IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Articoli e appuntamenti suggeriti

Apprendere creativamente per apprendere più efficacemente

Idee e strategie suggerite da Alessandra Falconi, esperta di educazione ai media e creatività digitale, per fare scuola mettendo in moto la fantasia e l’immaginazione dei bambini

L’epidemia di Covid di quest’anno ha creato, a livello scolastico, una situazione imprevista che ha stimolato gli insegnanti a ricorrere alla creatività per tenere in equilibrio il «buono» e il «fondamentale» della scuola.

La competenza, ma anche la fantasia e la professionalità, hanno dato forma a idee, progetti e percorsi che hanno tenuto in vita l’idea di una scuola come possibilità di scoperta collettiva e appassionante del mondo.

Anche quando il mondo sembrava avere ben poco da dare agli alunni e alle alunne.

Secondo la definizione data da Alberto Manzi, l’indimenticabile maestro della trasmissione RAI degli anni Sessanta “Non è mai troppo tardi”, la creatività è «la capacità produttiva della ragione, strettamente legata alla fantasia che offre quella inventività necessaria ad affrontare con spirito nuovo e senza limitazioni derivanti da pregiudizi ogni problema».

Durante l’emergenza ho osservato e cercato di sostenere maestre e professoresse che volevano usare questo tempo per riformulare le loro domande rispetto al senso più profondo del fare scuola e che sentivano con urgenza il bisogno di «creatività», anche a livello personale e non solo professionale.

Come ci ricorda Manzi, «L’apprendimento è più efficace se viene fatto in maniera creativa, ossia se spinge a immaginare, ad osservare, a dimostrare, a esplorare, a sperimentare, a verificare».

Occorre allora saper progettare la manipolazione di strumenti e cose, il dialogo concreto con gli oggetti, con i materiali, affinché il bagaglio culturale dell’alunno (le sue conoscenze pregresse) possa emergere e lasciarsi modificare e precisare dalle nuove esperienze che dovrebbero ristrutturare tutto il suo sapere.

Qualcosa di saputo e qualcosa di sconosciuto sono costantemente in tensione: è da qui che possiamo osservare il mettersi al lavoro della creatività, dell’immaginazione, della fantasia. La strada verso questi approfondimenti è stata percorsa con tante idee e strategie. Ne cito di seguito alcune.

Disegnare partendo da stimoli sonori: il suono ha avuto un ruolo importantissimo in questa quarantena. È stata una delle possibilità di tenere insieme il prima, l’oggi e il domani. La voce dell’insegnante e degli altri bambini, il canto, suoni diversi, hanno ispirato la possibilità di raccontare visivamente il silenzio, di metterlo dentro la cornice del disegno.

Far emergere i tanti punti di vista: la didattica creativa che alcuni docenti sono riusciti a proporre ha potenziato la speranza di poter sempre vedere anche qualcos’altro: dall’insalata che diventa un ritratto alla foglia che diventa una geografia… nei bambini si è nutrita la pluralità del punto di vista.

Intrecciare il piacere di scoprire le discipline con proposte visive: fare «scienze» con un disegno che fa ipotesi, propone idee, esprime piccoli e grandi saperi. Cosa accade dentro un uovo di gallina? Come si arriva al pulcino? A Milano, una seconda classe primaria ha ragionato su diverse ipotesi, proprio partendo dall’immaginazione e dall’esperienza dei bambini condensate in un disegno.

Il mondo a portata di mano / Cosa vedi dalla finestra: le finestre sono state aperture per uscire da casa, delle vere e proprie «scoperte». L’osservazione del cielo di notte, con le stelle; quella di giorno con le nuvole, oppure con lo spostamento del sole… anche in questo caso, una sostenibile creatività ha dato inizio a possibilità di fare e capire.

Il mondo che attendi/Cosa non vedi dalla finestra: «Non vedo un ragno che calpesta un piranha, che cerca di mangiare delle scarpe jet… un leone che ruggisce per la puzza», che ha permesso ai bambini di tenere vicino a sé quelle possibilità che non erano possibili nella realtà che stavamo vivendo. Questa apertura ad un possibile si manifestava e palesava grazie al disegno, alla metafora e all’arte. Sollecitare l’immaginazione è importante non solo perché è proprio l’immaginazione ad essere necessaria allo sviluppo di nuove ipotesi e di nuove possibilità di capire, ma anche perché crea nel bambino una «abitudine» al pensare in modo creativo.

Leggi anche...
Ti potrebbero interessare...

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."