Giocare con l'arte

Laboratori di educazione ed espressione artistica

Erickson Advantages

Un libro per aiutare i bambini della scuola dell’infanzia e della primaria a fare arte divertendosi.
Partire dai grandi artisti, quali Pollock, Duchamp e Fontana, e dal loro modo di fare arte per permettere ai bambini di realizzare, in modo facile e divertente, le proprie creazioni: è questo l’obiettivo di Giocare con l’arte, che offre strumenti e conoscenze capaci di stimolare la fantasia e l’acquisizione di abilità pittoriche e manipolative.

La fiaba
Il metodo utilizzato per condurre i laboratori è quello della fiaba, che va declinata sugli artisti di supporto o sui temi proposti e va interpretata dall’educatrice o insegnante a seconda dell’età degli alunni cui si rivolge. Tale metodo è congeniale per introdurre argomenti anche complessi in modo semplice e interessante.

Consigliato a
Rivolto a insegnanti e educatori, il volume offre molti elementi per sviluppare il potenziale artistico, la fantasia e la creatività dei bambini della scuola dell’infanzia e del biennio della scuola primaria, oltre a svariati spunti per l’esplorazione di sé e delle proprie emozioni.

Leggi di più
Scegli
Non Disponibile
Solo %1 rimasto/i
Acquistabile con Carta del Docente
18,53 € -5% di sconto 19,50 €
Ricevi punti Erickson Per ogni prodotto acquistato ricevi punti Erickson che puoi utilizzare per ottenere sconti sui tuoi prossimi acquisti.
Aggiungi alla lista desideri

A casa tua in 24/48 ore

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

In questo libro

Contenuti e indice

PRIMO LABORATORIO – Gocce, buchi e strappi si animano

  • 1° INCONTRO: Conosciamo i materiali e i pittori di supporto
  • 2° INCONTRO: Raccontiamo mimando con gesti pittorici
  • 3° INCONTRO: Realizziamo il paese delle gocce, dei buchi e degli strappi colorini
  • 4° INCONTRO: Conosciamo Jackson Pollock e Lucio Fontana
  • 5° INCONTRO: Facciamo tutti insieme un dripping
  • 6° INCONTRO: Che bello vedere un dripping da sotto
  • SCHEDE

SECONDO LABORATORIO – Oggetti che non sono oggetti, favole che non sono favole, colori che non sono colori

  • 1° INCONTRO: Conosciamo gli oggetti e le loro forme
  • 2° INCONTRO: Oggetti che cambiano identità
  • 3° INCONTRO: Conosciamo Marcel Duchamp e Bruno Munari
  • 4° INCONTRO: Cambio d’identità: facciamo un ready-made
  • 5° INCONTRO: Cambio d’identità: creiamo una caricatura
  • 6° INCONTRO: Il burro cambia identità: modelliamo omini di burro
  • 7° INCONTRO: Conosciamo Gianni Rodari
  • 8° INCONTRO: Ingredienti e detergenti cambiano identità
  • SCHEDE

TERZO LABORATORIO – Le emozioni del volto nell’arte

  • 1° INCONTRO: Raccontiamo le emozioni
  • 2° INCONTRO: Riconosciamo le emozioni e gli elementi che le raccontano
  • 3° INCONTRO: Conosciamo Henri Matisse, Amedeo Modigliani e Paul Klee
  • 4° INCONTRO: Facciamo un MatiModjKlee
  • 5° INCONTRO: Creiamo un volto fantastico
  • 6° INCONTRO: Creiamo il nostro volto nell’arte
  • SCHEDE
Continua a leggere

I tre laboratori proposti si strutturano in una serie di incontri, per ciascuno dei quali vengono fornite indicazioni su materiali, modi e tempi di gestione. In particolare:

  • Gocce, buchi e strappi si animano ha come scopo la creazione di soggetti, oggetti e animali di carta, partendo dall’osservazione di macchie, buchi e strappi;
  • Oggetti che non sono oggetti, favole che non sono favole, colori che non sono colori esplora il tema dell’identità e del suo cambiamento mediante ready-made, caricature, ecc.;
  • Le emozioni del volto nell’arte favorisce il racconto di se stessi e l’esternazione dei sentimenti utilizzando il ritratto come elemento chiave.

Specifiche prodotto

Livello scolastico

Infanzia
Primaria - Classe prima
Primaria - Classe seconda
Primaria

Autori e autrici

Monica Remor

Monica Remor

Autrice

Insegno arte e immagine da 25 anni alla scuola primaria e secondaria di 1° grado, il mio obiettivo è entusiasmare i bambini e i ragazzi dimostrando loro che l’arte è conoscere, praticare per sviluppare e liberare le proprie emozioni. Saper fare, riconoscere modelli e strumenti per creare o leggere opere d’arte, in modo personale sopratutto per alunni che spesso si sentono inadeguati per l’arte o del tutto incapaci per il disegno. Ho pianificato le strategie più assurde e bizzarre per convincere che l’arte a scuola e ovunque è un apprendimento necessario per la crescita di un individuo. La mia soddisfazione più grande, quando poi i miei ex-allievi girando il mondo, leggono e apprezzano con occhi diversi!

Scopri di più

Recensioni e domande