IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Insegnante per un giorno - Erickson 1

Insegnante per un giorno

Mary Santillo, docente di lingua e civiltà inglese presso l’IIS "Pascal Mazzolari" di Manerbio (Brescia), risponde alla suggestione “Chi tra le tue alunne/i tuoi alunni ti ha sorpreso nella sua diversità e in che modo?”

Mi chiamo Mary e insegno Lingua e Civiltà Inglese in un Liceo delle Scienze Umane. Come tutti i miei colleghi, lo scorso anno scolastico, ho insegnato a distanza e ho cercato di creare dei momenti in cui gli studenti potessero lavorare a coppia o in piccolo gruppo per favorire il confronto e allo stesso tempo per creare delle opportunità formative più coinvolgenti: alcuni studenti hanno scritto alla direttrice della Tate Modern, Frances Morris, chiedendole di collegarsi con loro per poi intervistarla, mentre altri hanno invitato l’ambientalista Kristal Ambrose nell’ambito del loro percorso di Ed. Civica in inglese. Una delle attività che, però, a mio avviso ha messo in luce il talento dello studente con disabilità è stata realizzata in una classe seconda.

Il docente tirocinante (TFA sostegno) ed io abbiamo chiesto allo studente di essere “insegnante per un giorno” e spiegare alla classe come realizzare mappe mentali attraverso un’applicazione. Lo studente ama le tecnologie ed ha preparato molto bene la sua lezione. Non solo è stato in grado di spiegare alle sue compagne e ai suoi compagni tutte le funzioni che è si possono utilizzare, ma ha anche svolto l’attività di tutor durante i lavori di gruppo, rispondendo ad eventuali dubbi o a domande che venivano poste.

Credo che questa attività abbia molte caratteristiche inclusive: si è partiti, infatti, dalle competenze dello studente, dalla sua passione per le TIC e ciò gli ha permesso di ottenere gratificazione e motivazione; tutti gli studenti, inoltre, hanno lavorato in piccolo gruppo co-costruendo il loro sapere e hanno avuto l’opportunità di presentare al resto della classe e agli insegnanti le mappe prodotte.

Leggi anche:
  • Come essere di sostegno a uno… a tutti… e a nessuno
    Corina Carlini, insegnante di sostegno in una scuola dell’infanzia in provincia di Padova, risponde alla suggestione “Qual è stato il più grande traguardo che hai raggiunto o la più grande soddisfazione che hai avuto come insegnante?”
  • L’inclusione e il docente di sostegno
    Mirella Raco, insegnante di sostegno alla scuola primaria I.C. Mazzini di Messina, risponde alla suggestione “Se avessi una bacchetta magica, che cosa cambieresti della scuola per renderla davvero inclusiva?”
  • Il Matitone Arcobaleno
    Isabella Uberti, insegnante di scuola primaria presso l’IC Don Milani di Calenzano (FI), risponde alla suggestione “Se avessi una bacchetta magica, che cosa cambieresti della scuola per renderla davvero inclusiva?”
Ti potrebbero interessare...