IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Tematica
Argomento
Utile in caso di
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Filtra
Filtra per
Tematica
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Argomento
Utile in caso di
Risultati trovati: 8
Metodo Montessori e anziani fragili Prerequisiti per l'apprendimento
Partire dallo sviluppo della sensibilità consente di sostenere il bambino nello sviluppo della sua intelligenza e del potere dei sensi che usa per conoscere l’ambiente
Nel periodo che va dai 3 ai 6 anni il bambino vive un periodo di sviluppo sensoriale, scopre il potere dei sensi che usa per conoscere il suo ambiente. Proponendogli un certo tipo di attività lo sosteniamo nel suo sviluppo spontaneo. Partire dallo sviluppo della sensibilità consente di sostenere lo sviluppo dell’intelligenza: la mente assorbente del bambino piccolo non conosce limiti e integra in continuo i numerosi stimoli dall’ambiente, ma queste impressioni e sensazioni vengono immagazzinate a seconda delle circostanze, senza seguire un ordine preciso. Per rendere il bambino protagonista di questo lavoro di catalogazione e non un mero esecutore, vengono messi a disposizione oggetti precisi e chiari, facili da manipolare, che gli consentono di elaborare concetti precisi e chiari. Il materiale Montessori presenta una «qualità» alla volta, la grandezza, il peso, la ruvidezza, ecc.: in questo modo si dirigono «metodicamente gli stimoli sensoriali, affinché le sensazioni si svolgano razionalmente», come sosteneva la stessa Maria Montessori. Non si procede quindi dal semplice al complesso, ma da un elemento abbastanza difficile in grado di svegliare l’interesse, per poi, in un secondo momento, tornare all’analisi dei dettagli. Si presentano prima pochi stimoli fortemente contrastanti per passare poi a stimoli differenziati tra loro in modo sempre più sottile e impercettibile. Con l’educazione sensoriale si mira ad allargare il campo della percezione in modo da rendere i bambini più consapevoli del loro ambiente: è un’educazione «dilatatrice». Il materiale sensoriale funge da meccanismo che fa scattare un processo interiore presentando piccole sfide all’intelligenza, suscitando la sua attività senza ostacolarla. Sono attività che forniscono al bambino una chiave che sblocca la sua intelligenza. Se consideriamo che l’intelligenza è la «capacità di discriminazione» allora un’intelligenza che è in grado di distinguere è più forte. Una mente confusa potrà difficilmente distinguere sfumature di colori o grandezze che a prima vista sono simili.  Usando il materiale sensoriale, il bambino impara a selezionare, mettere in relazione, discriminare, appaiare, classificare le caratteristiche, individuare serie coerenti, ma anche intuire concetti come interdipendenza o relatività. Il bambino inizia con l’identificare (scegliere spolette di colori identici, comporre aste di stessa lunghezza...) e il classificare (sistemare i colori secondo la gradazione, i cilindri col diametro crescente...).  Si tratta quindi di una vera e propria ginnastica mentale, che lo prepara a svolgere gli stessi esercizi di giudizio e di valutazione dell’ambiente che lo circonda. Maria Montessori aveva notato che prima dei 6 anni l’attenzione del bambino è attratta dagli stimoli, ma nella natura non si trovano oggetti precisi, graduati scientificamente. Il materiale sensoriale vuole quindi «dirigere metodicamente»  Quali sono le caratteristiche che differenziano i pezzi di legno colorati, chiamati materiali sensoriale, da altri giocattoli che si trovano in commercio? È un materiale sistematico e limitato, cioè tutti gli oggetti fanno parte di una serie, spesso composta di dieci elementi. Si tratta di un numero «sufficiente»: se si danno troppi oggetti l’attenzione rischia di disperdersi.  Rispondo al criterio dell’isolamento della «qualità» (in ogni serie di materiale cambia un solo aspetto) e della gradazione della «qualità» (la differenza tra ogni elemento di una serie è regolare e, in numerosi casi, questa gradazione è stabilita in modo matematico. Inoltre sono materiali che rendono il bambino attivo, sono oggetti attraenti e contengono il controllo dell’errore: grazie al controllo dell’errore il bambino è invitato a ragionare, si rende conto da solo dell’errore e vi rimedia grazie al feedback autoregolatore. L’adulto deve dare la spinta necessaria, e non gli rimane che meravigliarsi di fronte alla crescita dei bambini e rallegrarsi di fronte alle loro scoperte.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 1 Attività
La simpatica Rana Morgana accompagna i più piccoli nel mondo del bosco, tra nuove parole e rime da memorizzare
Avvicinare i più piccoli alla lettura sin dai primi anni di vita è un aspetto molto importante. Certo, a volte farlo non è così semplice. Ma con una storia illustrata e l’accompagnamento di un adulto può essere più facile. Il castello di Rana Morgana della psicopedagogista Anna Maria Venera è pensato proprio per questo. Una lettura piacevole che trasporta in un mondo magico nel quale una rana abita in un castello in mezzo al lago e dice di essere una principessa. Con l’aiuto dei suoi nuovi amici Cigno Bianco, Tasso Taglialatela, Talpa Occhiali Gialli e Lola la Libellula la Rana Morgana riesce a preparare la corsa d’inizio estate! Unisciti a loro in un viaggio emozionante nel misterioso mondo del bosco. Leggi la storia e rispondi alle domande per memorizzare e ripetere parole nuove, prendere confidenza con nuove emozioni, memorizzare simpatiche filastrocche in rima! Mettiti subito alla prova con le domande che abbiamo preparato per te!
Leggi di più
Search-ME - Erickson 2 Attività
Una storia divertente, giochi da fare con mamma e papà e tante cose da scoprire
C’è un pesce palla che sogna di diventare un meraviglioso delfino e che, a un certo punto, sparisce nel nulla. A risolvere il mistero dovranno essere i suoi amici Polpo Milleventose, Gina la Tartaruga, Cirillo il Granchio e Regina l’Aragosta. In questa storia potrai unirti a loro in un viaggio emozionante nel colorato mondo sottomarino. Una favola avvincente per avvicinare i più piccoli alla lettura e accompagnare lo sviluppo emotivo e cognitivo dei bambini attraverso tre importanti momenti: avvicinarsi al mondo dei libri con una storia illustrata, sperimentarsi e divertirsi in modo creativo con numerose attività e iniziare a sviluppare – assieme a mamma e papà – tutti i prerequisiti necessari per affrontare la scuola e gli apprendimenti. Leggi e scopri le attività che abbiamo selezionato per te!
Leggi di più
Search-ME - Erickson 3 Attività
Con Primi voli l’apprendimento avviene in maniera naturale, già da piccolissimi
Tante storie e attività che permettono di imparare divertendosi nella scuola dell’infanzia. Primi voli permette di apprendere divertendosi con il Metodo Analogico, ideato dal maestro Camillo Bortolato, nella scuola dell’infanzia. Fare, contare e pensare sono le azioni che permettono ai bambini di acquisire consapevolezza di sé e della realtà che li circonda, in una continua sperimentazione delle proprie capacità. Primi voli è consigliato a tutti quei genitori che desiderano sperimentare un apprendimento precoce con i loro figli perché il Metodo Analogico fa leva sull'intuito dei bambini per trasformare l'apprendimento della matematica e della lingua italiana in un gioioso volo di scoperta, un metodo di studio efficace capace di accompagnare i bambini nell’apprendimento in modo naturale mediante metafore e analogie. Scopri le attività che abbiamo selezionato per te!
Leggi di più
Search-ME - Erickson 4 Attività
Una navicella è in orbita: unisciti alla scoperta tra attività rilassanti e occasioni di potenziamento di competenze
Un’avventura nello spazio, con una velocissima navicella spaziale, tra disegni, cornicette e fumetti. Sei pronto per partire? Tieniti forte e segui Mina, Rigo, Scarabocchio e il Capitano Lapis che hanno una missione ben precisa: recuperare 10 mostri dispersi nello spazio. Questi simpatici personaggi ti accompagneranno tra diversi esercizi ed enigmi utili per potenziare alcune competenze come orientamento spaziale, pregrafismo e avviamento alla letto-scrittura, attenzione e concentrazione, coordinazione oculo-manuale e abilità grafo-motoria. Sono anche occasioni di rilassamento e svago per passare le giornate estive in maniera piacevole e intelligente. Grazie a semplicità e immediatezza, le attività possono essere eseguite in autonomia da tutti i bambini sia a casa che a scuola per potenziare le principali abilità e competenze necessarie nella scuola primaria. Adesso tocca a te: prova le attività con alcune schede che abbiamo selezionato!
Leggi di più
Search-ME - Erickson 5 Attività
Un modo gioco e divertente per sviluppare i prerequisti della scuola primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria è un momento cruciale per tutti i bambini. Ti facciamo scoprire una serie di attività utili per sviluppare abilità, conoscenze e competenze necessarie per prepararsi a questo “piccolo grande salto”. Pronti per la scuola con i Cuccioli sono quaderni – con protagonisti i sei simpatici Cuccioli della serie animata su Rai Yo-Yo – che propongono diverse attività per sviluppare prerequisiti della letto-scrittura, prerequisiti della matematica, attenzione e memoria, motivazione e sfera socio-affettiva. I quaderni sono accompagnati da alcuni suggerimenti per l’uso dei materiali rivolti all'adulto. Addentrati nella Grotta del multidrago: scopri attività ed esercizi per metterti subito alla prova!
Leggi di più
;