IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Relational Social Work

Lavoro relazionale, sapere esperienziale, reciprocità, corresponsabilità e partecipazione: sono questi alcuni dei principi a cui fa riferimento il Metodo del Relational Social Work.

Principi che vengono applicati operativamente in vari ambiti del lavoro sociale: dalla tutela dei minori al community work, dal lavoro con le persone in condizioni di marginalità al lavoro sociale interculturale.

Il Metodo del Relational Social Work è quindi un’opportunità per portare innovazione e qualità nelle pratiche quotidiane, appoggiandosi su teorie scientifiche validate anche grazie alla preziosa attività del Centro di Ricerca Relational Social Work del Dipartimento di Sociologia dell’Università Cattolica di Milano.

 

Metodo Relational Social Work - Erickson 1
Lavoro sociale

Ripensare i servizi di prossimità per aiutare le famiglie in difficoltà in seguito alla pandemia

Un progetto della Caritas Bergamasca ci parla di una comunità sensibile, in grado di adattarsi rapidamente al nuovo contesto, includendo i diretti interessati
Metodo Relational Social Work - Erickson 2
Lavoro sociale

I 6 principi ispiratori del Metodo Relational Social Work

Dall’andare oltre il “senso comune” alla capacità di valorizzare tutti i saperi in gioco; dal rispetto all’empowerment: l’agire di un operatore sociale relazionale
Metodo Montessori e anziani fragili
Lavoro sociale

Sostenere una persona con disagio psichico è un lavoro di squadra

Due assistenti sociali spiegano l’importante ruolo di utenti e familiari esperti nella progettazione di percorsi di sostegno alle persone con fragilità psichica e raccontano l’esperienza vissuta durante l’emergenza Covid-19
Metodo Relational Social Work - Erickson 3
Adolescenza

Costruire relazioni “a distanza” con gli adolescenti ai tempi del Covid-19

Di fronte a storie così complesse gli operatori devono essere creativi, costruire spazi di ascolto, saper accogliere rabbia e abbandono. Soprattutto in questo periodo.
Leggi anche...

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."