IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Il ruolo del dirigente scolastico per una scuola che include - Erickson 1

Il ruolo del dirigente scolastico per una scuola che include

Inclusione e qualità della scuola sono reciproche. Dunque, qual è il compito del dirigente in una scuola inclusiva e di elevata qualità? Si tratta prima di tutto di assumere posizioni precise su necessari approfondimenti pedagogici e professionali, e non semplicemente frutto di una spontanea comprensione del problema. Per facilitare, agevolare, condurre e verificare l’inclusione c’e bisogno di conoscenza.

Il ruolo-guida del dirigente scolastico deve muoversi dalla cultura e dalla pedagogia inclusiva verso l’organizzazione di un sistema inclusivo. L’approccio sistemico all’inclusione ha storia recente. E solo alla fine degli anni Ottanta che studiosi quali N. Luhmann si avvicinano al concetto di inclusione attraverso lo studio delle esclusioni dai sottosistemi che compongono la società. 

Grazie a importanti documenti internazionali, negli anni Novanta si confermano i primi tentativi di teorizzare un nuovo paradigma, che riconosce l’inclusione come un processo finalizzato a favorire la partecipazione attiva di tutti i soggetti agli ambiti fondamentali del vivere democratico, prevenendo negativi processi di esclusione ed emarginazione. E il concetto di educazione per tutti e per ciascuno

L’Unesco è da sempre tra le organizzazioni più attive nel promuovere l’educazione inclusiva. Proprio in uno dei suoi documenti, relativo al Forum mondiale dell’educazione svoltosi a Dakar nel 2000, viene attribuita grande importanza alla pedagogia inclusiva che poggia su quattro punti fondamentali: 

1. tutti i bambini possono imparare;
2. tutti i bambini sono diversi;
3. la diversità è un punto di forza;
4. l’apprendimento si intensifica con la cooperazione tra insegnanti, genitori e comunità.



E’ su questi fondamenti pedagogici che va pianificato e costruito un processo educativo, finalizzato alla promozione del successo formativo di ogni studente, non abbandonando mai un’ottica sistemica. Progettare e guidare un sistema inclusivo significa, dunque, intervenire prima di tutto sul contesto e poi sul soggetto; agire sulla globalità delle sfere educativa e sociale. 

Leggi anche...
Ti potrebbero interessare...

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."