IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Libro
€ 15,30 -15% € 18,00
-15%
Vale 15 punti Erickson

La 3Cultura

Da Gutenberg a Zuckerberg, verso un nuovo umanesimo

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti  — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti  — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti  — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Libro
€ 15,30 -15% € 18,00
-15%
Vale 15 punti Erickson

Descrizione

Libro

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno...

Tra le molteplici trasformazioni del contemporaneo, vi è il mutamento culturale che coinvolge ambiti disciplinari un tempo distanti, la cui interazione è resa sempre più necessaria dai nuovi paradigmi di ricerca, pur restando tuttavia un fenomeno sottovalutato, soprattutto in Italia.
Il volume intende appunto riflettere sull’urgenza di introdurre un cambiamento di rotta dell’attuale modello culturale, trasformazione possibile con l’adozione di un approccio multidimensionale, interdisciplinare e circolare, chiamato terza cultura. Muovendo da un approfondimento trasversale di argomentazioni sul tema, il saggio affronta la questione delle disgiunzioni culturali tra le «scienze dure» e le scienze sociali, con una particolare attenzione al contesto della formazione e degli apprendimenti.
Mixando saggi scientifici — da Damasio a Dawkins, da Nagel a Searle — a racconti — da Calvino a La Capria, a Dostoevskij —, l’autrice crea un labirinto che dispiega un percorso il cui obiettivo è di mettere a tema i molteplici blocchi interposti fra scienziati e umanisti relativi a quello strano oggetto che è la conoscenza.

Libro
ISBN: 9788859010807
Data di pubblicazione: 02/2016
Numero Pagine: 112
Formato: 17x24cm
Libro

Introduzione

Capitolo 1
Lo scenario culturale
Introduzione
La complessità
Il sapere
L’ebbrezza informatica-informativa

Capitolo 2
Le disgiunzioni culturali
Introduzione
La dialettica dualista
Le scienze sociali
Le scienze fisico-matematiche
Le neuroscienze

Capitolo 3
La terza cultura
Introduzione
Oltre gli specialisti, i generalisti e i dubbiosi
Socializzazione e costruzione della terza cultura
L’apprendimento
L’approccio psicologico
L’approccio sociologico
L’approccio scientifico
L’approccio pedagogico
Prime conclusioni

Conclusioni
Bibliografia

Saggistica Cultura
Libro
ISBN: 9788859010807
Data di pubblicazione: 02/2016
Numero Pagine: 112
Formato: 17x24cm
Libro

Introduzione

Capitolo 1
Lo scenario culturale
Introduzione
La complessità
Il sapere
L’ebbrezza informatica-informativa

Capitolo 2
Le disgiunzioni culturali
Introduzione
La dialettica dualista
Le scienze sociali
Le scienze fisico-matematiche
Le neuroscienze

Capitolo 3
La terza cultura
Introduzione
Oltre gli specialisti, i generalisti e i dubbiosi
Socializzazione e costruzione della terza cultura
L’apprendimento
L’approccio psicologico
L’approccio sociologico
L’approccio scientifico
L’approccio pedagogico
Prime conclusioni

Conclusioni
Bibliografia

Saggistica Cultura

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."