IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Libro
€ 17,10 -5% € 18,00
-5%
Vale 17 punti Erickson

Pedagogia speciale e didattica speciale / 1

Le origini, lo stato dell’arte, gli scenari futuri

Il presente volume raccoglie i contributi di docenti universitari impegnati nell’ambito della Pedagogia Speciale e della disabilità, evidenziandone le origini, gli intrecci interdisciplinari, i percorsi euristici, gli approcci metodologici, gli scenari attuali e futuri, anche in dimensione internazionale.

Il presente volume raccoglie i contributi di docenti universitari impegnati nell’ambito della Pedagogia Speciale e della disabilità, evidenziandone le origini, gli intrecci interdisciplinari, i percorsi euristici, gli approcci metodologici, gli scenari attuali e futuri, anche in dimensione internazionale.

Il presente volume raccoglie i contributi di docenti universitari impegnati nell’ambito della Pedagogia Speciale e della disabilità, evidenziandone le origini, gli intrecci interdisciplinari, i percorsi euristici, gli approcci metodologici, gli scenari attuali e futuri, anche in dimensione internazionale.

Libro
€ 17,10 -5% € 18,00
-5%
Vale 17 punti Erickson

Descrizione

Libro

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica...

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica de-istituzionalizzazione e nell’integrazione sociale e scolastica delle persone con disabilità.
Questa disciplina ha consentito uno «scatto in avanti» del nostro immaginario sui processi inclusivi, caratterizzandosi come «dinamica e evolutiva» e protendendosi duciosa verso s de complesse (pluridisabilità e disabilità intellettiva), problematiche (disabilità/migrazione, inclusione lavorativa), incerte (situazioni traumatiche e belliche che generano disabilità): «cifre», queste, sempre rinnovate e attuali, nella mission della Pedagogia Speciale.
Il quadro concettuale che viene delineato sollecita alcuni interrogativi sullo statuto della Pedagogia Speciale che riguardano i cambiamenti culturali, transitando dalla dimensione assistenzialistica a quella dell’autodeterminazione, potenziando le traiettorie epistemologica, interdisciplinare e internazionale. In questo volume si evidenziano le linee di formazione, di ricerca, di pratiche, di culture e di politiche che caratterizzano questa giovane disciplina, rendendone più chiara e intelligibile l’identità, a partire dal contesto italiano, ma snodandosi e intrecciandosi con quello internazionale, attraverso ricerche multiformi che suscitano confronti speculativi, progettuali e operativi su scenari eterogenei e critici, ma eticamente irrinunciabili.

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica...

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica de-istituzionalizzazione e nell’integrazione sociale e scolastica delle persone con disabilità.
Questa disciplina ha consentito uno «scatto in avanti» del nostro immaginario sui processi inclusivi, caratterizzandosi come «dinamica e evolutiva» e protendendosi duciosa verso s de complesse (pluridisabilità e disabilità intellettiva), problematiche (disabilità/migrazione, inclusione lavorativa), incerte (situazioni traumatiche e belliche che generano disabilità): «cifre», queste, sempre rinnovate e attuali, nella mission della Pedagogia Speciale.
Il quadro concettuale che viene delineato sollecita alcuni interrogativi sullo statuto della Pedagogia Speciale che riguardano i cambiamenti culturali, transitando dalla dimensione assistenzialistica a quella dell’autodeterminazione, potenziando le traiettorie epistemologica, interdisciplinare e internazionale. In questo volume si evidenziano le linee di formazione, di ricerca, di pratiche, di culture e di politiche che caratterizzano questa giovane disciplina, rendendone più chiara e intelligibile l’identità, a partire dal contesto italiano, ma snodandosi e intrecciandosi con quello internazionale, attraverso ricerche multiformi che suscitano confronti speculativi, progettuali e operativi su scenari eterogenei e critici, ma eticamente irrinunciabili.

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica...

La Pedagogia Speciale è una scienza giovane — nel panorama nazionale delle «pedagogie» — che è cambiata moltissimo, e in poco tempo, rispetto al suo avvio iniziale; la sua ricchezza è cresciuta grazie alla generazione di Pedagogisti speciali impegnata nella pionieristica de-istituzionalizzazione e nell’integrazione sociale e scolastica delle persone con disabilità.
Questa disciplina ha consentito uno «scatto in avanti» del nostro immaginario sui processi inclusivi, caratterizzandosi come «dinamica e evolutiva» e protendendosi duciosa verso s de complesse (pluridisabilità e disabilità intellettiva), problematiche (disabilità/migrazione, inclusione lavorativa), incerte (situazioni traumatiche e belliche che generano disabilità): «cifre», queste, sempre rinnovate e attuali, nella mission della Pedagogia Speciale.
Il quadro concettuale che viene delineato sollecita alcuni interrogativi sullo statuto della Pedagogia Speciale che riguardano i cambiamenti culturali, transitando dalla dimensione assistenzialistica a quella dell’autodeterminazione, potenziando le traiettorie epistemologica, interdisciplinare e internazionale. In questo volume si evidenziano le linee di formazione, di ricerca, di pratiche, di culture e di politiche che caratterizzano questa giovane disciplina, rendendone più chiara e intelligibile l’identità, a partire dal contesto italiano, ma snodandosi e intrecciandosi con quello internazionale, attraverso ricerche multiformi che suscitano confronti speculativi, progettuali e operativi su scenari eterogenei e critici, ma eticamente irrinunciabili.

Libro
ISBN: 9788859024927
Data di pubblicazione: 11/2020
Numero Pagine: 160
Formato: 15x21cm
Libro

Capitolo primo
La memoria e l’innovazione. L’impegno della pedagogia speciale tra radici e prospettive educative (Roberta Caldin)
Capitolo secondo
La pedagogia speciale. Uno sguardo al passato e qualche ipotesi sul futuro (Ferdinando Montuschi)
Capitolo terzo
Pedagogia speciale come scienza nomade, perché evolutiva e per il dialogo (Andrea Canevaro)
Capitolo quarto
Pedagogia generale e pedagogia speciale: quale rapporto? (Sergio Angori)
Capitolo quinto
Pedagogia speciale e dimensione interdisciplinare (Carlo Fratini)
Capitolo sesto
La ricerca empirica in pedagogia e didattica speciale: quale metodologia? (Lucio Cottini)
Capitolo settimo
Ambienti di apprendimento per l’inclusione: strategie didattiche e processi regolativi nella visione dinamica e diacronica del «funzionamento umano» (Lucia Chiappetta Cajola)
Capitolo ottavo
Pedagogia speciale, didattica speciale e internazionalizzazione (Lucia de Anna)

Didattica Metodologie didattiche / educative Pedagogia
Libro
ISBN: 9788859024927
Data di pubblicazione: 11/2020
Numero Pagine: 160
Formato: 15x21cm
Libro

Capitolo primo
La memoria e l’innovazione. L’impegno della pedagogia speciale tra radici e prospettive educative (Roberta Caldin)
Capitolo secondo
La pedagogia speciale. Uno sguardo al passato e qualche ipotesi sul futuro (Ferdinando Montuschi)
Capitolo terzo
Pedagogia speciale come scienza nomade, perché evolutiva e per il dialogo (Andrea Canevaro)
Capitolo quarto
Pedagogia generale e pedagogia speciale: quale rapporto? (Sergio Angori)
Capitolo quinto
Pedagogia speciale e dimensione interdisciplinare (Carlo Fratini)
Capitolo sesto
La ricerca empirica in pedagogia e didattica speciale: quale metodologia? (Lucio Cottini)
Capitolo settimo
Ambienti di apprendimento per l’inclusione: strategie didattiche e processi regolativi nella visione dinamica e diacronica del «funzionamento umano» (Lucia Chiappetta Cajola)
Capitolo ottavo
Pedagogia speciale, didattica speciale e internazionalizzazione (Lucia de Anna)

Didattica Metodologie didattiche / educative Pedagogia

Autori

Ti potrebbero interessare

Recensioni certificate con feedaty
Recensioni certificate con feedaty