A scuola nessuno è straniero.

Quale storia e geografia per l’educazione interculturale?
Giovedì 5 settembre | Mogliano Veneto (TV) e ONLINE

A scuola nessuno è straniero.

La presenza degli stranieri (in Italia, ma non solo) è ormai un dato strutturale che ha modificato profondamente l'assetto demografico, politico, economico e culturale delle società contemporanee, ponendo nuove domande e imponendo nuove sfide per il futuro.

I processi di globalizzazione e di interdipendenza, inoltre, hanno accelerato la formazione di società multiculturali.

Anche la scuola è stata coinvolta in queste trasformazioni. Secondo i dati ministeriali, nel 2021-22 le /gli studenti con cittadinanza non italiana erano 872 mila, il 10,6% della popolazione studentesca, con un incremento di quasi 7 mila unità rispetto l'anno precedente, in prevalenza nella scuola primaria.

Come deve essere una scuola interculturale non solo nella sua popolazione ma anche nella sua impostazione educativa? Come devono essere ripensati i saperi e le pratiche didattiche per una scuola realmente di tutte e di tutti? In particolare, quale educazione temporale e spaziale, quale storia e quale geografia per l'educazione interculturale?

Attorno a questi interrogativi prende le mosse il seminario per condividere risposte, indicazioni, prospettive didattiche. E forse anche nuove domande.

PROGRAMMA

1° Sessione on line - Mattina RELAZIONI 8.45 - 13.30

8.30 - 9.15
Accoglienza dei partecipanti. Saluti e presentazione del seminario

9.15 - 9.30
Giuseppina Casarin
Il canto che avvicina: una testimonianza
Direttrice del CORO VOCI DAL MONDO di Mestre - Venezia

9.30 – 10.15
Fabio Caon
La parola fa eguali: l'inclusione degli studenti con background migratorio tra educazione linguistica ed educazione interculturale
Università Ca’ Foscari di Venezia

10.15 - 11.00
Cristiano Giorda
Il territorio e il paesaggio come mediatori per l'inclusione. Geografia e storia per l’educazione interculturale
Università degli Studi di Torino. DFE Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'educazione

11.00 - 11.30
Coffee break

11.30 – 12.15
Ivo Mattozzi
Quale storia per classi multiculturali?
Docente a contratto della Libera Università di Bolzano Presidente dell’Associazione Clio ’92

12.15 - 13.00
Marco Tibaldini
Storia in prospettiva interculturale: uno sguardo fuori dall’Italia
Università di Genova, Associazione Clio ’92 13.00 -13.30 Discussione

2° Sessione in presenza - Pomeriggio LABORATORI - Ore 15.30 – 18.00

Sede: IC1 “Nelson Mandela” Mogliano V.to - Scuola secondaria “Margherita Hack”, Via Roma 84 a Mogliano Veneto (TV)

1. LABORATORIO SCUOLA DELL’INFANZIA; SCUOLA PRIMARIA: CL. 1^ CL. 2^
Crescere e comprendersi nell’arte: il linguaggio artistico per riconoscersi nelle storie e nelle geografie degli altri (di tutti e per tutti)
Il linguaggio dell’arte è universale, attraversa i popoli incrociandoli e unendoli al di sopra di ogni diversità, e al di là di ogni frontiera racconta le storie e le geografie che appartengono alla loro cultura. Il laboratorio propone strategie e modalità per facilitare l’incontro dei bambini con il “resto del mondo”, in cui riconoscersi e comprendersi attraverso l’analisi dell’opera, la narrazione e la rielaborazione. Oltre a ciò alcuni esempi dove l’arte nelle sue forme è chiave di lettura del mondo. Un percorso di ricerca visiva per crescere.
Tutor: Anna Aiolfi, Gabriella Bosmin - Rete Geo Storie

2. LABORATORIO SCUOLA PRIMARIA: CL. 3^, 4^, 5^
Neolitico così lontano così vicino: i Sapiens in cammino Le migrazioni e le contaminazioni tra gruppi di Sapiens hanno origini lontanissime.
Il laboratorio cercherà di indagare gli spostamenti dei gruppi umani e il rapporto con l’altro in una prospettiva geostorica dalle origini ai giorni nostri.
Tutor: Emanuela Gilli - Museo di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna (TV); Laura Rento e Marisa Romeo - Rete Geo Storie

3. LABORATORIO SCUOLA PRIMARIA
Chi siamo? Costruire il quadro di civiltà del mondo di oggi
Il laboratorio partirà dalle nostre identità per iniziare a capire che sono le chiavi per introdurre il grande quadro di civiltà del tempo presente. In esso si intrecciamo le molteplici storie delle nostre alunne e dei nostri alunni. Storie di oggi, ma strettamente legate al passato. Al passato vicino e a quello delle civiltà antiche.
Tutor: Luisa Bordin - Rete Geo Storie, Associazione Clio '92

4. LABORATORIO SCUOLA SECONDARIA
Pianeta migrante. Storie da un mondo in movimento
Alla scoperta di uno dei fenomeni più interessanti del nostro tempo, il laboratorio mira innanzitutto ad attivare i/le partecipanti sul ruolo degli immaginari nella costruzione narrativa, nella lettura ed interpretazione delle migrazioni. Partendo dagli immaginari più evidenti e consolidati, sarà attraverso i dati dell'agire migratorio alle diverse scale (partenze, arrivi, dinamiche di genere, ecc.) che si proverà a mettere in luce la complessità delle realtà migratorie. Verrà fatta esperienza del ruolo delle storie di vita quali elementi fondamentali per rimettere al centro il diritto umano inviolabile di tutti e tutte a migrare.
Tutor: Sara Bin - Università di Padova, Associazione Italiana Insegnanti di Geografia - Sezione Veneto

5. LABORATORIO ONLINE SCUOLA SECONDARIA
Utilizzare la metodologia del Debate per analizzare e discutere su monumenti e toponomastica coloniale o controversi: come progettare una mozione dibattibile
Dopo una prima puntualizzazione sulle caratteristiche generali del Debate, sulle modalità di ricerca documentale e la presentazione di 2-3 ‘casi esemplari’, nel laboratorio le e i partecipanti saranno coinvolti nella progettazione di alcune possibili mozioni prendendo spunto da casi reali. Nella discussione verranno successivamente individuati i punti critici delle mozioni e condivise possibili modifiche.
Tutor: Mario Pilosu - Associazione Clio '92, Società Nazionale Debate Italia, Società Italiana di Didattica della Storia
Il laboratorio si svolgerà in presenza presso la Scuola secondaria “Margherita Hack”, Via Roma a Mogliano Veneto (TV) in collegamento da remoto con Mario Pilosu.

6. LABORATORIO TRASVERSALE
GeoStorie interculturali e transgenerazionali. Storia, geografia, studi sociali con le storie familiari
Ripercorrere le storie personali, familiari e sociali, ricordare i luoghi in cui si è vissuti, collocare nel tempo nascite e trasferimenti, conoscere i cambiamenti che sono intervenuti tra una generazione e l’altra, è utile nella formazione di grandi e piccoli. Ricercare insieme viaggi, mestieri, studi… è un’esperienza preziosa per presentarsi e collocarsi all’interno di un gruppo, permette di scoprire provenienze culturali, comparando permanenze e mutamenti. Le mappe, gli alberi genealogici e i racconti reciproci favoriscono lo sviluppo sentimenti di rispetto e cooperazione, promuovono inclusione reciproca e la costruzione di legami sociali, aiutano a sentirsi cittadini del mondo, costruiscono un’idea di appartenenza, di un Io all’interno di un Noi.
Tutor: Domenico Canciani - MCE-Movimento di Cooperazione Educativa

7. LABORATORIO TRASVERSALE
Giochi & Civiltà
Il laboratorio sarà dedicato alla scoperta della didattica ludica, ossia all’insegnamento della storia attraverso l’utilizzo dei giochi da tavolo dell’epoca antica, medievale, rinascimentale e moderna.
Durante il laboratorio questi verranno giocati e poi analizzati come fonti storiche per mettere in luce le loro implicazioni sociali, politiche e culturali. I giochi da tavolo del passato, infatti, molto più di altri prodotti culturali, erano in grado di valicare i confini sociali, ideologici, culturali.
Giochi & Civiltà è un progetto europeo: i partecipanti che intendono proseguire l’attività possono coinvolgere i propri istituti e accedere formalmente al progetto come ‘Associated Partners'.
Tutor: Marco Tibaldini - Cultore della Materia presso l’Università di Genova, Membro del Direttivo dell’ Associazione Clio ’92, membro del gruppo degli esperti in didattica della Storia dell’Osservatorio sull’Insegnamento Storico del Consiglio d’Europa

8. LABORATORIO TRASVERSALE
L'intercultura a scuola tra teoria e pratica
Nell'intervento si affronterà il tema dell'educazione interculturale inquadrando all'interno della cornice normativa quali siano le criticità della classe plurilingue e multiculturale e di come poter rispondere a tali criticità dal punto di vista linguistico e didattico-metodologico.
Tutor: Fabio Caon - Professore associato di Didattica delle lingue e Comunicazione Interculturale all’università Ca’ Foscari di Venezia

RELATRICI E RELATORI DEL SEMINARIO

Giuseppina Casarin
Musicista, ricercatrice e cantante di tradizione orale italiana, direttrice del CORO VOCI DAL MONDO di Mestre, un’esperienza sociale, interculturale e artistica che sperimenta la pratica di comunità musicale come modalità per promuovere relazioni tra le diversità. La musica come territorio di incontro e scambio tra persone con età, provenienze culturali, tradizionali, religiose e linguistiche diverse diventa contesto privilegiato in cui costruire comunità. Il coro è un laboratorio cittadino che attraverso la pratica musicale ricerca le forme espressive, comunicative e performative più adeguate per cantare alla città la propria testimonianza di convivenza possibile.
Link al sito del coro: https://corovocidalmondo.wordpress.com

Cristiano Giorda
Professore Ordinario di Geografia presso l’Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione.
È titolare dei corsi di Fondamenti e didattica della geografia (Scienze della formazione primaria), Geografia umana e culturale (Lettere), Educazione, Territorio, Sviluppo Sostenibile (Scienze dell’Educazione, laurea magistrale in Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi).
È vicepresidente dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) dove è responsabile nazionale per la formazione docenti.
Si occupa di terza missione e formazione in servizio dei docenti, collaborando con istituzioni scolastiche, associazioni, riviste e case editrici.
Ha pubblicato oltre 100 articoli scientifici oltre a una decina di volumi, tra i quali quattro monografie, dedicati in prevalenza all’educazione geografica e alla didattica della geografia.

Fabio Caon
Professore associato di Didattica delle lingue e Comunicazione Interculturale all’università Ca’ Foscari di Venezia dove dirige il LABCOM (Laboratorio di Comunicazione Interculturale e Didattica) e i MASTER MELIA (Master in Educazione Linguistica Inclusiva e Accessibile) e COMINT (Master in Comunicazione Interculturale.
Ha scritto molti volumi e articoli su vari temi di educazione linguistica e interculturale, tra cui:
Caon F., Battaglia S., Brichese A., 2020, Educazione interculturale in classe. Una prospettiva edulinguistica, Milano-Torino, Pearson; Balboni P.E, Caon F., 2015, La comunicazione interculturale, Venezia, Marsilio.

Ivo Mattozzi
È stato professore di storia moderna e didattica della storia presso l'Università di Bologna dal 1972 al 2010. Ora è in pensione, ma tiene un insegnamento di storia e didattica presso la Libera Università di Bolzano. È presidente di “Clio '92. Associazione di insegnanti e ricercatori in didattica della storia" (www.clio92.org). Nell'Università di Bologna ha tenuto un seminario sulla storia generale come problema epistemologico e metodologico e un corso nel Master di Comunicazione storica. I campi di ricerca sono numerosi, ma ora si è particolarmente dedicato ai problemi di comprensione e di scrittura in storia e alla struttura della storia generale da insegnare.

Marco Tibaldini
Cultore della materia presso l’università di Genova, membro del Direttivo dell’ Associazione Clio ’92 e del gruppo di esperti dell’Osservatorio sull’Insegnamento Storico del Consiglio d’Europa.
Ha conseguito il dottorato in Didattica Disciplinare all’università di Bolzano con una tesi sull’applicazione dei giochi antichi nella didattica della storia alla scuola primaria.
Nell’ambito di Scienze della Formazione, si occupa di didattica della storia e del collegamento fra epistemologia disciplinare e didattica, nell’ambito delle Scienze Storiche invece si occupa di storia ludica, ossia delle tradizioni ludiche del Mediterraneo antico.

Note organizzative

Per l’iscrizione al seminario compilare il modulo online entro il 02 settembre 2024.

Si accetteranno fino a 200 iscrizioni.
Per la partecipazione al laboratorio del pomeriggio, segnalare al massimo due preferenze (in ordine di priorità) nel modulo di iscrizione.
I laboratori verranno confermati con un minimo di 8 partecipanti.

Per info: referente Luisa Bordin, tel. 0422.398018, info@retegeostorie.eu