IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Tematica (1)
Argomento
Utile in caso di
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Filtra
Filtra per
Tematica (1)
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Informazione obbligatoria
Argomento
Utile in caso di
Risultati trovati: 45
Search-ME - Erickson 1 Lavoro sociale
L’invecchiamento delle persone con disabilità intellettive pone nuove sfide al Lavoro Sociale
Negli ultimi decenni le condizioni di vita nella nostra società sono notevolmente migliorate, producendo un aumento delle aspettative di vita, con un conseguente innalzamento dell’età media della popolazione. Questo fenomeno di progressivo invecchiamento rappresenta uno dei temi più dibattuti sul futuro dell’Europa, e ci costringe a interrogarci anche sul futuro delle persone con disabilità. Oggi, infatti, siamo di fronte alla prima generazione di persone con disabilità che vive a lungo: basti pensare per esempio che negli anni Trenta del secolo scorso la sindrome di Down era considerata una condizione pediatrica e la speranza di vita non arrivava alla maggiore età. Questa realtà ci mette di fronte a nuovi cambiamenti e a questioni che fino a pochi decenni fa non venivano nemmeno prese in considerazione. Spesso le istituzioni sembrano fare fatica a gestire queste situazioni, sia a livello di singolo caso (l’invecchiamento porta con sé deficit che si aggiungono a precedenti disturbi del neurosviluppo, con evidenti ripercussioni sulla persona) e nel macrocontesto (le nuove sfide poste al Lavoro Sociale e ai suoi operatori, ma anche agli stessi familiari).  Per fronteggiare il problema dell’invecchiamento delle persone con disabilità intellettiva servono strumenti che aiutino a distinguere la condizione di deficit legata a una sindrome del neurosviluppo da quella determinata dall’avanzamento nell’età.  Questo richiede un diverso approccio, culturale, sociale, ma anche professionale, che ponga al centro una riflessione globale sul fenomeno, che metta in primo piano i diritti delle persone con disabilità intellettive e che consideri la qualità di vita degli individui come obiettivo principale di qualsiasi intervento. Sappiamo che, con il procedere dell’età, alcune funzioni tendono a declinare o a rallentare, che altre rimangono inalterate e che questi cambiamenti sono naturali. Riconoscere questo processo nelle persone con disabilità intellettiva pone nuove sfide ai familiari, ai servizi e alle persone stesse che invecchiano. Diventa quindi fondamentale valutare correttamente la persona, il suo bisogno di sostegno, il livello di stimolazione più adeguato al momento della vita in cui si trova. Esistono strumenti provenienti dalla letteratura internazionale che permettono di effettuare lo screening per la demenza anche in persone con disabilità intellettiva: un passo importantissimo, che diventerebbe ancor più fondamentale se si lavorasse in parallelo sull’inclusione delle persone con disturbi del neurosviluppo nel Piano nazionale demenze, come raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità e come già è stato fatto negli Stati Uniti e alcuni Paesi europei. Un altro aspetto da sottolineare è che in Italia quasi il 50% delle persone con disabilità intellettiva vicina all’età anziana vive in casa e l’aumento delle patologie tipiche dell’invecchiamento aumenta le difficoltà che i carer e gli stessi adulti con questa forma di disabilità devono affrontare. Diventano cruciali interventi che permettano un adeguato contesto ambientale e relazionale, affinché la persona sia accompagnata a vivere in modo dignitoso questa condizione.   L’articolo completo a cura di Tiziano Gomiero, Coordinatore Project DAD di ANFFAS Trentino è disponibile sul numero di agosto 2019 della rivista Erickson Lavoro Sociale.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 2 Lavoro sociale
Lettera di un’assistente sociale in smart working
Sento la necessità di riordinare le idee. È successo tutto così velocemente. Era un sabato di febbraio quando la notizia dei contagiati di coronavirus è balzata agli onori della cronaca e il lunedì in ufficio, da subito mi è stato vietato di recarmi in una certa zona e/o accogliere persone provenienti da quella zona. Da allora una restrizione continua, prima potevamo vedere le persone solo per questioni urgenti e poi all’improvviso, giovedì scorso la comunicazione che dal giorno dopo iniziava lo smart working, a giorni alterni e con la presenza in ufficio bisettimanale. Poi di nuovo ulteriori restrizioni e l’obbligo dello smart working come modalità di lavoro ordinario. E chi l’aveva mai sentito questo termine nei servizi sociali? Ovviamente il primo pensiero, come tutti noi, va alla nostra salute, ai nostri cari e alla preoccupazione di essere direttamente coinvolti e/o travolti da questa malattia, ma quando mi sono ritrovata al primo giorno di smart working, davanti al mio pc, la sensazione di disorientamento ha iniziato a prendere il sopravvento. Non tanto perché non sapessi cosa fare, anzi, tra relazioni, aggiornamenti di diari, sistemazione di cartelle ecc gli impegni sono tanti, ma il disorientamento è stato rispetto al lavoro con la persona.  Come è possibile fare l’assistente sociale a distanza? la nostra professione si fonda sulla relazione, sulla presenza fisica indispensabile per l’aiuto e come si può fare adesso? Ormai è una settimana che sono in smart working e nel corso delle giornate ho iniziato a sentire le persone, i colleghi d’ufficio e dei territori e ho iniziato ad annotarmi ogni piccolo cambiamento nel modo di essere e fare l’assistente sociale. Ho individuato alcune aree in cui si stanno verificando delle mutazioni che, chissà, potranno forse portare qualcosa di buono per la professione e per le persone con cui lavoriamo? Lo spazio di lavoro A casa è tutto diverso. Il tavolo della cucina o del salotto diventa il tuo ufficio, letteralmente invaso da documenti, fascicoli, pc e tutta la strumentazione necessaria. Ogni mattina, proprio come se andassi in ufficio, mi vesto e a volte persino mi trucco e/o indosso le scarpe, perché credo che telefonare alle persone o ai colleghi in pigiama mi renda meno credibile e sia irrispettoso, anche se non mi vedono, l’abito comunque, è il caso di dirlo, fa il monaco. Il mio fidanzato con cui convivo da diversi mesi, vive la quotidianità del mio lavoro e, finalmente, ha capito cosa fa l’assistente sociale.  Lo spazio del lavoro e lo spazio della vita privata è unico, senza alcuna distinzione e questo secondo me “informalizza” i rapporti.  A casa ci si sente a proprio agio, è un ambiente conosciuto e familiare, così anche le telefonate finiscono per essere più familiari. Inoltre i familiari partecipano alla vita lavorativa e tu partecipi alla loro, forse questo essere “così famiglia” lo avevamo perduto da tempo. Il tempo del lavoro Quando lavori in ufficio e timbri il badge, l’inizio e la fine del lavoro è scandita e quando esci dalla porta dell’ufficio fai altro. Capita di portarti il lavoro a casa, psicologicamente o materialmente, ma sono casi rari. A casa cambia invece. Finisci per guardare le mail dell’ufficio alle 22 e ti ritrovi a rispondere alla mail di una persona a qualunque ora.  Trovandoci in una condizione di emergenza continua, siamo più flessibili, maggiormente predisposti ai repentini cambiamenti e pronti a riorganizzare il lavoro anche all’improvviso, per rispondere a esempio a una skype-call di gruppo organizzata in meno di un’ora. Tra colleghi ci sentiamo in dovere aiutarci reciprocamente e forse stiamo riscoprendo la collaborazione, perduta nella fatica della gestione individuale dei carichi di lavoro. Tutti ci mettiamo a disposizione della responsabile per ciò che serve e per ciò che sappiamo fare. Il tempo del lavoro e il tempo di vita ora sembrano coincidere. Non so ancora quali possono essere le conseguenze di questo, forse può aiutarmi a prevedere eventuali conseguenze positive e negative di tale elemento. La relazione d’aiuto Questo aspetto è forse quello maggiormente delicato. Ci stiamo “reinventando” la relazione con l’altro o forse la stiamo riscoprendo, nel rispetto della distanza fisica impostaci.  Io ho la sensazione di non essere mai stata così “vicina” e così “pari” alle persone con cui lavoro. La comunanza del vivere questa situazione di emergenza ci ha reso simili e ora più che mai, io non posso essere la sola che aiuta l’utente, ma anche lui aiuta me, a capire come posso accompagnarlo al meglio in questo periodo, a capire cosa per lui è più utile e cosa per me è possibile fare lavorando in questa condizione.  La burocrazia e i convenevoli formali sembrano essere diminuiti e la relazione d’aiuto può solo beneficiarne, sembra più “pura”, liberata da una logica esperto-utente ormai esausta. Possiamo utilizzare strumenti innovativi e creativi per parlare con le persone. Ciascuno si ingegna come può per mantenere i contatti con le persone e garantire ai più fragili un supporto.  Vengono “rispolverati” strumenti forse per lo più usati in passato o in altri contesti, come la richiesta alla persona di una riflessione scritta da scambiarsi via mail. Ho la sensazione che questa situazione sta dilatando i tempi della care, siamo più riflessivi, abbiamo il tempo per pensare a ciò che facciamo e diciamo, un lusso ormai nel mondo dei servizi, fagocitati dal fare e dal rispondere alle urgenze. Questa situazione sembra aver completamente azzerato tutto ciò che era considerato urgenza improrogabile fino a qualche settimana fa e questo potrà forse cambiare i criteri con i quali definiamo indifferibile una pratica/questione. La formazione Finalmente possiamo formarci. Quasi tutti, nel nostro ufficio, utilizziamo lo smart working per seguire dei corsi di formazione a distanza e apprendere competenze nuove.  Abbiamo deciso di condividere il sapere di ogni operatore e ciascuno è chiamato, sulla base delle proprie specificità e competenze, a preparare una sessione di formazione a distanza, da trasmettere poi ai colleghi.  L’obiettivo è quello di costruire un patrimonio di sapere dell’ufficio che renda tutti egualmente competenti nei vari settori. Mai prima d’ora c’era stato il tempo per fermarsi, formarsi e riflettere individualmente su quanto appreso, credo sia un dono che non tornerà e che dobbiamo sfruttare al massimo. In sintesi, credo che questa situazione ci stia mettendo alla prova e stia cambiando il nostro modo di lavorare e di relazionarci alle persone, in maniera forse irreversibile. Credo sia importante presidiare i cambiamenti rilevati quotidianamente nel lavoro “sul campo” e continuerò a farlo, aggiornandola, se posso.  Silvia Clementi è Dottore di ricerca e Assistente Sociale. Ha lavorato alcuni anni per Enti di Terzo Settore che si occupano di Servizio Sociale, si è occupata di formazione nell’ambito dei servizi pubblici. Attualmente lavora all’Uepe ed è tutor del laboratorio di stage e guida allo stage nel corso di laurea triennale in Scienze del Servizio Sociale presso la sede dell’Università Cattolica di Brescia. È membro del gruppo di ricerca “Relational social work centre” dell’Università Cattolica. 
Leggi di più
Search-ME - Erickson 3 Lavoro sociale
In questo periodo di emergenza coronavirus sono tanti gli operatori del sociale e del sanitario che stanno lavorando, “riscoprendo” il loro ruolo e quello dei servizi.
Sono uno dei tanti operatori del sociale e del sanitario che in questo periodo di emergenza coronavirus stanno lavorando, perché molti dei nostri servizi non possono chiudere. Ci sono persone che stanno passando una parte della loro esistenza nei nostri servizi e quando sentono lo slogan #iorestoacasa pensano a come trascorreranno questo tempo lì: casa per loro è proprio il nostro posto di lavoro. Provo a cogliere l’invito di Fabio Folgheraiter, che chiama tutti noi che ci occupiamo di social work al dovere scientifico e morale di riflettere in questo momento particolare. Per farlo provo a proporre 5 ri-scoperte di lavoro sociale, pensate in questo tempo “sospeso”. Riscoprire la squadra nella nostra vita da mediano. Ogni giorno abbiamo negli occhi le immagini degli operatori della sanità con i segni delle mascherine, con i segni di una giornata in cui sono stati emotivamente violentati: sono le nostre prime linee, sono quelli che il mondo dei social arriva velocemente a chiamare “eroi” o “angeli”. Qualcuno di noi operatori sociosanitari sta provando timidamente ad alzare la mano dicendo “ehi ci siamo anche noi”, le seconde linee, quelle nelle comunità per disabili, quelli nelle RSA, quelli che devono convincere i minori a stare in casa. Vorrei che ri-scoprissimo di far parte della stessa squadra di un sistema sanitario e sociale con diversi servizi, professionisti con ruoli e funzioni che si integrano. Lo stiamo vedendo che siamo nella stessa squadra quando le mascherine si esauriscono in ospedale come nelle comunità, lo vediamo quando gli operatori si contagiano in ospedale come in RSA. Ne usciremo, ne siamo certi, un po’ malconci, ma con la convinzione che abbiamo e dobbiamo avere un sistema, una squadra di professionisti sociali e sanitari che sanno rispondere ai bisogni delle persone. Da oggi in poi la narrazione dovrà essere quella di far parte di una grande squadra. Riscoprire le nostre radici in Don Milani: “Sortirne tutti assieme, non uno di meno”. Ci ha fatto “rabbrividire” la prima posizione del premier britannico Boris Johnson: “abituatevi a perdere i vostri cari’. Abbiamo riscoperto in maniera chiara, forse ancora di più quando lottavamo qualche mese fa con chi tentava di definire chi può accedere ai servizi e chi no (ricordate la lotta contro i 10 anni di residenza per accedere ai servizi?).  Il valore è e rimane l’universalità dei servizi alla persona: se un essere umano sta male, ha bisogno, si aiuta senza “se” e senza “ma”. Questo stiamo vedendo succedere negli ospedali, questo abbiamo visto succedere in mare, questo vediamo succedere nei nostri servizi. Mi è piaciuto molto il post di Mauro Berruto, allenatore di pallavolo, che vi consiglio di leggere: rimanda al signor Boris Johnson l’immagine della scultura Enea, Anchise e Ascanio di Gian Lorenzo Bernini. Quella scultura rappresenta “non uno di meno”. Riscoprire che siamo intelligenti, noi operatori e anche i nostri utenti.  Per intelligenza intendo la capacità di adattarsi in maniera funzionale ai cambiamenti. Per anni abbiamo sostenuto l’importanza del setting, del non cambiare le routine, altrimenti i nostri utenti si sarebbero scompensati, dell’importanza della quotidianità scandita. Tutti temi che conosco bene e che credo fortemente siano fondati, ma tendo a chiedermi se non siano resistenze al cambiamento.  La situazione che stiamo vivendo, certo intrinsecamente destrutturante, ci ha fatto riscoprire la capacità degli operatori di re-inventarsi servizi in meno di una settimana, con risultati eccellenti.  Anche le persone che accogliamo hanno dato risposte di adattamento che non ci saremmo aspettati. Certo non tutte, ma c’è anche chi ha percepito la storicità del momento, aiutando ad accompagnare se stesso e gli operatori nelle nuove situazioni, avvertendo e trasmettendo fiducia e sviluppando un senso di autoefficacia. Riscoprire i confini delle nostre comunità. In questi giorni si è parlato molto di tempo: tempo “sospeso”, il prima e il dopo, l’attesa. I decreti governativi hanno però inciso molto anche sullo spazio, sui nostri spazi vitali: le comunità residenziali hanno visto restringere i propri confini. Sento che in questi giorni le persone che vivono la comunità dove lavoro si sentono private della libertà: non possono scegliere. Dal punto di vista contingente questo creerà inevitabilmente dei problemi da gestire (ad esempio, legati al convivere in spazi ristretti).  Ma se guardiamo un po’ più da lontano, possiamo misurare da quello che succede in questi giorni quanto il nostro lavoro sia effettivamente orientato alla libertà delle persone, di quanto ampi siano i nostri confini quando diciamo che i nostri utenti debbano essere attivi e partecipi nella comunità. Riscoprire i nostri colleghi.  Lavorare in questo periodo ci fa scoprire parti nostre e parti dei nostri colleghi che non conoscevamo. Citando Stefano Benni in Saltatempo, ho “scoperto una cosa molto semplice: che ci sono responsabilità che uno accetta con coraggio e decisione e altre che ti cadono addosso, pesanti e incomprensibili, e tu devi affrontare le seconde proprio come le prime”. Sto conoscendo molti copioni diversi miei e dei miei colleghi e vorrei descriverne alcuni prendendo spunto da Enzo Jannacci con la sua Quelli che, scritta nel 1975 ma sempre attualissima, per proporre la nostra personale Quegli operatori che... Quelli che speriamo non succeda niente agli utenti Quelli che vengo al lavoro, tutto il tempo a casa non resisto Quelli che di mestiere ti spengono il cero Quelli che il virus non ci risulta Quelli che l’animazione a mille Quelli che fanno la videochiamata con l’utente Quelli che da tre anni fanno un lavoro d'equipe convinti d'essere stati assunti da un'altra ditta Quelli che ci credono senza “se” e senza “ma” Quelli che ma siamo in ferie, in cassa integrazione, in permesso, o lavoriamo? Quelli che per principio non per i soldi Quelli che stanno in malattia fino a metà aprile Quelli che non abbandonano la nave Quelli che è tutta un’esagerazione Quelli che organizzano tutto Quelli che organizzeranno quando sarà tutto finito Quelli che fanno un mestiere come un altro Quelli che aspettano la fine ridendo e scherzando Quelli che Venezia sott’acqua, il Virus, e l’anno bisesto Quelli che nell’imprevedibile si realizza un senso profondo di verità e anche, persino, di “utilità” professionale Quelli che andrà tutto bene.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 4 Lavoro sociale
Un nuovo approccio alla demenza
Maria Montessori e i suoi metodi educativi sono di solito associati all’infanzia e, in effetti, la prima scuola Montessori a Roma era dedicata ai bambini in età prescolare. Tuttavia, nel corso del tempo, i suoi metodi sono stati applicati a una fascia di età che va dai bambini nella prima infanzia (18 mesi) agli adolescenti (fino ai 18 anni). Mai valori, le tecniche e il sapere di Maria Montessori sono di eccezionale rilevanza anche per il trattamento delle persone con demenza.   Una domanda che spesso sorge quando viene discusso il binomio Metodo Montessori e Alzheimer è: «Significa che trattate gli anziani come bambini?». La risposta è, ovviamente: «No!». Non si possono trattare gli anziani con rispetto, dignità e uguaglianza se li si considera bambini. Questi valori di Maria Montessori ci guidano costantemente. Lei trattava i bambini come persone, vedendo ognuno di essi come un essere unico e speciale. E questo è il modo in cui dobbiamo trattare le persone con demenza: riconoscendo a ognuna di loro origini, contesto, interessi e capacità peculiari.   Diversi elementi chiave del Metodo Montessori possono applicarsi direttamente alla cura della demenza.   Il primo è che fornire scelte è essenziale. Alle persone con demenza dovrebbe essere data la possibilità di fare scelte nel corso della giornata, e ogni interazione con una persona con demenza è un’opportunità per fornire scelte. Molto importante è anche dimostrare sempre cosa volete che una persona faccia prima di chiederle di farlo. Questo è un punto semplice ma di eccezionale importanza. Spiegare solo a voce a una persona — con o senza demenza — come fare qualcosa è un cattivo modo di insegnare e spesso porta a fallimento e frustrazione. Come «un’immagine vale mille parole», così una dimostrazione ne vale diecimila. Inoltre, dobbiamo essere sicuri che la persona abbia la capacità di fare ciò che le stiamo per chiedere. Spesso, ciò significa modificare il compito o i materiali per adattarsi a problemi fisici e/o cognitivi.   Un altro elemento chiave del Metodo Montessori è conoscere l’individuo. Quali sono i punti di forza di una persona, le sue preferenze e il suo contesto? Di cosa ha paura? Quali valori rispetta?   Meglio conosciamo e capiamo una persona, meglio siamo in grado di fornire un ambiente e dei compiti che siano coinvolgenti e significativi. Un elemento essenziale di un ambiente adatto per le persone con demenza è che esse devono sentire di appartenere a una comunità e di svolgere al suo interno ruoli significativi.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 5 Lavoro sociale
Una risorsa preziosa sia per chi presta aiuto, sia per gli anziani assistiti
Chi si prende cura di un anziano non autosufficiente, oltre all’impegno fisico, va spesso incontro a vissuti di smarrimento, solitudine, isolamento. Talvolta, quando l’anziano non autosufficiente è un familiare, può essere necessario anche fare delle scelte drastiche, come ad esempio lasciare o ridurre l’attività lavorativa, ed è molto difficile riuscire a mantenere legami amicali e relazioni sociali. Le stesse persone anziane, nel momento in cui si rendono conto di perdere l’autonomia, soprattutto se questo avviene in maniera graduale, possono provare sentimenti di grave smarrimento, rabbia, rifiuto dei supporti, oppure depressione. In questi casi, sia per i caregiver che per le persone anziane, può essere molto utile la partecipazione a gruppi di auto/mutuo aiuto, ossia a quei gruppi in cui persone che si trovano ad affrontare la stessa problematica si incontrano per condividere le proprie esperienze. La forza di questi gruppi consiste principalmente nel fatto che le persone che si incontrano per condividere le proprie esperienze, oltre ad essere «portatori» di una difficoltà, diventano al contempo portatori di un sapere che può diventare prezioso per altri che vivono una condizione simile.   Nei percorsi con gli anziani non autosufficienti e le loro famiglie, il gruppo risponde al fondamentale bisogno di non sentirsi soli di fronte al dolore e alla sofferenza, aiuta il caregiver a prendersi cura dell’anziano e, al contempo, si prende cura di lui. I benefici che sia i caregiver che le persone anziani non autosufficienti possono ricavare dalla partecipazione a gruppi di auto/mutuo aiuto sono numerosi. Qui di seguito abbiamo provato a riassumere i principali: Nel gruppo ciascuno può esprimere liberamente i suoi sentimenti, anche quelli ritenuti «inconfessabili» (rabbia, vergogna, disperazione ecc.) perché si trova in un ambiente rispettoso e non giudicante Nel gruppo ci si sente accolti e compresi profondamente, dal momento che si vive una condizione simile («Tu mi puoi capire davvero») Nel gruppo è possibile stabilire nuovi legami, che spesso si trasformano in esperienze molto profonde di amicizia e supporto reciproco, talora anche molto concreto Il gruppo consente uno scambio di informazioni su percorsi, procedure, servizi, di cui non è sempre facile venire a conoscenza e, in tanti casi, l’esperienza pregressa può davvero essere una fonte preziosa di notizie per altri Il gruppo aiuta a compiere scelte, anche difficili, relative alla gestione dei propri familiari e/o a tutto ciò che comporta la condizione di non autosufficienza Il gruppo valorizza le «competenze esperienziali» che si sono acquisite nel corso del tempo: infatti, chi è davvero esperto della non autosufficienza se non chi quotidianamente sperimenta e affronta questa situazione L’articolo completo a cura di Francesca Corradini (Gruppo di Ricerca Relational Social Work Università Cattolica di Milano) è disponibile sul numero di febbraio 2018 della rivista Erickson Lavoro Sociale.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 6 Adolescenza
Di fronte a storie così complesse gli operatori devono essere creativi, costruire spazi di ascolto, saper accogliere rabbia e abbandono. Soprattutto in questo periodo.
Lavorare con i ragazzi adolescenti nell’ambito dei servizi che si occupano di tutela minori significa, molto spesso, avere a che fare con minori che si proiettano verso l’età adulta con alle spalle delle storie complesse e dolorose, caratterizzate da abbandoni, trascuratezza e traumi non sempre completamente curati. Sono ragazzi che reagiscono alle diverse esperienze di vita passata con rabbia, tristezza, apatia o nervosismo e che, anche nei casi in cui riconoscono che un aiuto potrebbe garantire loro dei benefici, faticano ad accoglierlo senza prima aver messo a dura prova chi tenta di offrirglielo. A questo si è inoltre aggiunta, negli ultimi mesi di emergenza sanitaria, la sfida connessa alla necessità di costruire delle relazioni con i ragazzi attraverso contatti “a distanza” e spesso mediati da uno schermo. Costruire una relazione, tra passato e futuro Anche quando ci sono dei familiari autenticamente preoccupati per loro, che cercano di sostenerli nel ricevere un aiuto esterno, quella spinta all’autonomia che è propria dell’adolescenza rischia di vanificare lo sforzo. Come possono gli operatori sociali entrare in relazione con questi ragazzi? Come possono sperare di costruire con loro un’autentica relazione d’aiuto che possa sostenerli nel fronteggiare la sfida del futuro, riparando alcuni eventi del loro passato? La storia di Marta Marta era una ragazza di 15 anni per la quale la scuola aveva segnalato al servizio una forte preoccupazione relativa ai suoi comportamenti: alternava infatti giornate in cui era particolarmente provocatoria nei confronti dei professori e dei compagni; ad altri in cui era quasi completamente apatica o, addirittura, interrompeva la frequenza delle lezioni. Quando ho incontrato Marta per la prima volta, ricordo che il colloquio presso il mio ufficio era durato pochissimo ed era stato costellato di insulti e parolacce nei miei confronti. Dopo quella volta Marta non si è più presentata ai colloqui e solo saltuariamente rispondeva alle mie telefonate. Non sapendo come poter entrare in relazione con lei, ho quindi iniziato, in accordo con la sua mamma e a fronte di un flebile assenso che mi aveva dato Marta telefonicamente, ad andare a casa sua per incontrarla. Sono stata a casa di Marta tutte le settimane per sei mesi. Inizialmente mi accoglieva in pigiama, con le tapparelle abbassate e la televisione accesa. Parlava molto poco e in alcuni momenti si arrabbiava molto e mi invitava ad uscire. Avevo quindi fatto un patto con lei: avrebbe potuto interrompere il colloquio nel caso in cui non si sentisse di portarlo avanti, ma avrebbe continuato a farmi salire in casa. Dopo circa due anni da quel primo incontro, Marta durante un colloquio in ufficio in cui mi raccontava della scuola superiore che stava frequentando e delle attività svolte presso il centro diurno, mi ha riportato quanto per lei fosse stato importante che io fossi andata a casa sua quando ci siamo conosciute. È stato faticoso entrare in relazione con Marta, aveva una storia complessa alle spalle e costruire dei rapporti di fiducia per lei era molto difficoltoso. Tante volte nei primi sei mesi di conoscenza con lei, mi sono ripetuta che avrei potuto segnalare in tribunale le mie preoccupazioni e proporre per lei degli interventi, ma sapevo che nessuno di questi avrebbe potuto sortire degli effetti senza che lei ci credesse. Uno spazio di ascolto autentico Lavorare con gli adolescenti significa riconoscerli, accoglierli in tutti gli aspetti (anche contraddittori) del loro carattere, offrire loro uno spazio di ascolto autentico, di vicinanza e accompagnarli nel vedere che gli adulti possono essere un supporto, un riferimento ed un sostegno, anche quando le loro storie li portano a pensarla diversamente. Bisogna essere operatori creativi nell’avere a che fare con i ragazzi adolescenti, uscire dagli schemi e immaginarsi delle strategie per costruire con loro una relazione che sia accogliente e che rispetti le loro esigenze. In questo periodo, anche l’utilizzo delle piattaforme per i contatti a distanza può diventare un’occasione per entrare in relazione con loro, in maniera differente dal passato. Raggiungerli nei loro spazi domestici, comunicare con loro rimanendo nella propria stanza o alla propria scrivania di casa, potrebbe rappresentare un’occasione per sperimentare vicinanza, senza essere intimoriti dalla possibilità che vedano il nostro animale domestico che ci si avvicina mentre parliamo. Tanti casi diversi Nel lavoro in Tutela Minori questa è forse una delle maggiori sfide che gli operatori sociali possono incontrare e che necessariamente richiede un notevole sforzo anche quando le energie e il tempo a disposizione sono pochi, mentre è alto il rischio di vivere dei fallimenti. Le modalità con cui le storie dei ragazzi arrivano ai Servizi sono estremamente differenziate: per alcuni l’autorità giudiziaria si sta occupando di valutare quanto i genitori siano in grado di prendersi cura di loro, per altri invece si sono aperti dei procedimenti di tipo amministrativo o penali, per comportamenti a rischio o per reati che hanno commesso; altri ancora invece arrivano su segnalazione delle scuole, dei vicini di casa, dei medici o dei servizi specialistici i quali, preoccupati per i loro comportamenti hanno ritenuto potesse essere necessario un supporto. Parola d’ordine: reciprocità Qualunque sia la cornice, rimane il fatto che gli operatori sociali siano chiamati ad avviare un lavoro che deve necessariamente coinvolgerli e renderli protagonisti dell’aiuto. Tanto è importante infatti che i minori vengano sempre coinvolti nei percorsi di presa in carico da parte dei professionisti, quanto risulta fondamentale che questo avvenga se i minori in questione sono degli adolescenti. Perché è solo attraverso la costruzione di una relazione di fiducia e fondata sulla reciprocità che con loro sarà possibile costruire un percorso che possano sentire come proprio e dal quale possano farsi coinvolgere.
Leggi di più
;