IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 13,86 -15% € 16,30
-15%
Vale 13 punti Erickson
Libri

Studiare bene senza averne voglia

Come superare l’alibi della mancanza di volontà

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 13,86 -15% € 16,30
-15%
Vale 13 punti Erickson

Descrizione

Libro

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno...

I contenuti intendono aiutare lo studente in difficoltà, con poca o nessuna stima delle proprie capacità o, peggio ancora, che non ha voglia di studiare, a raggiungere risultati almeno soddisfacenti, dimostrando che l'andar male a scuola non è uno "stile di vita" immodificabile. L'approccio illustrato nel testo si libera in particolare di un argomento da sempre associato ai fallimenti scolastici: la volontà, un termine che viene utilizzato soprattutto citandone la mancanza, per giustificare il "non fare" o per alimentare rimproveri e richiami. È quindi soprattutto un grosso alibi che legittima gli studenti a non impegnarsi.Attraverso discussioni e lezioni sdrammatizzanti sul concetto di volontà, l'autore presenta un corso di brevissima durata per migliorare il profitto scolastico degli alunni. Il metodo è stato sperimentato in scuole medie inferiori e superiori, in Istituti con ragazzi "difficili" e perfino in un carcere minorile. In molti alunni che hanno già seguito questo corso l'aumento di autostima e sicurezza, con interessanti ricadute positive sul "profitto", è stato quasi immediato. I risultati consistono in miglioramenti impressionanti nell'andamento scolastico, in un significativo cambiamento del profitto e in un aumento dell'autostima. Nelle poche volte in cui non si sono riscontrati progressi nelle singole materie si sono notati comunque un aumento della serenità e un miglioramento del benessere dello studente. Il volume illustra nello specifico come applicare il corso in classe e spiega dettagliatamente le strategie che il docente deve mettere in atto. Vi sono poi le risposte alle domande che più frequentemente vengono poste nel corso del programma. Per la semplicità del linguaggio utilizzato e per l'uso frequente di brani tratti da registrazioni reali il volume può servire, oltre che a psicologi clinici, psicologi operanti nelle scuole e insegnanti, anche a studenti delle scuole superiori e universitari per mettere in atto processi autonomi di miglioramento scolastico.

Libro

- Prefazione di Erminio Gius
- Prologo
- Cambiamenti faccia a faccia:
La narrazione del cambiamento
Le tecniche
- Studiare bene senza averne voglia:
Il corso
E poi che cosa succede?
Giudizi degli insegnanti
Quanto dura? Intervista con una ragazza che ha frequentato il corso
Quali limiti ha il corso e cosa occorre fare per renderlo più efficace
- Domande e risposte:
Domande tecniche
Domande di carattere generale
- Bibliografia

Libro
ISBN: 9788879463867
Data di pubblicazione: 03/2003
Numero Pagine: 144
Formato: 17x24cm

 

Educatore Professionale Ambito scolastico
Insegnante Curricolare Scuola dell'infanzia
Insegnante Curricolare Scuola primaria
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Altro
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Italiano / Storia / Geografia
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Lingue straniere
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Matematica / Scienze / Fisica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Musica / Arte
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Scienze motorie e sportive
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Tecnologie / Informatica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Altro
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Italiano / Storia / Geografia
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Lingue straniere
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Matematica / Scienze / Fisica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Musica / Arte
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Scienze motorie e sportive
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Tecnologie / Informatica
Insegnante di sostegno Scuola dell'infanzia
Insegnante di sostegno Scuola primaria
Insegnante di sostegno Scuola secondaria di primo grado
Insegnante di sostegno Scuola secondaria di secondo grado
Contenuti
Libro

- Prefazione di Erminio Gius
- Prologo
- Cambiamenti faccia a faccia:
La narrazione del cambiamento
Le tecniche
- Studiare bene senza averne voglia:
Il corso
E poi che cosa succede?
Giudizi degli insegnanti
Quanto dura? Intervista con una ragazza che ha frequentato il corso
Quali limiti ha il corso e cosa occorre fare per renderlo più efficace
- Domande e risposte:
Domande tecniche
Domande di carattere generale
- Bibliografia

Libro
ISBN: 9788879463867
Data di pubblicazione: 03/2003
Numero Pagine: 144
Formato: 17x24cm
Educatore Professionale Ambito scolastico
Insegnante Curricolare Scuola dell'infanzia
Insegnante Curricolare Scuola primaria
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Altro
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Italiano / Storia / Geografia
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Lingue straniere
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Matematica / Scienze / Fisica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Musica / Arte
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Scienze motorie e sportive
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di primo grado Tecnologie / Informatica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Altro
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Italiano / Storia / Geografia
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Lingue straniere
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Matematica / Scienze / Fisica
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Musica / Arte
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Scienze motorie e sportive
Insegnante Curricolare Scuola secondaria di secondo grado Tecnologie / Informatica
Insegnante di sostegno Scuola dell'infanzia
Insegnante di sostegno Scuola primaria
Insegnante di sostegno Scuola secondaria di primo grado
Insegnante di sostegno Scuola secondaria di secondo grado

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."