IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 11,05 -15% € 13,00
-15%
Vale 11 punti Erickson
Libri

Da uomo a uomo

Uomini maltrattanti raccontano la violenza domestica

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 11,05 -15% € 13,00
-15%
Vale 11 punti Erickson

Descrizione

Libro

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4...

L’uso della violenza fisica nelle relazioni ci indigna e non abbiamo dubbi nel condannarlo con fermezza. Eppure, nonostante il biasimo sia unanime, il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su 4 subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La condanna sociale però non è sufficiente se serve solo a rimuovere dalle nostre coscienze un problema che ci riguarda più di quanto vogliamo ammettere e di fronte al quale tutti siamo chiamati ad agire.
Bisogna guadagnare una «giusta distanza» dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono.
Per questo, Da uomo a uomo non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza: grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza, non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini «normali», che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari.
Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

Psicologia Psicologia clinica Psicologia età adulta
Psicologia Psicologia clinica Psicologia età adulta
Libro

Introduzione
Capitolo primo - Dalla violenza alla normalità
Capitolo secondo - Di padre in figlio
Capitolo terzo - È colpa sua
Capitolo quarto - Le dinamiche della violenza
Capitolo quinto - Uscire dalla violenza
Capitolo sesto - Uomini vittime?
Capitolo settimo - L’eredità della violenza
Capitolo ottavo - Dalla normalità alla violenza
Conclusione
Bibliografia
Appendice

Libro
ISBN: 9788859009559
Data di pubblicazione: 10/2015
Numero Pagine: 116
Formato: 15x21cm

 

Contenuti
Libro

Introduzione
Capitolo primo - Dalla violenza alla normalità
Capitolo secondo - Di padre in figlio
Capitolo terzo - È colpa sua
Capitolo quarto - Le dinamiche della violenza
Capitolo quinto - Uscire dalla violenza
Capitolo sesto - Uomini vittime?
Capitolo settimo - L’eredità della violenza
Capitolo ottavo - Dalla normalità alla violenza
Conclusione
Bibliografia
Appendice

Libro
ISBN: 9788859009559
Data di pubblicazione: 10/2015
Numero Pagine: 116
Formato: 15x21cm

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."