IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Libro
€ 19,00 -5% € 20,00
-5%
Vale 19 punti Erickson

Disabilità e bellezza

Generare significato nella relazione con l’Altro

Il volume raccoglie alcune riflessioni di persone che ogni giorno si propongono di cercare la bellezza nel lavoro di cura con i più fragili, e si interroga su come anche la disabilità grave può far germogliare la Bellezza in termini di relazioni positive, ammirazione e stupore.

Il volume raccoglie alcune riflessioni di persone che ogni giorno si propongono di cercare la bellezza nel lavoro di cura con i più fragili, e si interroga su come anche la disabilità grave può far germogliare la Bellezza in termini di relazioni positive, ammirazione e stupore.

Il volume raccoglie alcune riflessioni di persone che ogni giorno si propongono di cercare la bellezza nel lavoro di cura con i più fragili, e si interroga su come anche la disabilità grave può far germogliare la Bellezza in termini di relazioni positive, ammirazione e stupore.

Libro
€ 19,00 -5% € 20,00
-5%
Vale 19 punti Erickson

Descrizione

Libro

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di...

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di affrancamento dallo stigma secondo cui la persona con disabilità è considerata solamente fragile e debole, poiché la disabilità, «illuminata» in un certo modo dalle relazioni positive ispirate alla Bellezza, può essa stessa riverberare Bellezza.

La bellezza del diamante non è una proprietà della sua materia (non essendo altro che un pezzo di carbon fossile), non appartiene al diamante stesso, ma al raggio di luce che quello rifrange. Quel medesimo raggio di luce, riflesso da un oggetto brutto, non procura nessun gradimento estetico e se non viene rifranto da nulla non produce impressioni di sorta. Questo significa che la bellezza non appartiene né al corpo materiale del diamante né al raggio di luce che lo attraversa ma è un prodotto di ambedue nella loro relazione reciproca.

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di...

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di affrancamento dallo stigma secondo cui la persona con disabilità è considerata solamente fragile e debole, poiché la disabilità, «illuminata» in un certo modo dalle relazioni positive ispirate alla Bellezza, può essa stessa riverberare Bellezza.

La bellezza del diamante non è una proprietà della sua materia (non essendo altro che un pezzo di carbon fossile), non appartiene al diamante stesso, ma al raggio di luce che quello rifrange. Quel medesimo raggio di luce, riflesso da un oggetto brutto, non procura nessun gradimento estetico e se non viene rifranto da nulla non produce impressioni di sorta. Questo significa che la bellezza non appartiene né al corpo materiale del diamante né al raggio di luce che lo attraversa ma è un prodotto di ambedue nella loro relazione reciproca.

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di...

Con la presentazione di Gian Antonio Stella, il libro, ricco di spunti di riflessione e confronti, desidera rendere meno cocenti l’indifferenza e il disinteresse che ancora segnano e subiscono le persone con disabilità, e comprendere come la Bellezza può contribuire ad attivare un processo di affrancamento dallo stigma secondo cui la persona con disabilità è considerata solamente fragile e debole, poiché la disabilità, «illuminata» in un certo modo dalle relazioni positive ispirate alla Bellezza, può essa stessa riverberare Bellezza.

La bellezza del diamante non è una proprietà della sua materia (non essendo altro che un pezzo di carbon fossile), non appartiene al diamante stesso, ma al raggio di luce che quello rifrange. Quel medesimo raggio di luce, riflesso da un oggetto brutto, non procura nessun gradimento estetico e se non viene rifranto da nulla non produce impressioni di sorta. Questo significa che la bellezza non appartiene né al corpo materiale del diamante né al raggio di luce che lo attraversa ma è un prodotto di ambedue nella loro relazione reciproca.

Libro
ISBN: 9788859026549
Data di pubblicazione: 05/2021
Numero Pagine: 196
Formato: 17x24cm
Libro

Presentazione (Gian Antonio Stella)
Prefazione
Premessa

PRIMA PARTE – La Bellezza nella relazione che cura
Significazione e abilitazione nella relazione di cura
L’interazione capace di produrre benessere
Assistere senza assistenzialismo: la Bellezza del dono imprevisto
Progettare per possibilità

SECONDA PARTE – La ricerca della Bellezza
L’ambiente che diventa contesto: il paesaggio portatore di Bellezza
Il volto di Anna: alleanza e condivisione nella reciprocità
Rosalba: dall’adattamento all’evoluzione
È vero teatro: messa in scena e narrazione del quotidiano
La Bellezza del fare: un percorso di operosità concreta
Circo Paniko
Scomodando Leonardo

Epilogo: Bellezza oltre
Lessico essenziale
Bibliografia

APPENDICE – Bellezza e altri contesti
Quali luoghi per quale bellezza? Biodiversità, inclusione e miseria: alcune riflessioni per il patrimonio culturale italiano (Tommaso Zorzi)
Bellezza e imprenditoria (Lucia Cuman)

Libro
ISBN: 9788859026549
Data di pubblicazione: 05/2021
Numero Pagine: 196
Formato: 17x24cm
Libro

Presentazione (Gian Antonio Stella)
Prefazione
Premessa

PRIMA PARTE – La Bellezza nella relazione che cura
Significazione e abilitazione nella relazione di cura
L’interazione capace di produrre benessere
Assistere senza assistenzialismo: la Bellezza del dono imprevisto
Progettare per possibilità

SECONDA PARTE – La ricerca della Bellezza
L’ambiente che diventa contesto: il paesaggio portatore di Bellezza
Il volto di Anna: alleanza e condivisione nella reciprocità
Rosalba: dall’adattamento all’evoluzione
È vero teatro: messa in scena e narrazione del quotidiano
La Bellezza del fare: un percorso di operosità concreta
Circo Paniko
Scomodando Leonardo

Epilogo: Bellezza oltre
Lessico essenziale
Bibliografia

APPENDICE – Bellezza e altri contesti
Quali luoghi per quale bellezza? Biodiversità, inclusione e miseria: alcune riflessioni per il patrimonio culturale italiano (Tommaso Zorzi)
Bellezza e imprenditoria (Lucia Cuman)

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."