IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Tematica
Argomento
Utile in caso di
Informazione obbligatoria
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Non vi è alcun filtro disponibile, allarga la tua ricerca per ottenere più risultati
Filtra
Filtra per
Tematica
Informazione obbligatoria
Argomento
Utile in caso di
Risultati trovati: 3
Search-ME - Erickson 1 DIDA
Grazia Cotroni, autrice di “Ma(th) che sfida!-Geometria”, spiega come il gioco sia uno strumento utile e innovativo per la didattica della matematica
Nel periodo in cui insegnavo al liceo artistico mio figlio aveva 4 anni e io cominciavo a giocare con lui pomeriggi interi a «Indovina chi», a «Memory», a tombola. Guardando mio figlio giocare, mi rendevo conto che si attivavano in lui, ma anche in me, alcune dinamiche che io non avevo mai guardato. Grazie a mio figlio ho capito che il gioco è una cosa seria (si arrabbiava tantissimo se perdeva), ho capito che quando si gioca ci si immerge nel mondo del gioco (ci si tuffa dentro, cercando di capire al meglio le regole e la strategia da attuare). Nel gioco si è protagonisti, si è concentrati nel fare la mossa giusta (ma senza schemi prestabiliti, senza tecnicismi!), ogni partita è diversa, quindi ha una nuova giocabilità. Ogni giocatore guarda con interesse l’altro, spesso imitandone strategie o domande vincenti. Infine, ma non per ordine di importanza, l’errore nel gioco è una possibilità ma esso è considerato come un punto su cui riflettere e da cui ripartire, non come un giudizio negativo su di sé. Per tutti questi motivi da allora sperimento in classe giochi reinventati, giochi che i ragazzi conoscono già ma rivisitati in un’ottica matematica. Credo che il gioco possa costituire un trampolino di lancio per riscoprire cosa significa fare matematica. Magari uno studente, giocando, potrà rendersi conto di quanto sia più interessante e affascinante accogliere la sfida di un problema e attivarsi per la sua risoluzione. Anche se il gioco non è l’unica possibilità per percepire che la matematica è un’attività da fare in prima persona, esso può essere un inizio, può offrire l’opportunità di un’esperienza umana che tiene insieme ragione e cuore, dunque sicuramente un’esperienza coinvolgente. Così è nata, tra i banchi di scuola, l’idea di un kit di giochi chiamato: «Creattivamath». Tutti i giochi sono a squadre, perché nel gioco si potessero anche acquisire competenze utili per lavorare in team: saper ascoltare, proporre congetture e argomentare, cambiare idea e strategia quando necessario. E per il docente qual è il guadagno? Il gioco favorisce la possibilità per il docente di non essere lui il protagonista, di non essere lui sul «palcoscenico» della cattedra, ma di guardare i singoli studenti, le loro abilità, i loro «talenti» e nello stesso tempo, essendo un gioco a squadre, osservare il gruppo classe e capirne le dinamiche. Nel 2013 ho mostrato il mio kit, che fino ad allora utilizzavo io nelle mie classi, a dei colleghi di matematica presenti alla Bottega di matematica nel convegno annuale dell’Associazione Diesse (Didattica e Innovazione Scolastica). Grazie all’interesse, all’entusiasmo, alla collaborazione e alla condivisione di esperienze con i docenti presenti in quel convegno, ho considerato l’idea di produrre una scatola contenente questi giochi rivisitati, giochi con uno scopo didattico sulla matematica. Non finirò mai di sottolineare la grandezza che siamo noi docenti quando ci mettiamo a lavorare insieme. Il kit Creattivamath è stato sperimentato da almeno 300 docenti italiani fino ad oggi ed è stato presentato in vari contesti. Da qui nasce oggi un progetto ad ampio raggio con le Edizioni Erickson, dal titolo: «Ma(th) che sfida!!». L’idea è quella di realizzare delle scatole più piccole rispetto al kit originale, contenenti i giochi separati per argomenti. I giochi sono stati ripensati per la scuola secondaria di primo grado e a gennaio è uscita la prima scatola: Ma(th) che sfida! GEOMETRIA. Ma(th) che sfida! GEOMETRIA Perché partire dalla scatola di geometria? Perché c’è un aspetto in essa che va curato e fatto germogliare con tempo e pazienza nei nostri studenti: è il linguaggio specifico. Spesso in geometria è questo l’obiettivo didattico principale per poi poter approcciare definizioni, teoremi e dimostrazioni. I giochi all’interno di questa scatola aiutano proprio questa consapevolezza nel linguaggio. Un altro motivo che ci ha spinto a iniziare con questa scatola è che questi giochi potrebbero essere usati già nella scuola primaria, magari togliendo dal mazzo alcune carte, se il docente lo ritenesse opportuno. L’articolo completo “La matematica come arte del pensiero” è disponibile sul numero di marzo 2021 della rivista Erickson “DIDA”.
Leggi di più
Search-ME - Erickson 2 Attività
Per superare misteri nello spazio bisogna risolvere appassionanti enigmi di aritmetica e geometria
Una nave spaziale dispersa, un carico importante da ritrovare, una meta da raggiungere... La missione è davvero complicata: dovrai esprimere tutte le tue doti logiche per trovare gli indizi giusti e risolvere gli enigmi. Una storia avvincente, mai banale, resa ancora più interessante dagli esercizi particolarmente sfidanti, realizzati per aiutare i ragazzi a consolidare gli apprendimenti di aritmetica e geometria divertendosi. Scopri così i nuovi Playscape Erickson: una nuova linea di giochi da tavolo e libri che - basandosi sul modello dell’EscapeRoom - ne fanno propri alcuni principi per applicarli ai contenuti didattici. I libri della serie Playscape stimolano i ragazzi a procedere nell’avventura risolvendo codici, enigmi, rompicapo e indovinelli, in alcuni casi legati a specifici contenuti didattici in altri più generici. Sei pronto? Scarica le schede che abbiamo selezionato per te e inizia a giocare con i numeri!
Leggi di più
Search-ME - Erickson 3 Didattica
Pietro Ravagni, un ragazzo di Pergine Valsugana di quasi 14 anni, si è aggiudicato il titolo di campione italiano 2020 di geometria piana per la categoria dedicata alla scuola secondaria di primo grado
Si chiama Pietro Ravagni ed è un ragazzo trentino di quasi 14 anni, il nuovo campione di “Geometriko”, una competizione nazionale di geometria piana, basata sull’omonimo gioco ideato da Leonardo Tortorelli e pubblicato dalla nostra casa editrice (Geometriko – Il gioco strategico per imparare la geometria piana). Per la precisione, Pietro (ritratto nella foto sopra) è di Pergine Valsugana, ed è lì che quest’anno ha frequentato il terzo anno della scuola secondaria di primo grado Garbari dell’Istituto Comprensivo Pergine 2. Il ciclo scolastico per lui si è concluso molto bene, con una bella promozione alla scuola secondaria di secondo grado e la grande soddisfazione della vittoria del titolo italiano di “Geometriko” per la categoria dedicata alla scuola secondaria di primo grado, dopo una finalissima online durata ben 3 ore. Subito dopo la vittoria, il neo-campione ha commentato: «Per me “Geometriko” è stata un’esperienza indimenticabile ed emozionante. Non pensavo che un gioco potesse coinvolgermi così tanto. “Geometriko” è riuscito a farmi imparare la geometria senza farmi fare fatica e facendomi divertire. È il gioco di carte più bello che io abbia mai visto e lo consiglio a tutti. Ricorderò sempre il batticuore che avevo durante le sfide e la paura di trovare il caprone Ugo (una carta imprevisto del gioco che nessun giocatore si augura di pescare, ndr)». Ma in cosa consiste questo gioco che ha appassionato tanto Pietro e molti altri ragazzi come lui? Si tratta, per l’appunto, di un gioco di carte per acquisire e consolidare l’apprendimento della geometria piana in cui i giocatori sono chiamati a risolvere problemi o a dimostrare proprietà e teoremi, sfidandosi l’uno con l’altro in base alle carte che hanno in mano, difendendo le “carte quadrilatero” in proprio possesso e cercando di fare in modo che gli avversari, invece, le perdano. È anche un gioco di strategia e di interazione con gli altri giocatori, con i quali ci si guarda negli occhi e ci si confronta parlando un “linguaggio geometrico” comune. A Pietro abbiamo chiesto com’è nata la sua passione per la geometria. «È nata proprio con “Geometriko” - ci spiega al telefono - L’avevo già utilizzato in prima e in seconda media, ma allora non conoscevo bene le regole. Solo quest’anno ho deciso di approfondire, e giocando mi sono appassionato». Il campione racconta anche che non si aspettava di vincere, perché i suoi avversari erano molto forti e determinati. Molto preparato però lo era anche lui, che è arrivato alla finalissima dopo mesi di esercitazioni fatte sotto la guida esperta della sua insegnante di matematica, Lorena Nicolao. La stessa insegnante, che aveva già partecipato al torneo con altre classi nei tre anni precedenti, racconta così l’esperienza di quest’anno: «Anche quest’anno con i ragazzi avevamo iniziato a prepararci presto per la competizione, svolgendo attività di ripasso e simulazioni fin da ottobre. A febbraio avevamo iniziato con i tornei di classe, che sono la prima fase della competizione “Geometriko”. Poco dopo, però, è arrivato il fermo di tutta l’attività scolastica in presenza e quindi anche lo stop alla competizione così come la conoscevamo. Gli organizzatori della competizione, tuttavia, sono riusciti a dirottare il tutto su una piattaforma online, e così il torneo ha potuto svolgersi regolarmente anche quest’anno». Sicuramente partecipare con le proprie classi a un’iniziativa del genere, che prevede una competizione in più fasi, iniziando da tornei di classe, per poi continuare con tornei di istituto, quindi regionali e infine nazionali, richiede un bell’impegno, sia ai ragazzi che agli insegnanti. La professoressa Nicolao spiega in questo modo la molla che l’ha spinta a partecipare alla competizione con le sue classi in questi anni: «Imparare la geometria con “Geometriko” fa senz’altro vivere la geometria in maniera diversa ai ragazzi. Alcuni si entusiasmano e si lasciano coinvolgere tanto, come è successo anche a Pietro; altri, che non hanno in simpatia la geometria, attraverso la formula del gioco riescono comunque a vivere un’esperienza positiva e qualche volta ad ottenere risultati insperati. Devo dire che quest’anno, in particolare, i ragazzi sono stati bravi perché, durante i lunghi mesi di Didattica a Distanza che ci hanno fatti soffrire tutti, hanno tenuto duro e sono andati avanti». Adesso il percorso scolastico del giovane talento trentino proseguirà alle scuole superiori ITI di Trento, dove potrà portare avanti il suo interesse per la matematica e la tecnologia informatica. Il bel risultato ottenuto da Pietro è stato festeggiato dal Comune di Pergine Valsugana, che il 16 luglio gli ha consegnato una targa di riconoscimento, e dall’Assessore Provinciale all’Istruzione, Mirko Bisesti, che gli ha inviato una lettera di congratulazioni e di ringraziamento per aver dato lustro, con la sua vittoria, anche alla sua terra. Anche noi di Erickson ci uniamo a queste voci, per fargli i complimenti per il risultato raggiunto e un grande in bocca al lupo per la continuazione del suo percorso formativo. I nostri complimenti vanno anche all’insegnante Lorena Nicolao e alla famiglia di Pietro, che in questi mesi il campione ha coinvolto in numerose sfide di “Geometriko” per riuscire ad allenarsi al massimo.
Leggi di più
;