IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Tematica
Argomento
Utile in caso di
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Filtra
Filtra per
Tematica
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Argomento
Utile in caso di
Risultati trovati: 5
Search-ME - Erickson 1 Lavoro sociale
Uno studio rileva il continuum di violenze nei vissuti di donne e madri «dalla pelle nera»
Il crescente arrivo di donne in gravidanza è uno dei temi al centro del dibattito politico e mediatico sulle migrazioni attraverso il Mediterraneo Centrale. La visione umanitaria, secondo cui le donne in gravidanza sono soggetti che «meritano» più di altre categorie di migranti di essere salvate e accolte in Europa si contrappone alla visione securitaria, secondo cui le migranti in gravidanza vanno intese come soggetti che approfitterebbero dello stato di gravidanza per avere maggiori aiuti da parte degli Stati in cui sono accolte, sia sul piano dell’assistenza sanitaria sia su quello politico e sociale. Le conoscenze relative ai vissuti (e ai destini) di queste donne rimangono però molto limitate. L’origine delle gravidanze e soprattutto il fatto che nella maggior parte dei casi si tratta di gravidanze indesiderate sfugge a un’analisi approfondita. In base ai dati raccolti da una ricerca svolta nel 2016, le migranti nigeriane accolte a Lampedusa presentano due profili. Un primo gruppo, che corrisponde a circa il 60 % delle migranti arrivate nel 2016, è costituito da ragazze giovani (16-20 anni). Nella maggior parte dei casi, queste ragazze sono state forzate a lasciare la Nigeria: alcune sono state vendute dalle proprie famiglie, altre rapite allo scopo di ingrossare le fila del mercato della prostituzione. L’altro gruppo di migranti nigeriane è composto da donne che decidono in prima persona di abbandonare la Nigeria. Tendenzialmente queste donne hanno un livello di istruzione maggiore (scuola media o diploma superiore) e un’età più avanzata (22 - 34 anni) rispetto al primo gruppo. Anche se queste donne hanno storie diverse, la maggior parte di loro è esposta alle stesse forme di violenza sessuale durante il viaggio migratorio. Il rischio di subire delle violenze è legato all’identità di genere, ma anche ad altri elementi, quali il colore della pelle e i fattori religiosi. Se fino all’arrivo in Libia alcune di queste donne riescono a sfuggire alle violenze sessuali grazia alla protezione di un compatriota, all’arrivo in Libia la situazione peggiora drasticamente.  Le donne tenute prigioniere dalle milizie subiscono stupri che spesso risultano in gravidanze: delle 558 donne nigeriane arrivate a Lampedusa nel 2016, 79 erano in gravidanza (ovvero il 14%). All’interno di questo gruppo, l’80% delle donne ha dichiarato di non essere a conoscenza dell’identità del padre del bambino. Più della metà (43 su 79 migranti), una volta arrivata a Lampedusa, ha chiesto di interrompere la propria gravidanza perché la associava a una violenza subita in Libia. All’arrivo in Italia si presentano per queste donne anche altri problemi. I luoghi in cui risiedono dopo il loro arrivo (i Centri di Accoglienza Straordinari) sono pensati come luoghi di residenza temporanei ma spesso le donne vi rimangono mesi e nonostante la loro condizione non godono di un migliore trattamento. La scarsa attenzione ai bisogni delle donne in gravidanza, la posizione delle strutture lontano dai centri abitati, l’assenza di psicologi che garantiscano una comunicazione in inglese, i pregiudizi sessisti e razzisti che in certi casi condizionano l’intervento degli operatori, sono tutti fattori che accentuano l’isolamento fisico e l’emarginazione sociale, con ripercussioni sulla salute delle donne.   L’articolo completo a cura di Chiara Quagliariello, Ricercatrice all’École des hautes études en Sciences Sociales (EHESS) di Parigi, è disponibile sul numero di agosto 2019 della rivista Erickson Lavoro sociale.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 2 Lavoro sociale
L’invecchiamento delle persone con disabilità intellettive pone nuove sfide al Lavoro Sociale
Negli ultimi decenni le condizioni di vita nella nostra società sono notevolmente migliorate, producendo un aumento delle aspettative di vita, con un conseguente innalzamento dell’età media della popolazione. Questo fenomeno di progressivo invecchiamento rappresenta uno dei temi più dibattuti sul futuro dell’Europa, e ci costringe a interrogarci anche sul futuro delle persone con disabilità. Oggi, infatti, siamo di fronte alla prima generazione di persone con disabilità che vive a lungo: basti pensare per esempio che negli anni Trenta del secolo scorso la sindrome di Down era considerata una condizione pediatrica e la speranza di vita non arrivava alla maggiore età. Questa realtà ci mette di fronte a nuovi cambiamenti e a questioni che fino a pochi decenni fa non venivano nemmeno prese in considerazione. Spesso le istituzioni sembrano fare fatica a gestire queste situazioni, sia a livello di singolo caso (l’invecchiamento porta con sé deficit che si aggiungono a precedenti disturbi del neurosviluppo, con evidenti ripercussioni sulla persona) e nel macrocontesto (le nuove sfide poste al Lavoro Sociale e ai suoi operatori, ma anche agli stessi familiari).  Per fronteggiare il problema dell’invecchiamento delle persone con disabilità intellettiva servono strumenti che aiutino a distinguere la condizione di deficit legata a una sindrome del neurosviluppo da quella determinata dall’avanzamento nell’età.  Questo richiede un diverso approccio, culturale, sociale, ma anche professionale, che ponga al centro una riflessione globale sul fenomeno, che metta in primo piano i diritti delle persone con disabilità intellettive e che consideri la qualità di vita degli individui come obiettivo principale di qualsiasi intervento. Sappiamo che, con il procedere dell’età, alcune funzioni tendono a declinare o a rallentare, che altre rimangono inalterate e che questi cambiamenti sono naturali. Riconoscere questo processo nelle persone con disabilità intellettiva pone nuove sfide ai familiari, ai servizi e alle persone stesse che invecchiano. Diventa quindi fondamentale valutare correttamente la persona, il suo bisogno di sostegno, il livello di stimolazione più adeguato al momento della vita in cui si trova. Esistono strumenti provenienti dalla letteratura internazionale che permettono di effettuare lo screening per la demenza anche in persone con disabilità intellettiva: un passo importantissimo, che diventerebbe ancor più fondamentale se si lavorasse in parallelo sull’inclusione delle persone con disturbi del neurosviluppo nel Piano nazionale demenze, come raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità e come già è stato fatto negli Stati Uniti e alcuni Paesi europei. Un altro aspetto da sottolineare è che in Italia quasi il 50% delle persone con disabilità intellettiva vicina all’età anziana vive in casa e l’aumento delle patologie tipiche dell’invecchiamento aumenta le difficoltà che i carer e gli stessi adulti con questa forma di disabilità devono affrontare. Diventano cruciali interventi che permettano un adeguato contesto ambientale e relazionale, affinché la persona sia accompagnata a vivere in modo dignitoso questa condizione.   L’articolo completo a cura di Tiziano Gomiero, Coordinatore Project DAD di ANFFAS Trentino è disponibile sul numero di agosto 2019 della rivista Erickson Lavoro Sociale.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 3 Lavoro sociale
“Il modo in cui una persona soffre di demenza dipende in misura determinante dalla qualità della care.” Tom Kitwood
Gli operatori sociali, nel loro gergo, parlano di «peso assistenziale», di «presa in carico», di stress dei caregiver e così via. Tale linguaggio è espressivo ma sintomatico di un sentimento ingenuo, pregno di senso comune. Voltaire definisce il senso comune come «una via di mezzo tra la stupidità e l’acume». Coglie nel segno e allo stesso tempo non coglie.  Tom Kitwood ci porta per mano a riflettere. Ci dice che la gravità oggettiva dei disagi esistenziali cui gli operatori o i familiari debbono far fronte dipende non solo dalle caratteristiche oggettive di quei disagi bensì anche, nello stesso tempo, dalle caratteristiche delle misure atte a rispondervi.  Dipende circolarmente da quale e quanta care viene agita, o non agita, nelle situazioni, dalla intrinseca sua razionalità o irrazionalità (organizzativa, tecnica, emotiva, ecc.). La «risposta» influenza la «domanda». Il «dopo» influenza il «prima».  La «soluzione» crea/mantiene il «problema». Kitwood ci sta dicendo: la care non sempre... è care.  Un’assistenza magari meccanicamente efficiente ma non adeguata umanamente non solo — dice Kitwood — non risponde ai bisogni degli assistiti, lasciandoli per così dire «irrisolti». Può incistarsi nella situazione che la richiede e divenire — in misura determinante — parte di essa, un elemento della sua gravità.  Io operatore, o io Organizzazione assistenziale, dovrei sempre riflettere prima di «incolpare» questo o quel caso di essere «troppo complesso» o «intrattabile», ecc. Dovrei chiedermi: non è che forse, quando misuro quella gravità o quel peso, calco sulla bilancia, inavvertitamente, con il mio piede? 
Leggi di più
Search-ME - Erickson 4 Lavoro sociale
I cambiamenti possibili che si profilano con l’invecchiamento della popolazione
L’Italia è attualmente uno dei paesi più anziani del mondo, con il più alto tasso di popolazione sopra i 65 anni. È stato stimato che, nell’arco di 9 anni, ovvero nel 2028, si registrerà in Italia una popolazione anziana non autosufficiente pari a 6,3 milioni di persone (Rapporto Osservasalute 2017). Secondo le proiezioni, nel 2028, tra gli over 65 le persone non in grado di svolgere le attività quotidiane per la cura di se stesse  - dal lavarsi al mangiare - saranno circa 1,6 milioni (100 mila in più rispetto a oggi), mentre quelle con problemi di autonomia - preparare i pasti, gestire le medicine e le attività domestiche - arriveranno a 4,7 milioni (+700 mila). Questa situazione demografica avrà degli importanti riflessi anche sul piano sociale. Molte dinamiche che già conosciamo e vediamo in atto diventeranno sempre più diffuse nella nostra società. Già oggi molte persone anziane vivono con figli lontani da loro. Alla mobilità dei figli si combinano più realtà come calo demografico e flussi migratori. Se figlie e figli, per ragioni di lavoro o per altre cause, vivono lontane e lontani, è possibile che la funzione di caregiver sia assunta da chi arriva da lontano, dalle persone che comunemente chiamiamo “badanti”. Questo significa molto per gli operatori sociali. Soffermiamoci su due aspetti. LA PERSONA ANZIANA POTREBBE AVERE UNA RETE SOCIALE, E IL CAREGIVER NO.  Un operatore sociale dovrebbe curare il possibile intreccio fra chi conosce le risorse della rete sociale e chi ha le risorse per le cure quotidiane. È un’intermediazione che può avere bisogno di coinvolgere mediatori culturali. Questi potrebbero integrarsi nella rete sociale. Questa dinamica può superare la polarizzazione di chi può e chi non può più. Ciascuno ha risorse diverse: combinandosi e intrecciandosi, permettono a chi è anziano di sentirsi vivo e in qualche modo attivo; alla o al «badante» di uscire dall’isolamento di chi, venendo da lontano, non ha rete sociale. Il compito di chi è operatore sociale è impegnativo e appassionante: si tratta di far crescere un nuovo paesaggio sociale, in cui chi occupa un ruolo professionale e sociale collabora e attiva diverse competenze di chi occupa ruoli sociali multifunzionali. LONTANANZE DA SUPERARE E VICINANZE DA RIPENSARE Figlie e figli lontani devono assumere la giusta distanza. Non quella che si misura in chilometri. Lo stesso è per le «badanti» e le loro famiglie. Le lontananze devono essere superate. Le vicinanze allentate e non contrassegnate da incapacità: ti devo stare accanto perché non sei capace… Un operatore sociale deve facilitare il superamento delle lontananze. E aiutare a non fare che le vicinanze siano solo e sempre nel segno dell’incapacità.  La vicinanza caratterizzata da un eccesso di interventi assistenziali può indurre all’abbandono, da parte di una persona anziana, anche di ogni piccola iniziativa, diventando prigioniera dell’assistenzialismo. Un operatore sociale dovrebbe vivere il suo ruolo in un orizzonte ampio, accogliendo, con una gentile ospitalità, tutte le persone coinvolte nella vita di una persona anziana. Che, a sua volta, sentirà come l’orizzonte ampio permetta di fare stare in lei tutte le stagioni della vita. L’articolo completo di Andrea Canevaro, professore emerito all’Università di Bologna e «padre» della pedagogia speciale in Italia, è disponibile sul numero di giugno 2019 della rivista Erickson Lavoro Sociale.  
Leggi di più
Search-ME - Erickson 5 Lavoro sociale
L’importanza di saper realizzare cambiamenti di emergenza ed evolutivi
Il lavoro sociale ha come finalità la realizzazione di cambiamenti. Chi opera nel lavoro sociale deve tener conto della necessità di cambiamenti rapidi, e della necessità di cambiamenti evolutivi lenti. I primi riguardano esseri umani che devono salvare la loro vita. Chi sta affogando ha bisogno di essere portato in salvo al più presto. Alle spalle del salvataggio c’è un’organizzazione dei salvataggi. Chi opera può trovarsi imbrigliato, intrappolato, nell’organizzazione che potrebbe non essere adeguata alle esigenze dei tempi, dovendo a sua volta tener conto di un’impalcatura di regole e di una normativa un po’ polverosa. Per questo diciamo che chi opera nel lavoro sociale deve essere un equilibrista: deve mantenere un equilibrio, anche caratteriale, fra due tipi di cambiamento a cui il suo operare può e deve contribuire. È l’equilibrio professionale. Il tempo del cambiamento del salvataggio sembrerebbe essere solo e unicamente quello dell’immediatezza. È davvero così? Non sempre. Chi opera nel lavoro sociale con un ruolo professionale deve tener conto dell’apparato istituzionale. Non deve usare solo l’acceleratore, ma anche le diverse marce dell’auto, e quindi anche il freno e la frizione. Senza dimenticare il volante e le segnalazioni luminose. Per accelerare, a volta è bene rallentare. L’apparato complesso che nella nostra metafora è l’automobile ha bisogno di cambiare evolvendo. Anche chi sta affogando dovrebbe cambiare evolvendo, per non ritrovarsi nelle condizioni che portavano all’annegamento. I due cambiamenti, quello dell’immediatezza e quello dell’evoluzione, devono contaminarsi. Il primo permette l’altro. Il primo riesce meglio avendo fiducia nell’altro. E contribuendo alla sua realizzazione: alla fiducia va aggiunta la capacità di attendere, la pazienza. Evolviamo lentamente e cambiamo profondamente se non ci accontentiamo della sopravvivenza immediata. L’evoluzione deve procedere come fa chi si arrampica in montagna, facendo roccia. Deve sentirsi quadrupede, e muovere un piede o una mano solo avendo le altre tre membra ben salde. Il cambiamento di chi fa roccia fa un uso prudente, parsimonioso, dell’immediatezza. Deve essere un’immediatezza ponderata. Sembra un paradosso. È il paradosso in cui vive e può svilupparsi il lavoro sociale: chi ha un ruolo professionale deve farsi carico del doppio cambiamento, quello del pronto soccorso e quello dell’apparato istituzionale del pronto soccorso. L’efficienza e l’efficacia dell’immediatezza del pronto soccorso va documentata in modo da favorire il cambiamento evolutivo dell’apparato istituzionale del pronto soccorso. È una tappa di percorso delicata e insidiosa. L’apparato istituzionale, vedendo efficienza ed efficacia, potrebbe ritenere che non ci sia bisogno di alcun cambiamento. È così. Il cambiamento evolutivo è sorprendente a posteriori. Nel suo svolgimento è inavvertito. Chi ha un ruolo professionale dovrebbe stare nel tempo dell’immediatezza e in quello del cambiamento evolutivo. Evitando di scegliere l’uno o l’altro. L’uno e l’altro. Meglio: uno è nell’altro. Non è un compito facile. Non si impara in una formazione formale. È una pratica, una capacità, che nella nostra cultura si è sovente nascosta nelle donne. Consiste in quelle pratiche di routine che sembrano sempre uguali, ma coinvolgono gradualmente la partecipazione attiva dell’altro, come ad esempio un essere umano che sta crescendo. Aiutano e permettono un cambiamento evolutivo grazie alla sicurezza fornita da gesti, orari, suoni e parole, che sembrano sempre uguali. I “quadri” dell’apparato istituzionale possono assumere queste capacità? La risposta non dovrebbe ridursi alla scelta fra il sì e il no. Siamo accecati dallo stereotipo che ci fa vedere in chi dirige un guardiano inflessibile, e quindi un po’ rigido, dell’ordine stabilito una volta per tutte, senza fantasie e avventure. Ogni stereotipo contiene qualche verità e nello stesso tempo impedisce di vedere qualche verità. Nel lavoro sociale è importante allenarsi al discernimento, per non essere accecati dagli stereotipi. Essendo il lavoro sociale un lavoro di filiera, il discernimento è facilitato e reso possibile. Una filiera è composta da diverse produzioni che si collegano l’una all’altra, trasmettendosi ciascuno la propria produzione. Questa viene accolta e integrata, a volte con apposito trattamento, in una nuova produzione a sua volta trasmessa. La suddivisione del tempo, nella filiera, diventa uno strumento fondamentale per non polarizzare la propria vita in “sconfitto”/“vincente”. C’è chi vive il momento di sconfitta, e chi, in quello stesso momento, è vincente. In un altro momento i ruoli potrebbero essersi scambiati le parti. La suddivisione del tempo nella filiera non inchioda nessuno a un momento. Nella notte dei tempi, e non solo, gli esseri umani hanno alzato lo sguardo. Di giorno si sono orientati con il sole. Di notte con le stelle. Gli esseri umani, essendo nomadi imperfetti e operosi, si sono organizzati guardando in alto. Allargando l’orizzonte e cercando un punto di riferimento alto, in cui poter riporre fiducia. Può sembrare strano e paradossale: questa organizzazione spaziale è organizzazione mentale. La mente di un essere umano ha sviluppato al suo interno un’organizzazione più ampia e complessa rispetto agli altri esseri viventi. Per riconoscere, occorre ricordare. E possiamo farlo in maniera individuale e solitaria, con scarsi risultati rispetto a nostro costante bisogno di appartenenza. Gli esseri umani sono nomadi operosi sociali. Dobbiamo, quindi, avere memoria aperta alla condivisione. È una memoria nomade. Deve avere un bagaglio di conoscenze e sapere utilizzare quelle adatte alla specificità del contesto. Senza la presunzione di possedere tutte le conoscenze utili. L’incontro con l’altro è apertura alle sue conoscenze. Banalizzando, se andiamo in un posto e cerchiamo una certa strada, domandiamo a chi ci sembra del posto. Nelle pieghe della storia dell’umanità si nascondono quegli esploratori di terre che non conoscevano e che visitavano con bagaglio leggero e la speranza di trovare una popolazione autoctona a cui poter domandare. Chi conosceva quel posto poteva dire come difendersi da pericoli, come affrontare il freddo e il caldo, come nutrirsi, e forse poteva offrire un riparo per la notte. In cambio, l’autoctono poteva ricevere notizie. Tra le parti si sviluppava un insegnamento linguistico reciproco, aiutato da gesti, oggetti, segnali che diventavano condivisi. È il cambiamento evolutivo, bellezza!
Leggi di più
;