Metodo Analogico Bortolato

Il Metodo Analogico è una presenza ormai consolidata nella scuola italiana.

In oltre 30 anni più di 3 milioni di bambini lo hanno utilizzato con entusiasmo in classe e a casa. Ha il suo focus nelle strategie di apprendimento che generano inclusione.

Il Metodo Analogico propone:

  • un programma di attività individuali e collettive per la scuola dell’infanzia con strumenti per un primo approccio light alla lettura e alla matematica;
  • un percorso curricolare completo per la scuola primaria;
  • un potenziamento di contenuti in ogni disciplina;
  • un ricorso generalizzato a strumenti per ovviare al linguaggio verbale;
  • materiali integrativi individuali e collettivi per geometria e scienze;
  • iniziative di formazione per insegnanti, pedagogisti e genitori.

Esplora tutte le proposte del Metodo Analogico

Metodo Analogico Bortolato - InfanziaMetodo Analogico Bortolato - Infanzia
Metodo Analogico Bortolato - Classe primaMetodo Analogico Bortolato - Classe prima
Metodo Analogico Bortolato - Classe secondaMetodo Analogico Bortolato - Classe seconda
Metodo Analogico Bortolato - Classe terzaMetodo Analogico Bortolato - Classe terza
Metodo Analogico Bortolato - Classe quartaMetodo Analogico Bortolato - Classe quarta
Metodo Analogico Bortolato - Classe quintaMetodo Analogico Bortolato - Classe quinta
Metodo Analogico Bortolato - Proposte digitaliMetodo Analogico Bortolato - Proposte digitali
Metodo Analogico Bortolato - FormazioneMetodo Analogico Bortolato - Formazione

Le novità

I compiti vanno in vacanzaI compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza

La nuova edizione dell’originale serie di libri per le vacanze del Metodo Analogico per i bambini e le bambine della scuola primaria che vogliono imparare divertendosi.

Quattro disfa-libro da portare sempre con sé che propongono un modo innovativo per ripassare e imparare anche in vacanza, italiano, matematica, inglese, storia, geografia e scienze.

Convegno Insegnerò al volo: la via concreta del metodo analogico in ogni disciplina

Convegno Insegnerò al volo: la via concreta del metodo analogico in ogni disciplina

31 agosto | Erickson Roma

In questo panorama di crescente disorientamento, specie per chi si affaccia per la prima volta all’insegnamento, il metodo analogico rappresenta un’opportunità chiara, concreta, sperimentata, che apre alla possibilità di vivere in classe con i propri alunni e le proprie alunne un’oasi di serenità. Succede perché grazie all’uso dei suoi strumenti si vedono i bambini e le bambine volare nell’apprendimento in ogni materia fin dall’inizio.

  • In italiano imparano a leggere quasi d’incanto con una tastiera di lettura, anche già dall’infanzia se lo desiderano. Subito dopo si esercitano a leggere su un libro appassionante che parla di uccellini in crescita come loro.
  • In matematica affrontano le quantità partendo dal mille che è una casa piena di palline.
  • In storia e geografia fanno un viaggio nel passato e nel presente, scoprendo che possiedono già moltissime informazioni e si tratta solo di metterle in ordine.
  • In scienze affrontano il mondo della natura e della tecnologia come gli adulti.

Nel Convegno saranno toccati i capisaldi di questo approccio che porta conseguenze in ogni micro aspetto della didattica anno per anno.

A scuola con PittiA scuola con Pitti

A scuola con Pitti

Un percorso completo per il curricolo di classe prima e di classe seconda per imparare italiano, matematica, storia, geografia e scienze in modo nuovo, diretto, veloce, all’altezza delle aspettative dei bambini e delle bambine.

A scuola con Pitti 1 e A scuola con Pitti 2 offrono una soluzione che va nel senso della semplificazione e della leggerezza:

  • meno libri da sfogliare
  • meno peso da portare a scuola
  • più sintesi ed essenzialità dei contenuti
  • più efficacia

Il Metodo Analogico per la scuola primaria

Naviga ed esplora la mappa interattiva per conoscere l’approccio del Metodo Analogico e la sua applicazione concreta negli strumenti e nelle proposte per l’insegnamento dell’italiano e della matematica dalla prima alla quinta della scuola primaria.

Video del Metodo AnalogicoVideo del Metodo Analogico

Guarda tutti i video del Metodo Analogico

Le parole chiave del Metodo Analogico

  1. Intuitività

    I bambini nascono grandi cioè nel pieno delle loro capacità intuitive: uso di immaginiapprendimento “a pioggia”, ricorso ad analogie, percezione d’insieme, sono i loro strumenti di conoscenza fin dalla nascita. Tutta la comprensione si disvela come un insieme di piccole scoperte.

    Subentra poi il necessario momento dell’analisi e della riflessione attraverso il linguaggio delle singole discipline.

  2. Calcolo mentale

    Il Metodo punta ad uno sviluppo del calcolo mentale come fondamento del percorso corretto per l’apprendimento della matematica, concentrandosi anzitutto sulle immagini mentali delle quantità e non sulle cifre.

  3. Calcolo scritto

    Una volta costituita una solida base con il calcolo mentale, si avvia l’acquisizione del calcolo scritto basato su regole procedurali ed esercizio sistematico.

  4. Problemi

    Nei problemi viene dato prima spazio alla risoluzione intuitiva e poi a quella matematica formale. La comprensione viene stimolata direttamente attraverso immagini arrivando successivamente alla formulazione e allo studio del testo verbale scritto.

  5. Lettura

    La lettura viene affrontata con l’ausilio di speciali “tastiere” in cui le lettere trasformate in icone diventano immediatamente riconoscibili.Presentate tutte insieme permettono ai bambini di imparare a leggere nel giro di pochi giorni esercitandosi poi su piccoli libri.

  6. Libro di lettura

    Il libro di lettura classico configurato come una antologia di racconti viene sostituito con una storia unica che si sviluppa negli anni. Viene ripristinato in questo modo il piacere di leggere che poi si tradurrà nel desiderio di scrivere.

  7. Scrittura

    La scrittura viene perseguita separatamente e con molta gradualità. Giorno dopo giorno l’insegnante guida i bambini a curare il tratto di ogni lettera come se fosse un ricamo. Il corsivo viene proposto molto presto per famiglie di lettere con procedure ben studiate.

  8. Ortografia, grammatica, verbi

    La fase di riflessione sul linguaggio si sviluppa attraverso “strisce confermative” che sostituiscono una grande quantità di “schede”. Nell’ortografia e nell’analisi grammaticale e logica, le spiegazioni e le regole vengono apprese strada facendo e non anticipate. Con queste strisce inoltre sarà il bambino a misurare il suo livello di apprendimento secondo i principi di auto-valutazione e di autocorrezione, con l’insegnante che guida e dà fiducia.

  9. Inclusione

    Gli alunni in difficoltà usano gli stessi strumenti dei compagni secondo una logica pienamente inclusiva. Cambia solo il tempo necessario per affrancarsene.

  10. Costruzione di testi

    Grande attenzione viene riservata al testo personale come manifestazione del proprio vissuto. Un’attività che viene sviluppata attraverso tecniche narrative incontrati nei libri di lettura e modelli.

  11. Gradualità

    Propone in ogni argomento una visione panoramica iniziale che farà di riferimento alle successive analisi. 

    Evita così l’apprendimento “a goccia” che causa problemi ai bambini per la dilatazione del tempo che comporta.

  12. Le strisce analogiche

    Fa uso generalizzato delle strisce confermative che sostituiscono le svariate schede “inquisitive” di verifica nell’ottica di prevenire l’errore.

  13. Difficoltà in lettura

    Trasformando le lettere in icone e suddividendo le parole in unità di lettura consente un veloce acquisizione di questa abilità.

    Inoltre sviluppa la passione per i contenuti delle storie.

Il Maestro Camillo Bortolato

Il Maestro Camillo Bortolato

Per approfondimenti, per una riflessione più ampia sul Metodo Analogico grazie ad articoli e suggerimenti e per guardare tutti i video: collegati subito su www.camillobortolato.it

Entra nell’albo del Metodo AnalogicoEntra nell’albo del Metodo Analogico

Entra nell’albo del Metodo Analogico

Il Metodo Analogico si è diffuso spontaneamente in questi anni grazie alla sensibilità di insegnanti, educatori e genitori che ne hanno sperimentato l’efficacia con i bambini. Se anche tu sei tra queste, ti invitiamo a scrivere il tuo nome insieme a un breve pensiero. La tua testimonianza sarà utile anche a chi vuole intraprendere questo percorso.