IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Come promuovere il benessere degli insegnanti a scuola - Erickson 1

Come promuovere il benessere degli insegnanti a scuola

Le risorse della psicologa positiva per prevenire le situazioni di disagio

Sono ormai numerosi gli studi, ma anche i racconti e le esperienze più informali, che hanno evidenziato come lo “star bene” a scuola da parte degli studenti sia fortemente influenzato dal benessere degli insegnanti, ai quali si richiede, sempre più, di essere un riferimento e un interlocutore di fiducia per i propri studenti.

Non a caso, in questi ultimi anni, si è parlato di docenti “emotivamente e socialmente competenti”, in grado cioè di promuovere nei propri studenti relazioni supportive ed efficaci, motivazione, gestione delle emozioni e dei comportamenti problema.

Non si può dire però che siano altrettanto numerosi gli studi che hanno indagato in modo diretto i fattori che influenzano il benessere dei docenti e la loro auto-percezione, questo soprattutto in ottica “preventiva”. Infatti, di questi temi, si tende a parlarne solo in occasione di situazioni o episodi eclatanti, talvolta amplificati dalla cronaca quotidiana oppure in situazioni di burnout conclamato; mentre è difficile trovare riflessioni e indagini significative volte a indagare le dinamiche emotivo-relazionali, il malessere e i possibili “rischi” di questa professione prima che si manifestino.

L’approccio individuato dalla psicologia positiva

Da alcuni decenni si è fatto strada nella comunità scientifica un nuovo orizzonte culturale e di ricerca, quello della psicologia positiva ideato da Martin Seligman volto a promuovere la qualità della vita e il benessere. 

Lo scopo di questo approccio è quello di attivare un cambiamento puntando sulle risorse e sulle potenzialità dell'individuo prima che il malessere e il disagio si manifestino.

Questo approccio fa leva sulle risorse psicologiche degli individui e dei gruppi, valorizzando le componenti cognitive ed emotive del benessere, facendo riferimento a due piani strettamente interconnessi e complementari: quello personale (es. realizzarsi nella propria professione), e quello relativo al benessere soggettivo, ossia lo “star bene”, l’essere complessivamente soddisfatti della propria vita e percepire le proprie emozioni su un piano di equilibrio.

Il focus di interesse si sposta quindi dall'indagare i livelli di rischio della professione docente, verso il piano della percezione degli insegnanti in relazione a quali siano i fattori in grado di favorire una condizione di benessere, con uno sguardo rivolto anche a quali sono le risorse a loro disposizione (o che possono attivare).

I fattori che influenzano il benessere lavorativo

La letteratura internazionale ha messo in evidenza come anche nella categoria professionale dei docenti, il benessere lavorativo venga ricondotto a fattori di carattere personale, professionale e relazionale.

Tra i fattori personali si fa, ad esempio, riferimento all'identità lavorativa, ai motivi alla base di questa scelta professionale e al senso di autoefficacia.

Un insegnante con un buon senso di autoefficacia si pone obiettivi sfidanti, mette in campo tutte le risorse e le potenzialità per raggiungerli, credendo fortemente nelle proprie capacità di “potercela fare”. Allo stesso tempo, in un circolo virtuoso come questo, l’insegnante aumenta la propria resilienza e apprende strategie di coping/fronteggiamento sempre più efficaci.

Il secondo fattore è quello relativo alla dimensione professionale: il grado di soddisfazione, gratificazione e coinvolgimento personali nel lavoro, le caratteristiche attribuite all'organizzazione di cui si fa parte e il riconoscimento sociale del proprio ruolo professionale, il grado di engagement, cioè il livello di coinvolgimento fisico, cognitivo ed emotivo nel lavoro e l’autoefficacia collettiva.

Infine, la terza dimensione riguarda i fattori relazionali del benessere a scuola, e comprende la qualità delle relazioni con la dirigenza, l’amministrazione, i colleghi e gli studenti, con una particolare attenzione al vissuto emotivo associato.

Si auspica che la sempre più diffusa necessità di garantire lo “star bene” a 360° all'interno del contesto scolastico, smuova l’interesse per affrontare con convinzione a livello di ricerca e di proposte di azione in ottica preventiva, anche tutto l’ambito che riguarda nello specifico il benessere degli insegnanti.

Leggi anche...

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."