo non succede mai. Perché allora siamo ancora molto legati a espressioni come «lo dicono i dati» o «data driven» come bollino di qualità di un progetto, un report, o persino di un programma politico?”

In questo saggio Donata Columbro indaga a fondo il lato inconscio del dato. Stabilire chi è dentro o fuori le statistiche non è un atto neutrale, ma una scelta dell’uomo, per questo il primo passo fondamentale è prendere consapevolezza che i dati sono costrutti umani e sociali e riconoscere in essi la costante presenza di pregiudizi.

Quando tutte le nostre deci­sioni si basano sui dati per­ché cerchiamo oggettività, ma ignoriamo il contesto, possiamo andare incontro a enormi fraintendimenti arrivando alla conclusione che questa oggettività - in fondo - non esiste. Allora, chi ha il potere di raccogliere e analizzare il dato? E chi, invece, non lo detiene assolutamente? Il saggio, quindi, è un invito a lettori e lettrici a impegnarsi affinché i dati non diventino amplificatori di discriminazioni danneggiando le comunità o i gruppi ai margini della società.

L’autore del mese

Marco Dallari

Dopo la laurea in Pedagogia (1972) presso l’Università di Bologna, è stato membro dell’équipe di coordinamento pedagogico delle scuole dell’infanzia del Comune di Bologna e capo servizio alla pubblica istruzione del Comune di Carpi.

È stato docente di Pedagogia e Didattica dell’Educazione Artistica presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e Firenze, professore straordinario di Pedagogia Comparata all’Università di Messina e professore ordinario di Pedagogia Generale e Sociale all’Università di Trento, dove ha fondato e diretto il Laboratorio di Comunicazione e Narratività.

Scrittore e curatore di saggi, testi narrativi e libri per l’infanzia, è anche disegnatore e autore di opere verbovisuali.

Marco DallariMarco Dallari

copertina del libro"immaginauti"

copertina del libro "la zattera della bellezza"

In evidenza

copertina del libro "Disabilità e società"copertina del libro "Disabilità e società"

Disabilità e società

A volte gli studiosi appaiono più preoccupati di decostruire la categoria della disabilità fisica o intellettiva che non di cambiare le condizioni sociali delle persone con disabilità fisiche o mentali.

Tom Shakespeare offre al pubblico italiano un fondamentale contributo al dibattito scientifico e ai diritti delle persone disabili, presentando in questo libro una visione innovativa e “relazione” della disabilità. Attraverso un linguaggio chiaro e accessibile a tutti e tutte, ma mantenendo ugualmente un certo rigore metodologico, il volume sfida lettori e lettrici a interrogarsi sulle questioni più urgenti e sugli aspetti cruciali della vita delle persone disabili nella società contemporanea: l’inizio e il fine vita, il ruolo dell’assistente personale e la sessualità, e altre tematiche spesso trascurate in Italia.

Il volume si rivela uno strumento prezioso che fornisce un’ampia panoramica delle diverse concezioni maturate nell’ambito dei Disability Studies.

marchio editoriale Il Marginemarchio editoriale Il Margine

Il Margine

Pluralità, Eterogeneità, Apertura

Il Margine è un marchio che dà voce a punti di vista dissonanti e originali per metterli al centro del pensiero e del dibattito. Una realtà frutto dell’incontro tra la casa editrice “Il Margine”, nata da una comunità di intellettuali, attivisti e cittadini, e le Edizioni-Centro Studi Erickson, impegnate dall’inizio degli anni Ottanta nell’ambito dell’inclusione scolastica e sociale.