IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Come rendere la didattica motivante? - Erickson 1

Come rendere la didattica motivante?

Lo straordinario potere del sostegno alla motivazione nello studio spiegato da Daniela Lucangeli

Il meccanismo della motivazione è molto complesso e sfaccettato, soggettivo ed esposto a continue variazioni: comprenderlo è il primo passo per supportarlo. È importante in primo luogo impegnarsi affinché la scuola e lo studio generino emozioni sane negli studenti, ascoltandoli e cercando di rispondere ai bisogni che essi hanno in modo spontaneo: credersi capaci, percepire un controllo dell’ambiente e sentirsi accolti e vicini affettivamente ai propri insegnanti.

Risulta determinante anche che gli studenti si sentano in grado di raggiungere gli obiettivi, e di porsi quegli stessi obiettivi in modo sempre più autonomo; che siano convinti di poter migliorare e vivano l’insuccesso come un evento su cui riflettere per non incorrervi in futuro.


Tutto questo è possibile solo calibrando in modo individuale per ciascun bambino i traguardi da conseguire, senza generare noia con sfide troppo semplici né frustrazione con richieste eccessivamente difficili.


Il ruolo degli adulti è fondamentale; essi possono porre l’accento sull’impegno e le strategie che i ragazzi mettono in campo nel fare le cose, non solo sui risultati raggiunti:

affrontare delle difficoltà ben accompagnati e ottenere un successo che li porta al di là del proprio punto di partenza è un’esperienza imprescindibile affinché crescano con fiducia nella propria capacità di farcela.

 

Gli insegnanti che vogliono creare una didattica motivante, quindi, pongano loro degli scopi che non siano unicamente un bel voto da prendere o la conquista del punteggio più alto in tutta la classe, bensì il migliorarsi costantemente anche nell’imparare abilità nuove.


La motivazione allo studio che auspico guarda al Sé futuro, suscitando il desiderio di dare il proprio meglio e non la propria ansia da prestazione.

 

#riflettere

Leggi anche...
  • Le origini delle difficoltà in matematica
    Come è possibile che ci siano così tanti studenti in difficoltà in matematica, se questa è sostenuta dalla forma più antica di intelligenza che abbiamo?
  • Sbagliando si impara
    La mente non può non sbagliare. Diversi studi recenti hanno dimostrato addirittura che l’errore rappresenta una vera e propria fase dell’intelligere umano
  • La benzina dell’apprendimento
    Ogni bambino, mentre impara, costruisce un bagaglio di memorie differenti in funzione del fatto che stia apprendendo con ansia o con gioia.

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."