La normativa inclusiva nella "Buona scuola"

I decreti della discordia

Erickson Advantages

La legge n. 107/2015 sulla «buona scuola» è stata al centro di una accesa disputa ideologica, politica e culturale. Il volume, aggiornato alle norme attuative, intende fornirne un esame completo e dettagliato.
Ricostruendo la legge di riforma, vengono approfonditi e commentati i singoli decreti attuativi che regolano la promozione dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.
Ampio spazio è dedicato anche al dibattito politico e culturale sulla riforma, che ha coinvolto associazioni di familiari ed esperti, soprattutto in merito alla formazione e al ruolo dei docenti di sostegno.
Gli autori, sulla scorta di una pluriennale esperienza nello studio degli aspetti psicopedagogici e normativi dell’inclusione scolastica, vogliono contribuire a una lettura della legge di riforma maggiormente in linea con i contenuti della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, lettura che si offre come strumento prezioso per quanti operano nella scuola, per i genitori e per gli operatori del Terzo settore e del diritto.

Leggi di più
Scegli
Non Disponibile
Solo %1 rimasto/i
Acquistabile con Carta del Docente
5,00 € -75% di sconto 20,00 €
Ricevi punti Erickson Per ogni prodotto acquistato ricevi punti Erickson che puoi utilizzare per ottenere sconti sui tuoi prossimi acquisti.
Aggiungi alla lista desideri

A casa tua in 24/48 ore

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

In questo libro

Contenuti e indice

Indice

Presentazione (D. Ianes)
Premessa. La difficoltà di commentare nuove norme

Prima parte - La storia dei decreti delegati
CAP. 1 - L’antefatto
CAP. 2 - La recente riforma della scuola
CAP. 3 - I principi di delega contenuti nella legge n. 107/2015
CAP. 4 - La formazione dei decreti delegati
CAP. 5 - I pareri delle Commissioni della Camera sugli schemi di decreto

Seconda parte - Esame analitico dei decreti delegati
CAP. 6 - Il decreto legislativo n. 66/2017: la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità
CAP. 7 - Il decreto legislativo n. 62/2017: la valutazione nel primo ciclo e gli esami di Stato
CAP. 8 - Il decreto legislativo n. 59/2017: la formazione iniziale e l’accesso ai ruoli dei docenti delle scuole secondarie
CAP. 9 - Il decreto legislativo n. 65/2017: il sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni
CAP. 10 - Gli altri decreti delegati nn. 60, 61, 63, 64 del 2017
CAP. 11 - La valutazione e l’autovalutazione della qualità inclusiva
CAP. 12 - Problemi aperti

Conclusioni. L’inclusione scolastica tra giurisprudenza e pedagogia
Bibliografia e sitografia
Appendice. Schede normative
Abbreviazioni e acronimi utilizzati nel testo
Associazione Italiana Persone Down ONLUS

Continua a leggere

La legge n. 107/2015 sulla «buona scuola» è stata al centro di una accesa disputa ideologica, politica e culturale. Il volume, aggiornato alle norme attuative, intende fornirne un esame completo e dettagliato.
Ricostruendo la legge di riforma, vengono approfonditi e commentati i singoli decreti attuativi che regolano la promozione dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.
Ampio spazio è dedicato anche al dibattito politico e culturale sulla riforma, che ha coinvolto associazioni di familiari ed esperti, soprattutto in merito alla formazione e al ruolo dei docenti di sostegno.
Gli autori, sulla scorta di una pluriennale esperienza nello studio degli aspetti psicopedagogici e normativi dell’inclusione scolastica, vogliono contribuire a una lettura della legge di riforma maggiormente in linea con i contenuti della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, lettura che si offre come strumento prezioso per quanti operano nella scuola, per i genitori e per gli operatori del Terzo settore e del diritto.

Specifiche prodotto

Autori e autrici

Salvatore Nocera

Salvatore Nocera

Autore

Salvatore «Tillo» Nocera, da cieco, ha frequentato le scuole comuni negli anni Quaranta e Cinquanta del secolo scorso. Laureatosi in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma e conseguita l’idoneità in un concorso per assistente universitario in Diritto privato e una specializzazione in Diritto pubblico, ha esercitato presso il TAR del Lazio. Dopo aver vinto il concorso per docente di ruolo di discipline giuridiche si è occupato esclusivamente di normativa scolastica. All’inizio del 1981 ha ottenuto un incarico di consulenza legale presso l’Ufficio Studi del Ministero della Pubblica Istruzione, con cui ha collaborato fino all’inizio del Duemila. Dopo la pensione ha contribuito alla formulazione e al miglioramento della normativa a favore delle persone con disabilità in qualità di rappresentante della FISH, di cui è stato vicepresidente e responsabile scuola. Ha scritto articoli su riviste specializzate, saggi e monografie sulla normativa inclusiva e sulla sua storia. È membro dell’Osservatorio nazionale per l’inclusione scolastica del Ministero dell’Istruzione. Nel 2003 il Presidente Ciampi gli ha conferito la medaglia d’oro per l’impegno a favore dell’inclusione.

Scopri di più
Nicola Tagliani

Nicola Tagliani

Autore

È nato a Roma nel 1975, dove vive e si è laureato in Psicologia dello sviluppo e dell’educazione nel 2002 presso l’Università «La Sapienza». Dal 2003 lavora presso l’Associazione Italiana Persone Down (AIPD), occupandosi in particolare degli aspetti psicopedagogici e normativi dell’inclusione scolastica sia presso l’Osservatorio Scolastico della sede nazionale, sia presso il Servizio Scuola dell’AIPD sezione di Roma. Organizza e partecipa a incontri, seminari, convegni e corsi di formazione e aggiornamento per il personale scolastico e a percorsi di informazione e sensibilizzazione rivolti ai compagni di classe di alunni con disabilità. Ha curato diverse pubblicazioni e video sull’inclusione scolastica sia per l’AIPD che per il CoorDown. Ha partecipato per conto dell’AIPD ai lavori dell’Osservatorio sull’integrazione del MIUR, dell’Osservatorio scolastico della FISH e del Gruppo Scuola del CoorDown.

Scopri di più
AIPD

AIPD

Autore

Nata a Roma nel 1979, si pone quale punto di riferimento per le famiglie e gli operatori sociali, sanitari e scolastici su tutte le problematiche riguardanti la sindrome di Down. Il suo scopo è tutelare i diritti delle persone con sindrome di Down, favorirne il pieno sviluppo fisico e mentale, contribuire al loro inserimento scolastico, lavorativo e sociale a tutti i livelli, sensibilizzare sulle loro reali capacità, divulgare le conoscenze sulla sindrome.

Scopri di più

Recensioni e domande