IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Tematica
Argomento
Utile in caso di
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Filtra
Filtra per
Tematica
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Argomento
Utile in caso di
Risultati trovati: 6
Search-ME - Erickson 1 Pedagogia
La riflessione di un’insegnante sull’urgenza di guardare ai social network da una nuova prospettiva
Fine luglio. Precaria, ergo disoccupata. Scorro distratta e svogliata le storie Instagram dal mio smartphone, seduta sul dondolo della casa al mare dei miei e incappo in una storia fighissima di Serena, una mia studentessa che ha iniziato a seguirmi sui social alla fine dell'anno scolastico. Non si fa! Direbbero i ben pensanti, ma la scuola è finita, chissà se lì ci tornerò più e la didattica a distanza ha scombussolato tutto. Ma poi, alla fine, che male c'è? È una serata estiva qualunque e mi annoio, ma mi accorgo che la mia noia adulta è una dolce compagnia, che consola una giornata particolarmente faticosa, non è un'inquietante mancanza di qualcosa. Quindi, mi gusto le storie di Serena con tenerezza e penso a come possano sentirsi gli adolescenti, che l'inquietudine ce l'hanno sempre a portata di mano, così come la costante mancanza di qualcosa. Se anche loro ora sono sdraiati su un dondolo, di certo chattano, guardano video, condividono contenuti dal loro smartphone. Poi assistono all'ostentazione del bello e della perfezione sui i social, scorrono tante storie fighissime su Instagram, proprio come quelle di Serena, o dell’ultima influencer di turno, fatte di vacanze, serate, spiagge, stili di vita spinti spesso oltre le reali possibilità economiche: locali, alcolici, vestiti sempre diversi ogni sera. Il tutto in barba al social distancing, ma questa è un'altra storia. Empatizzo con loro e con la piccola me, pensando a come si sarebbe sentita la me adolescente, isolata e annoiata nel giardino della casa al mare dei suoi che però lei, insofferente, aveva soprannominato "Casa nella prateria", a causa di un certo pruriginoso isolamento estivo. Sono giovane e mi considero abbastanza social, ma capisco che è tutto cambiato: i ragazzi cercano attenzioni e approvazione, ma necessitano intento di estremo e silenziosissimo controllo, hanno bisogno di essere accompagnati da guide esperte e non giudicanti. Da qui l'urgenza tutta nuova di vedere i social network da una nuova prospettiva, tutta educativa. Queste cose inutili sono roba seria! Una questione che da giovani insegnanti dovremmo affrontare in maniera sempre più massiva e consapevole. È importante che i ragazzi abbiano una concreta e reale competenza digitale, sì, proprio come quella che gli adulti non hanno. Non si tratta solo di imparare ad accendere e spegnere un PC o copiare e incollare da Wikipedia un articolo sulla barbabietola da zucchero per poi spacciarlo al professore come ricerca. Si tratta di avere la piena consapevolezza delle potenzialità e dei pericoli legati all'uso di una connessione Internet: il diritto a proteggere la propria privacy, il rischio di essere adescati in chat, il revenge porn, il cyberbullismo. Non scandalizziamoci: per capire un problema, bisogna conoscerlo. E per insegnare o meglio guidare i nostri studenti verso l'acquisizione di una competenza è necessario prima di ogni cosa verificare i prerequisiti, e quindi osservare, osservare tanto. Dunque, che male c'è se Serena ha iniziato a seguirmi su Instagram? La seguo anch’io, così la osservo meglio e capisco tanto di lei, del suo mondo, del tipo di attenzione che vuole attirare. Internet e i social network sono una realtà ormai imprescindibile che non possiamo più demonizzare, dobbiamo conviverci, usarli insieme ai nostri ragazzi, scoprirne le diverse funzionalità. Infine, dovremmo spiegare loro “la differenza, se c'è, tra la vita reale e la vita al cellulare”, come dice il cantautore Brunori SAS in Lamezia Milano. Dovremmo conoscere il linguaggio persuasivo dei social e la struttura del loro fascino così programmato, ma non prima di aver conosciuto i nostri ragazzi, capire ciò che vedono e cosa potrebbero provare nel vederlo. Più che indignarci per la loro condotta e dire che i tempi sono cambiati, spieghiamo come essere pienamente padroni dello strumento digitale, come si può giocare coi social, senza subirli. Spieghiamo che è sempre tutto così artificiale, tutto molto più vuoto di quanto credano, che la vita sarà anche fatta dalle storie Instagram di Serena, ma che quella più bella è fatta di gioie che nascono dagli incontri reali e da piccoli sacrifici quotidiani che ripagano molto di più di un centinaio di visualizzazioni. Ecco, se io non avessi seguito Serena su Instagram, sicuramente non avrei visto le sue storie fighissime e non avrei scritto delle righe da giovane insegnante super-social che si interroga su questa nuova responsabilità educativa. Quindi adesso che Serena ha iniziato a seguirmi, che male c'è?
Leggi di più
Search-ME - Erickson 2 Adolescenza
Come molte categorie fragili anche i giovani caregiver sono penalizzati e ulteriormente svantaggiati a causa dell’attuale emergenza sanitaria
I giovani caregiver sono bambini/e e adolescenti, talvolta non ancora maggiorenni, impegnati regolarmente in attività di cura rivolte ai propri familiari (genitori, nonni, sorelle e fratelli, ecc.). I bisogni dei familiari possono comprendere malattie croniche, disabilità e anche fragilità sociali e psicologiche che determinano la necessità di supervisione e assistenza costante e, talvolta, quotidiana. Occuparsi di faccende domestiche, supportare emotivamente e somministrare dei farmaci sono solo alcune delle attività che svolgono i giovani caregiver. Le responsabilità di cura influiscono significativamente sul loro sviluppo psico-fisico generando considerevoli difficoltà nella transizione verso l’età adulta. Un’indagine svolta nel 2019 ha evidenziato che su un campione di 424 studenti/esse, di alcune scuole secondarie di primo grado del Comune di Milano, il 6% è costituito da potenziali caregiver. Come è cambiata la vita dei giovani caregiver durante l’epidemia? La pandemia da Covid-19 sta influenzando significativamente le nostre vite generando ansia e preoccupazione per la salute personale e dei propri cari. Secondo una ricerca inglese questi sentimenti sono sentiti maggiormente dai giovani caregiver, i quali vivono fortemente la paura di un peggioramento delle condizioni di salute dei propri cari e di essere loro stessi causa del contagio. Motivo di ulteriore ansia è destata dalla eventualità, da parte loro, di ammalarsi. Ciò inficerebbe a loro la possibilità di svolgere i compiti di cura. Le restrizioni sociali imposte dai governi hanno l’effetto di produrre ulteriore isolamento sociale e un incremento del carico di lavoro dei giovani caregiver. Avendo meno opportunità aggregative e di sviluppare legami significativi e, talvolta, dovendo adempiere alla didattica a distanza, i caregiver rischiano di ridurre sensibilmente il tempo dedicato a sé stessi, il quale è fondamentale per la crescita armonica e per la prevenzione degli esiti negativi dovuti al caregiving. Questo, di conseguenza, aumenterebbe per loro il carico di lavoro. Trascorrendo più tempo a casa potrà esserci maggiore probabilità di richiesta nell’occuparsi di altri familiari bisognosi di attenzioni, come per esempio fratelli e sorelle. Tale circostanza in Italia si è presentata in molte occasioni a causa del ricovero di uno o di entrambi i genitori. Quali sono i bisogni dei giovani caragiver? Un gruppo di giovani caregiver, riuniti da un network inglese di associazioni, ha stilato un documento per richiedere maggiori attenzioni nei loro confronti e di tutti coloro che vertono nella medesima situazione. I giovani caregiver hanno espresso chiaramente la necessità di essere “visti”, soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria. Essere ascoltati in modo genuino e senza giudizi e tenere in considerazione la loro opinione sono alcune delle richieste espresse dal gruppo inglese di ragazzi/e con responsabilità di cura. Secondo il loro punto di vista almeno una parte del benessere può essere ugualmente raggiunto in questa fase di restrizioni con semplici azioni messe in pratica da operatori sociali e insegnanti. Alla base delle loro richieste è possibile cogliere il desiderio di prendere parte ad una relazione di aiuto che si basi sulla fiducia e reciprocità in cui possano sentirsi liberi di dare voce a preoccupazioni, bisogni e speranze. Ad esempio, il gruppo dei giovani caregiver inglesi esorta i professionisti a fissare degli appuntamenti telefonici e/o video chiamate settimanali, parlandone direttamente con loro, e non solamente con i genitori, per accertarsi delle loro condizioni e per affrontare insieme la questione dei carichi del lavoro di cura e dell’andamento scolastico. Anche in questa fase di emergenza sanitaria, anzi soprattutto ora, è fondamentale identificare e dare voce a coloro che sono sempre nell’ombra nonostante svolgano un ruolo cruciale per la propria famiglia.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 3 Genitori e figli
Come gestire tipologie di dolore nuove o conosciute nei propri figli
La terapia del dolore generalmente si occupa di condizioni severe e/o croniche. Le situazioni nella quale ogni bambino e adolescente sperimentano dolore sono però tra le più disparate: dalla banale sbucciatura, alla mano che afferra la maniglia del bollitore sul gas, ad una caviglia slogata, ma anche un infortunio che fatica a recuperare. Ci sono dolori più importanti come quelli legati a specifiche malattie o patologie che possono diventare anche cronici, ma pure quelli ricorrenti più tipici dei mal di pancia o dei mal di testa rivestono un ruolo nel limitare la qualità della vita. Non dimentichiamoci delle procedure quali esami del sangue! Anch’esse rivestono una loro importanza nel farci percepire il dolore (infatti un conto è farli ogni tanto, un altro è doverli fare spesso). Tutti i dolori hanno il dovere di essere riconosciuti e adeguatamente trattati per non generare possibili ripercussioni nello sviluppo del bambino (memorie del dolore e difficoltà ad esso collegate (Failo, 2020). Due domande potremmo porci di fronte a questo difficile periodo della pandemia, ovvero come i dolori sopra descritti vengono gestiti sia a casa che nelle strutture sanitarie e se ci sono nuove condizioni di dolore derivanti dalla situazione Covid. Proviamo ad esplorare la prima. Come vengono gestiti i dolori importanti in tempo di pandemia? Molto recentemente alcuni studi internazionali hanno sottolineato l’importanza della telemedicina e dei programmi eHealth quale modalità più promettenti per continuare i trattamenti e l’assistenza ai bambini e adolescenti ma anche quale supporto ai loro genitori durante tutti i periodi della pandemia (Eccleston et al., 2020; Badawy & Radovic, 2020). Singolarmente, in due studi italiani è emerso però anche come il mal di testa negli adolescenti sembra essere migliorato durante il lockdown perché si sono ridotti alcuni fattori di stress come la scuola (Papetti et al., 2020), ma questo è avvenuto anche negli adulti con emicrania (Parodi et al., 2020). Questo ci dice che la gestione di condizioni dolorose preesistenti è possibile anche a casa e, in un periodo come questo, . La pandemia ha portato nuove condizioni di dolore? Per rispondere a questa domanda, partiamo da un piccolo studio francese di settembre 2020 (Nathan et al., 2020) che ha cercato di comprendere come si manifesta il Covid nei bambini: ebbene, sembra che i più piccoli (sotto i 2 anni) presentino forme meno aggressive del virus con sintomi quali tosse, fatigue, dispnea e dolore addominale, in ogni caso con meno comorbidità legate ad altre problematiche/patologie preesistenti. Tutti questi sintomi fanno parte del decorso della malattia e scompaiono una volta che essa si è risolta. In questo caso i sanitari sono in grado di prestare tutte le cure necessarie. Altra questione è la comparsa di una nuova sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini, chiamata MIS-C a seguito del COVID-19, caratterizzata da shock, difficoltà respiratorie, disfunzioni cardiache, dolore addominale, mal di testa e positività a diversi marker infiammatori che ha molte caratteristiche in comune con la malattia di Kawasaki (Godfred-Cato et al., 2020). Si sa ancora poco di come si evolveranno questi quadri, ma si spera che il vaccino per il Covid porterà dei benefici anche su questi fronti. Diversa è la questione dell’accertamento alla positività al Covid. Il metodo più utilizzato sia per il costo che per la minor invasività e per la discreta sensibilità è il tampone naso-faringeo (Palmas et al., 2020; Pondaven-Letourm et al. 2020): è infatti simile a quello faringeo che si fa per la tonsillite, quindi molti operatori sanitari erano già addestrati per eseguirlo correttamente. Si tratta probabilmente del più grande attuale stravolgimento della routine di un bambino a cui quasi tutti oggi sono sottoposti. Pertanto è utile che i genitori siano informati di come si svolge e quindi conseguentemente spieghino in anticipo, nel modo più corretto e semplice possibile come si svolgerà la procedura: Per esempio dire che il bastoncino del tampone verrà inserito nel naso fino a toccare un punto specifico, che il tutto durerà massimo 6/7 secondi e che la mamma o il papà cingeranno dolcemente il bambino da dietro e gli terranno ferma la fronte. Può essere doloroso, ma forse più che altro fastidioso. Infatti la lacrimazione successiva è una reazione allo stimolo e alla paura più che l’effetto di un dolore. Le considerazioni derivanti da questo secondo punto ci pongono diverse opzioni realizzabili concretamente da parte dei bambini/adolescenti stessi e delle loro famiglie. Per esempio partire dal rinforzare i fattori di protezione come una chiara ed onesta comunicazione ed un comportamento responsabile, dal giusto riconoscimento del disagio ma anche della conseguente attenuazione subito dopo il tampone/procedura diagnostica. Si possono quindi anche ridurre i fattori di rischio, rappresentati in primis dalla paura di non sapere cosa sta succedendo, dalla minimizzazione del malessere, dall’ansia di dover far tutto velocemente e senza fare domande. Anche durante questo difficile periodo della pandemia si può fare molto per la gestione del dolore nei bambini e negli adolescenti, ed ogni adulto ha la responsabilità – e anche il diritto – di agire per tutelare il più possibile i figli di tutti. Bibliografia Failo A, 2020, Mi fa ancora male. Trento: Erickson Eccleston, C., Blyth, F. M., Dear, B. F., Fisher, E. A., Keefe, F. J., Lynch, M. E., Palermo, T. M., Reid, M. C., & Williams, A. C. de C. (2020). Managing patients with chronic pain during the COVID-19 outbreak: considerations for the rapid introduction of remotely supported (eHealth) pain management services. Pain, 161(5), 889–893 Badawy, S. M., & Radovic, A. (2020). Digital Approaches to Remote Pediatric Health Care Delivery During the COVID-19 Pandemic: Existing Evidence and a Call for Further Research. JMIR Pediatrics and Parenting, 3(1), e20049 Papetti, L., Loro, P. A. D., Tarantino, S., Grazzi, L., Guidetti, V., Parisi, P., Raieli, V., Sciruicchio, V., Termine, C., Toldo, I., Tozzi, E., Verdecchia, P., Carotenuto, M., Battisti, M., Celi, A., D’Agnano, D., Faedda, N., Ferilli, M. A., Grillo, G., … Valeriani, M. (2020). I stay at home with headache. A survey to investigate how the lockdown for COVID-19 impacted on headache in Italian children. Cephalalgia : An International Journal of Headache, 40(13), 1459–1473 Parodi, I. C., Poeta, M. G., Assini, A., Schirinzi, E., & Del Sette, P. (2020). Impact of quarantine due to COVID infection on migraine: a survey in Genova, Italy. Neurological Sciences : Official Journal of the Italian Neurological Society and of the Italian Society of Clinical Neurophysiology, 41(8), 2025–2027. Nathan, N., Prevost, B., Sileo, C., Richard, N., Berdah, L., Thouvenin, G., Aubertin, G., Lecarpentier, T., Schnuriger, A., Jegard, J., Guellec, I., Taytard, J., & Corvol, H. (2020). The Wide Spectrum of COVID-19 Clinical Presentation in Children. Journal of Clinical Medicine, 9(9). Godfred-Cato, S., Bryant, B., Leung, J., Oster, M. E., Conklin, L., Abrams, J., Roguski, K., Wallace, B., Prezzato, E., Koumans, E. H., Lee, E. H., Geevarughese, A., Lash, M. K., Reilly, K. H., Pulver, W. P., Thomas, D., Feder, K. A., Hsu, K. K., Plipat, N., … Belay, E. (2020). COVID-19-Associated Multisystem Inflammatory Syndrome in Children - United States, March-July 2020. MMWR. Morbidity and Mortality Weekly Report, 69(32), 1074–1080. Palmas, G., Moriondo, M., Trapani, S., Ricci, S., Calistri, E., Pisano, L., Perferi, G., Galli, L., Venturini, E., Indolfi, G., & Azzari, C. (2020). Nasal Swab as Preferred Clinical Specimen for COVID-19 Testing in Children. The Pediatric Infectious Disease Journal, 39(9), e267–e270 Pondaven-Letourmy, S., Alvin, F., Boumghit, Y., & Simon, F. (2020). How to perform a nasopharyngeal swab in adults and children in the COVID-19 era. European Annals of Otorhinolaryngology, Head & Neck Diseases, 137(4), 325–327
Leggi di più
Search-ME - Erickson 4 Genitori e figli
Letture consigliate a bambini, ragazzi e adulti per conoscere meglio il web e renderlo un posto più sicuro
Il secondo giorno della seconda settimana di febbraio, ogni anno, ricorre il “Safer Internet Day”: una giornata che ha l’obiettivo di promuovere un utilizzo più sicuro e consapevole del web, incoraggiando, in maniera particolare, i giovani di tutto il mondo ad avere un ruolo attivo e responsabile per fare di Internet un posto sicuro e positivo. Quest’anno il “Safer Internet Day” cade il 9 febbraio. In occasione di questa giornata, diamo il nostro contributo all’impegno per una rete più sicura con una selezione di libri dal nostro catalogo: letture rivolte sia ai ragazzi che agli adulti, che possono aiutare a comprendere meglio i meccanismi della Rete e sensibilizzare tutti per un utilizzo del web più consapevole e positivo. Scopri i titoli consigliati: .image-carousel-container{ width:60%;} .mondo-erickson .banner-container [class^='banner-lev'] { position: relative; width: 60%; } @media (max-width:767px){ .image-carousel-container{ width:100% !important;} .mondo-erickson .banner-container [class^='banner-lev'] { position: relative; width: 100%; } }
Leggi di più
Search-ME - Erickson 5 Adolescenza
Di fronte a storie così complesse gli operatori devono essere creativi, costruire spazi di ascolto, saper accogliere rabbia e abbandono. Soprattutto in questo periodo.
Lavorare con i ragazzi adolescenti nell’ambito dei servizi che si occupano di tutela minori significa, molto spesso, avere a che fare con minori che si proiettano verso l’età adulta con alle spalle delle storie complesse e dolorose, caratterizzate da abbandoni, trascuratezza e traumi non sempre completamente curati. Sono ragazzi che reagiscono alle diverse esperienze di vita passata con rabbia, tristezza, apatia o nervosismo e che, anche nei casi in cui riconoscono che un aiuto potrebbe garantire loro dei benefici, faticano ad accoglierlo senza prima aver messo a dura prova chi tenta di offrirglielo. A questo si è inoltre aggiunta, negli ultimi mesi di emergenza sanitaria, la sfida connessa alla necessità di costruire delle relazioni con i ragazzi attraverso contatti “a distanza” e spesso mediati da uno schermo. Costruire una relazione, tra passato e futuro Anche quando ci sono dei familiari autenticamente preoccupati per loro, che cercano di sostenerli nel ricevere un aiuto esterno, quella spinta all’autonomia che è propria dell’adolescenza rischia di vanificare lo sforzo. Come possono gli operatori sociali entrare in relazione con questi ragazzi? Come possono sperare di costruire con loro un’autentica relazione d’aiuto che possa sostenerli nel fronteggiare la sfida del futuro, riparando alcuni eventi del loro passato? La storia di Marta Marta era una ragazza di 15 anni per la quale la scuola aveva segnalato al servizio una forte preoccupazione relativa ai suoi comportamenti: alternava infatti giornate in cui era particolarmente provocatoria nei confronti dei professori e dei compagni; ad altri in cui era quasi completamente apatica o, addirittura, interrompeva la frequenza delle lezioni. Quando ho incontrato Marta per la prima volta, ricordo che il colloquio presso il mio ufficio era durato pochissimo ed era stato costellato di insulti e parolacce nei miei confronti. Dopo quella volta Marta non si è più presentata ai colloqui e solo saltuariamente rispondeva alle mie telefonate. Non sapendo come poter entrare in relazione con lei, ho quindi iniziato, in accordo con la sua mamma e a fronte di un flebile assenso che mi aveva dato Marta telefonicamente, ad andare a casa sua per incontrarla. Sono stata a casa di Marta tutte le settimane per sei mesi. Inizialmente mi accoglieva in pigiama, con le tapparelle abbassate e la televisione accesa. Parlava molto poco e in alcuni momenti si arrabbiava molto e mi invitava ad uscire. Avevo quindi fatto un patto con lei: avrebbe potuto interrompere il colloquio nel caso in cui non si sentisse di portarlo avanti, ma avrebbe continuato a farmi salire in casa. Dopo circa due anni da quel primo incontro, Marta durante un colloquio in ufficio in cui mi raccontava della scuola superiore che stava frequentando e delle attività svolte presso il centro diurno, mi ha riportato quanto per lei fosse stato importante che io fossi andata a casa sua quando ci siamo conosciute. È stato faticoso entrare in relazione con Marta, aveva una storia complessa alle spalle e costruire dei rapporti di fiducia per lei era molto difficoltoso. Tante volte nei primi sei mesi di conoscenza con lei, mi sono ripetuta che avrei potuto segnalare in tribunale le mie preoccupazioni e proporre per lei degli interventi, ma sapevo che nessuno di questi avrebbe potuto sortire degli effetti senza che lei ci credesse. Uno spazio di ascolto autentico Lavorare con gli adolescenti significa riconoscerli, accoglierli in tutti gli aspetti (anche contraddittori) del loro carattere, offrire loro uno spazio di ascolto autentico, di vicinanza e accompagnarli nel vedere che gli adulti possono essere un supporto, un riferimento ed un sostegno, anche quando le loro storie li portano a pensarla diversamente. Bisogna essere operatori creativi nell’avere a che fare con i ragazzi adolescenti, uscire dagli schemi e immaginarsi delle strategie per costruire con loro una relazione che sia accogliente e che rispetti le loro esigenze. In questo periodo, anche l’utilizzo delle piattaforme per i contatti a distanza può diventare un’occasione per entrare in relazione con loro, in maniera differente dal passato. Raggiungerli nei loro spazi domestici, comunicare con loro rimanendo nella propria stanza o alla propria scrivania di casa, potrebbe rappresentare un’occasione per sperimentare vicinanza, senza essere intimoriti dalla possibilità che vedano il nostro animale domestico che ci si avvicina mentre parliamo. Tanti casi diversi Nel lavoro in Tutela Minori questa è forse una delle maggiori sfide che gli operatori sociali possono incontrare e che necessariamente richiede un notevole sforzo anche quando le energie e il tempo a disposizione sono pochi, mentre è alto il rischio di vivere dei fallimenti. Le modalità con cui le storie dei ragazzi arrivano ai Servizi sono estremamente differenziate: per alcuni l’autorità giudiziaria si sta occupando di valutare quanto i genitori siano in grado di prendersi cura di loro, per altri invece si sono aperti dei procedimenti di tipo amministrativo o penali, per comportamenti a rischio o per reati che hanno commesso; altri ancora invece arrivano su segnalazione delle scuole, dei vicini di casa, dei medici o dei servizi specialistici i quali, preoccupati per i loro comportamenti hanno ritenuto potesse essere necessario un supporto. Parola d’ordine: reciprocità Qualunque sia la cornice, rimane il fatto che gli operatori sociali siano chiamati ad avviare un lavoro che deve necessariamente coinvolgerli e renderli protagonisti dell’aiuto. Tanto è importante infatti che i minori vengano sempre coinvolti nei percorsi di presa in carico da parte dei professionisti, quanto risulta fondamentale che questo avvenga se i minori in questione sono degli adolescenti. Perché è solo attraverso la costruzione di una relazione di fiducia e fondata sulla reciprocità che con loro sarà possibile costruire un percorso che possano sentire come proprio e dal quale possano farsi coinvolgere.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 6 Idee
Nessuno mette in dubbio le competenze procedurali dei ragazzi, sono le competenze sociali che dobbiamo monitorare. Le nuove generazioni hanno bisogno del nostro aiuto, non del nostro giudizio.
Oggi i ragazzi sono iperconnessi, è un dato di fatto che noi adulti fatichiamo ad accettare. Eppure se proviamo ad analizzare il presente anche noi adulti trascorriamo molto tempo online, ma, a differenza dei più giovani, ci giustifichiamo sostenendo che lavoriamo in rete. Questo ragionamento ci porta a confrontare il nostro tempo trascorso in rete, a lavorare, con il loro, che spesso svalutiamo definendolo tempo perso. Ma davvero i nostri ragazzi e ragazze perdono tempo online? In realtà no. I ragazzi oggi si relazionano online, attraverso i social, i videogiochi, Whatsapp, costruiscono la loro identità (che è sempre e solo una anche se aprono e chiudono account diversi in continuazione). I ragazzi oggi crescono anche online. Non perdono tempo ma si confrontano, dialogano, cercano un rapporto che vada oltre la famiglia, rapporti di amicizia che li aiutino a crescere. Esattamente come noi alla loro età. Noi passavamo ore al parco vicino casa o al telefono, loro chattano, probabilmente con l’amico seduto accanto per evitare che adulti indiscreti ascoltino la conversazione.  Sono iperconnessi, è vero, ma sono sempre adolescenti. Hanno delle competenze tecniche incredibili, creano contenuti, immagini, video, li condividono, li commentano, si divertono e crescono immersi in questa nuova tecnologia. Ma devono ancora imparare le tante competenze sociali che stanno alla base di qualsiasi relazione. Devono imparare a comprendere con empatia le emozioni altrui, imparare che ogni azione porta una conseguenza, e capire in anticipo quale potrebbe essere la conseguenza non è affatto facile. Devono imparare che non basta una faccina sorridente per far capire all’altro che si sta scherzando. Devono capire che le immagini caricate online sono accessibili, scaricabili e modificabili da chiunque in rete, e che questo chiunque non sempre ha buone intenzioni. Devono riflettere sul fatto che spesso ognuno di noi è sia vittima che cyberbullo… basta una immagine, un video, una parola che non rispetti le emozioni altrui per avviare un processo molto doloroso. Non è facile, e spesso nemmeno noi adulti riusciamo a navigare in maniera saggia, anche noi adulti tendiamo a sottovalutare le conseguenze delle nostre azioni, e non sempre diamo il buon esempio. Non è facile, e per navigare in sicurezza bisogna essere un po’ eroi, sempre attenti, divertendosi e accendendo il cervello sempre al momento giusto. Sicuramente La banda degli smanettoni può aiutarvi, ma attenzione, è molto severa nella scelta dei suoi componenti. I super requisiti fondamentali dei membri de La banda degli smanettoni Super curiosità indispensabile nella vita, ma dobbiamo stare sempre attenti a analizzare ogni novità della rete in maniera critica: ai membri della banda le mode fanno un baffo.  Super consapevolezza per navigare in rete dobbiamo essere consapevoli che ogni nostra azione online può essere vista, commentata, usata da chiunque in rete.  Super conoscenza delle nuove tecnologie,  conosci davvero tutto ad esempio di Instagram, o di Tik Tok? Conosci il linguaggio della rete, e le sue regole?  Super coraggio ci vuole coraggio a leggere certe stupidaggini online (per non parlare delle bufale!!!)   Super giustizia  insomma… se è illegale, è illegale! Inutile girarci tanto attorno… ma sei sicuro di sapere esattamente cosa è illegale fare online? Super divertimento tra un clic e un like alla banda piace anche mangiare il gelato tutti assieme, perché l’amicizia, quella vera, non si nasconde dentro la rete!   Imparare a navigare giocando La serie di libri dedicati a “La banda degli smanettoni” propone un approccio molto ludico ai ragazzi, per stimolarli ad apprendere alcune semplici “regole” della rete giocando e divertendosi. La storia si intreccia a una serie di giochi enigmistici che accompagnano il lettore fino alla conclusione. In allegato al libro i ragazzi troveranno le carte di un gioco di ruolo (42 ne Il furto dell’identità digitale) per stimolarli a comprendere le diverse dinamiche della rete giocando assieme, di persona. 
Leggi di più
;