IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Iscrizione Corso in aula + ECM
€ 1.525,00 -27% € 2.100,00
-27%
Vale 152 punti Erickson

Master in Psicodiagnostica clinica

Teoria e strumenti per la valutazione della psicopatologia in età adulta e in età evolutiva

Erickson sede Roma | Dal 13 maggio 2022 al 19 novembre 2022 E ONLINE

Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico...

Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico di riferimento.

 

La metodologia didattica interattiva, l’esperienza delle docenze e la ricchezza di esemplificazioni cliniche attraverso l’analisi di casi trattati e simulazioni consentiranno ai partecipanti di costituire/arricchire il proprio bagaglio di strumenti e tecniche di valutazione e di acquisire fiducia nell’approcciarsi in maniera efficace e professionale al processo diagnostico.

 

Un Master di grande utilità perché individuare le ricorrenze che accomunano il funzionamento dei propri pazienti e ricondurle a precise categorie diagnostiche è una delle competenze che il processo di presa in carico psicologica richiede fin dalle prime battute. E saper fare diagnosi implica padroneggiare più strumenti, che spaziano dal colloquio clinico alle interviste diagnostiche fino ai test/questionari.

 

Il Master intende affrontare in maniera concreta tutti questi aspetti per permettere di affrontare al meglio il processo diagnostico e, quindi, impostare in maniera efficace il lavoro terapeutico che lo segue.


Organizzato in collaborazione con IPSICO - Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale



Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico...

Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico di riferimento.

 

La metodologia didattica interattiva, l’esperienza delle docenze e la ricchezza di esemplificazioni cliniche attraverso l’analisi di casi trattati e simulazioni consentiranno ai partecipanti di costituire/arricchire il proprio bagaglio di strumenti e tecniche di valutazione e di acquisire fiducia nell’approcciarsi in maniera efficace e professionale al processo diagnostico.

 

Un Master di grande utilità perché individuare le ricorrenze che accomunano il funzionamento dei propri pazienti e ricondurle a precise categorie diagnostiche è una delle competenze che il processo di presa in carico psicologica richiede fin dalle prime battute. E saper fare diagnosi implica padroneggiare più strumenti, che spaziano dal colloquio clinico alle interviste diagnostiche fino ai test/questionari.

 

Il Master intende affrontare in maniera concreta tutti questi aspetti per permettere di affrontare al meglio il processo diagnostico e, quindi, impostare in maniera efficace il lavoro terapeutico che lo segue.


Organizzato in collaborazione con IPSICO - Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale



Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico...

Direzione Scientifica: dott. Gabriele Melli


Un nuovo Master che si pone l’obiettivo di trasmettere competenze teoriche e pratiche per permettere ai professionisti di approcciarsi con senso di efficacia e padronanza alla valutazione diagnostica del paziente, indipendentemente dall’approccio teorico di riferimento.

 

La metodologia didattica interattiva, l’esperienza delle docenze e la ricchezza di esemplificazioni cliniche attraverso l’analisi di casi trattati e simulazioni consentiranno ai partecipanti di costituire/arricchire il proprio bagaglio di strumenti e tecniche di valutazione e di acquisire fiducia nell’approcciarsi in maniera efficace e professionale al processo diagnostico.

 

Un Master di grande utilità perché individuare le ricorrenze che accomunano il funzionamento dei propri pazienti e ricondurle a precise categorie diagnostiche è una delle competenze che il processo di presa in carico psicologica richiede fin dalle prime battute. E saper fare diagnosi implica padroneggiare più strumenti, che spaziano dal colloquio clinico alle interviste diagnostiche fino ai test/questionari.

 

Il Master intende affrontare in maniera concreta tutti questi aspetti per permettere di affrontare al meglio il processo diagnostico e, quindi, impostare in maniera efficace il lavoro terapeutico che lo segue.


Organizzato in collaborazione con IPSICO - Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale



Promozione – Iscriviti subito
1525 € anziché 2100 € solo per un numero limitato di posti ed entro il 21 febbraio

Iscrizione Corso in aula + ECM
€ 1.525,00 -27% € 2.100,00
-27%
Vale 152 punti Erickson

contenuti

Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare...

Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare il funzionamento attuale del paziente, ricostruire l’anamnesi patologica e raccogliere i primi elementi di assessment generale.

La produzione della prima ipotesi diagnostica: come si effettua la scelta degli strumenti per la diagnosi e per la diagnosi differenziale.

Il ruolo del Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0) nell’assessment: aspetti teorici e presentazione dello strumento.

Esercitazione pratica sul Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0): dalla consegna del test fino alla stesura del referto diagnostico.

 

Modulo 2 - 27 e 28 maggio a distanza

Dott.ssa Irene Castellani

Presentazione dei principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”

La struttura del test, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione:

  • Sintomatologia generica asse I: Symptoms Checklist 90-R; Cognitive Behavioral Assessment 2.0.
  • Depressione/depressione bipolare: Beck Depression Inventory IIInternal State Scale
  • DOC: Yale Brown Obsessive-Compulsive Scale IIDimensional Obsessive Compulsive Scale; Vancouver obsessive compulsive inventory Mental Contamination; Guilt Sensivity Questionnairy
  • Ansia: Beck Anxiety Inventory
  • Ansia per la salute: Health Anxiety Questionnaire
  • Ansia generalizzata: Worry Domains Questionnaire; Penn State Worry Questionnaire
  • Ansia panicosa: Body Sensation Questionnaire; Mobility Inventory for Agoraphobia; Agoraphobic Cognition Questionnaire
  • Ansia sociale: Social Interaction Anxiety Scale; Social Phobia Scale; Liebowitz Social Phobia Scale
  • Psicosi: Positive and Negative Symptoms of Schizophrenia
  • Disturbi del sonno: Pittsburg Sleep Quality Index
  • Aspecifici/trasversali: Scala per ideazione suicidaria; Barratt Impulsiveness Scale; Toronto Alexitimia ScaleDifficulties in Emotional Regulation ScaleGambrill Richey scala Assertività
  • Perfezionismo clinico: Multimensional Perfectionism Scale
  • Disturbo alimentare: Eating Disorder Inventory III; Questionario di dismorfismo corporeo (qdC)
  • Trauma: Dissociative experience scale II
  • Disturbo sessuale: Female sexual functioning indexInternational Index of erectile function IIEF-15
  • Dipendenza: Addiction Behavior Questionnaire


Modulo 3 - 17 e 18 giugno in presenza

Dott.ssa Giulia Calamai

Esercitazione sui principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) sui principali test presentatidalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 4 - 9 e 10 settembre a distanza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Strumenti per la valutazione dei disturbi di personalità in età adulta

Introduzione alla valutazione della personalità: concetto di personalità normale e patologica.

Modello di inquadramento diagnostico categoriale e dimensionale.

Presentazione dei principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, comprensiva di struttura del test, caratteristiche psicometriche, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione. Uso, regole di somministrazione e interpretazione:

  • SCID 5 PD (Structured Clinical Interview for DSM-5 personality disorder);
  • SCID AMPD (Structured Clinical Interview for DSM-5 alternative model personality disorder);
  • PID 5 (Personality Inventory Disorder 5)
  • MMPI-2 (Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2), PAI (Personality Assessment Inventory) e scale specifiche utilizzate nella valutazione della personalità LPFS (Levels of Personality Functioning Scale); PNI-52 (pathological narcissism inventory); BIS-11 (Barratt Impulsiveness Scale Version 11); DERS (Difficulties in Emotion Regulation Scale); DES (Dissociative Experiences Scales); IIP (Inventory of Interpersonal Problems); LSPS (Brief Social Phobia Scale); BHS (Beck Hopelessness Scale); SHI (Self Harm Inventory).

La teoria evolutiva e i disturbi di personalità secondo Theodore Millon. Uso, regole di somministrazione e interpretazione del Millon Clinical Multixial Inventory III

 

Modulo 5 - 23 e 24 settembre in presenza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Esercitazione sui principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Esercitazioni su casi clinici, descrizione delle scale e costruzione del profilo psicodiagnostico.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) dalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 6 - 14 e 15 ottobre a distanza

Dott. Giuseppe Romano 

Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Le difficoltà di valutazione delle problematiche psicologiche in età evolutiva.
La diagnosi esplicativa: un modello di formulazione del caso.


Introduzione: approccio alla valutazione.

Introduzione alla valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: assessment, processo anamnestico, colloquio clinico.
DSM-5 in età evolutiva: principali disturbi e indicazioni per la diagnosi differenziale.


Dott.ssa Vittoria Zaccari
Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Strumenti di screening dell’indagine psicodiagnostica in età evolutiva.
Presentazione dei principali strumenti di screening per la valutazione in età evolutiva.
Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • CBCL (Child Behavior Checklist 6-18)
  • CBCL 1 ½-5 (Child Behavior Checklist 1 ½-5)
  • YSR(Youth Self Report 11-18)
  • TRF (Teacher’s Report Form 6-18)
  • CPRS-R:L (Conners’ Parent Rating Scales long version 3-17)
  • CTRS-R:L (Conners’ Rating Scales-Revised Versione per insegnanti forma estesa 3-17)
  • SCALE CONNERS 3

Strumenti per la valutazione dei disturbi dell’umore.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo:

  • CDI 2 (Children’s Depression Inventory - Second Edition, 7-17)
  • BDI-II (Beck Depression Inventory da 13 anni)
  • SAFA (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti)
  • Scale di valutazione del DSM-5

La valutazione del disturbo ossessivo compulsivo in età evolutiva.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • OCI-CV (Obsessive Compulsive Inventory-Child Version)
  • OCI (Obsessive-Compulsive Inventory – Revised, dai 16 anni)
  • PI (Padua Inventory da 16 anni)
  • MASC 2 (Multidimensional Anxiety Scale for Children- Second Edition, 8-19)
  • SAFA-S (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti, 8-18)


Modulo 7 - 18 e 19 novembre in presenza

Dott.ssa Vittoria Zaccari  e Dott. Giuseppe Femia
La valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: approfondimento diagnostico
Presentazione dettagliata interviste semi-strutturate funzionali all’approfondimento diagnostico; modalità di somministrazione, fasi di somministrazione, siglatura e inquadramento diagnostico. Illustrazione criteri specifici di patologia, (durata, frequenza e intensità) e compromissione del funzionamento.

  • CY-BOCS (Children Yale Brown Obsessive Compulsive Scale)
  • K-SADS-PL DSM 5 (Intervista Diagnostica Semi-Strutturata per La Valutazione Dei Disturbi Psicopatologici In Bambini E Adolescenti)
  • C-GAS (Children's Global Assessment Scale, 6-18)
  • Scale di valutazione del DSM-5

Individuazione di aspetti sintomatologici transdiagnostici. Guida alla lettura dei punteggi e analisi dei singoli item.

Esercitazioni pratiche: somministrazione in aula - simulate sugli strumenti di screening presentati. Formulazione di un report clinico. 

La valutazione della personalità in adolescenza
Il confine tra adolescenza ed età adulta: dubbi diagnostici. Disturbi dell’umore o d’ansia ed esordio di disturbi della Personalità nell’arco evolutivo.

  • PID-5 (Inventario di personalità per il DSM-5 da 11 a 17)
  • PID-5-BF (Inventario di personalità per il DSM-5 - Versione breve da 11 a 17)

Esercitazione: scoring test e interpretazione del profilo.
Integrazione fra la valutazione diagnostica e la pratica clinica.
Dai dati testologici alla ricostruzione del profilo interno di funzionamento.



Master in collaborazione con IPSICO Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale


Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare...

Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare il funzionamento attuale del paziente, ricostruire l’anamnesi patologica e raccogliere i primi elementi di assessment generale.

La produzione della prima ipotesi diagnostica: come si effettua la scelta degli strumenti per la diagnosi e per la diagnosi differenziale.

Il ruolo del Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0) nell’assessment: aspetti teorici e presentazione dello strumento.

Esercitazione pratica sul Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0): dalla consegna del test fino alla stesura del referto diagnostico.

 

Modulo 2 - 27 e 28 maggio a distanza

Dott.ssa Irene Castellani

Presentazione dei principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”

La struttura del test, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione:

  • Sintomatologia generica asse I: Symptoms Checklist 90-R; Cognitive Behavioral Assessment 2.0.
  • Depressione/depressione bipolare: Beck Depression Inventory IIInternal State Scale
  • DOC: Yale Brown Obsessive-Compulsive Scale IIDimensional Obsessive Compulsive Scale; Vancouver obsessive compulsive inventory Mental Contamination; Guilt Sensivity Questionnairy
  • Ansia: Beck Anxiety Inventory
  • Ansia per la salute: Health Anxiety Questionnaire
  • Ansia generalizzata: Worry Domains Questionnaire; Penn State Worry Questionnaire
  • Ansia panicosa: Body Sensation Questionnaire; Mobility Inventory for Agoraphobia; Agoraphobic Cognition Questionnaire
  • Ansia sociale: Social Interaction Anxiety Scale; Social Phobia Scale; Liebowitz Social Phobia Scale
  • Psicosi: Positive and Negative Symptoms of Schizophrenia
  • Disturbi del sonno: Pittsburg Sleep Quality Index
  • Aspecifici/trasversali: Scala per ideazione suicidaria; Barratt Impulsiveness Scale; Toronto Alexitimia ScaleDifficulties in Emotional Regulation ScaleGambrill Richey scala Assertività
  • Perfezionismo clinico: Multimensional Perfectionism Scale
  • Disturbo alimentare: Eating Disorder Inventory III; Questionario di dismorfismo corporeo (qdC)
  • Trauma: Dissociative experience scale II
  • Disturbo sessuale: Female sexual functioning indexInternational Index of erectile function IIEF-15
  • Dipendenza: Addiction Behavior Questionnaire


Modulo 3 - 17 e 18 giugno in presenza

Dott.ssa Giulia Calamai

Esercitazione sui principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) sui principali test presentatidalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 4 - 9 e 10 settembre a distanza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Strumenti per la valutazione dei disturbi di personalità in età adulta

Introduzione alla valutazione della personalità: concetto di personalità normale e patologica.

Modello di inquadramento diagnostico categoriale e dimensionale.

Presentazione dei principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, comprensiva di struttura del test, caratteristiche psicometriche, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione. Uso, regole di somministrazione e interpretazione:

  • SCID 5 PD (Structured Clinical Interview for DSM-5 personality disorder);
  • SCID AMPD (Structured Clinical Interview for DSM-5 alternative model personality disorder);
  • PID 5 (Personality Inventory Disorder 5)
  • MMPI-2 (Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2), PAI (Personality Assessment Inventory) e scale specifiche utilizzate nella valutazione della personalità LPFS (Levels of Personality Functioning Scale); PNI-52 (pathological narcissism inventory); BIS-11 (Barratt Impulsiveness Scale Version 11); DERS (Difficulties in Emotion Regulation Scale); DES (Dissociative Experiences Scales); IIP (Inventory of Interpersonal Problems); LSPS (Brief Social Phobia Scale); BHS (Beck Hopelessness Scale); SHI (Self Harm Inventory).

La teoria evolutiva e i disturbi di personalità secondo Theodore Millon. Uso, regole di somministrazione e interpretazione del Millon Clinical Multixial Inventory III

 

Modulo 5 - 23 e 24 settembre in presenza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Esercitazione sui principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Esercitazioni su casi clinici, descrizione delle scale e costruzione del profilo psicodiagnostico.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) dalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 6 - 14 e 15 ottobre a distanza

Dott. Giuseppe Romano 

Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Le difficoltà di valutazione delle problematiche psicologiche in età evolutiva.
La diagnosi esplicativa: un modello di formulazione del caso.


Introduzione: approccio alla valutazione.

Introduzione alla valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: assessment, processo anamnestico, colloquio clinico.
DSM-5 in età evolutiva: principali disturbi e indicazioni per la diagnosi differenziale.


Dott.ssa Vittoria Zaccari
Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Strumenti di screening dell’indagine psicodiagnostica in età evolutiva.
Presentazione dei principali strumenti di screening per la valutazione in età evolutiva.
Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • CBCL (Child Behavior Checklist 6-18)
  • CBCL 1 ½-5 (Child Behavior Checklist 1 ½-5)
  • YSR(Youth Self Report 11-18)
  • TRF (Teacher’s Report Form 6-18)
  • CPRS-R:L (Conners’ Parent Rating Scales long version 3-17)
  • CTRS-R:L (Conners’ Rating Scales-Revised Versione per insegnanti forma estesa 3-17)
  • SCALE CONNERS 3

Strumenti per la valutazione dei disturbi dell’umore.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo:

  • CDI 2 (Children’s Depression Inventory - Second Edition, 7-17)
  • BDI-II (Beck Depression Inventory da 13 anni)
  • SAFA (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti)
  • Scale di valutazione del DSM-5

La valutazione del disturbo ossessivo compulsivo in età evolutiva.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • OCI-CV (Obsessive Compulsive Inventory-Child Version)
  • OCI (Obsessive-Compulsive Inventory – Revised, dai 16 anni)
  • PI (Padua Inventory da 16 anni)
  • MASC 2 (Multidimensional Anxiety Scale for Children- Second Edition, 8-19)
  • SAFA-S (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti, 8-18)


Modulo 7 - 18 e 19 novembre in presenza

Dott.ssa Vittoria Zaccari  e Dott. Giuseppe Femia
La valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: approfondimento diagnostico
Presentazione dettagliata interviste semi-strutturate funzionali all’approfondimento diagnostico; modalità di somministrazione, fasi di somministrazione, siglatura e inquadramento diagnostico. Illustrazione criteri specifici di patologia, (durata, frequenza e intensità) e compromissione del funzionamento.

  • CY-BOCS (Children Yale Brown Obsessive Compulsive Scale)
  • K-SADS-PL DSM 5 (Intervista Diagnostica Semi-Strutturata per La Valutazione Dei Disturbi Psicopatologici In Bambini E Adolescenti)
  • C-GAS (Children's Global Assessment Scale, 6-18)
  • Scale di valutazione del DSM-5

Individuazione di aspetti sintomatologici transdiagnostici. Guida alla lettura dei punteggi e analisi dei singoli item.

Esercitazioni pratiche: somministrazione in aula - simulate sugli strumenti di screening presentati. Formulazione di un report clinico. 

La valutazione della personalità in adolescenza
Il confine tra adolescenza ed età adulta: dubbi diagnostici. Disturbi dell’umore o d’ansia ed esordio di disturbi della Personalità nell’arco evolutivo.

  • PID-5 (Inventario di personalità per il DSM-5 da 11 a 17)
  • PID-5-BF (Inventario di personalità per il DSM-5 - Versione breve da 11 a 17)

Esercitazione: scoring test e interpretazione del profilo.
Integrazione fra la valutazione diagnostica e la pratica clinica.
Dai dati testologici alla ricostruzione del profilo interno di funzionamento.



Master in collaborazione con IPSICO Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale


Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare...

Modulo 1 - 13 e 14 maggio a distanza

Dott.ssa Giulia Calamai

Il processo nella diagnosi clinica: dal primo colloquio alla restituzione dei risultati e alla stesura della relazione diagnostica

La conduzione del primo colloquio: analizzare il problema presentato dal paziente, inquadrare il funzionamento attuale del paziente, ricostruire l’anamnesi patologica e raccogliere i primi elementi di assessment generale.

La produzione della prima ipotesi diagnostica: come si effettua la scelta degli strumenti per la diagnosi e per la diagnosi differenziale.

Il ruolo del Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0) nell’assessment: aspetti teorici e presentazione dello strumento.

Esercitazione pratica sul Cognitive Behavioral Assessment (CBA 2.0): dalla consegna del test fino alla stesura del referto diagnostico.

 

Modulo 2 - 27 e 28 maggio a distanza

Dott.ssa Irene Castellani

Presentazione dei principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”

La struttura del test, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione:

  • Sintomatologia generica asse I: Symptoms Checklist 90-R; Cognitive Behavioral Assessment 2.0.
  • Depressione/depressione bipolare: Beck Depression Inventory IIInternal State Scale
  • DOC: Yale Brown Obsessive-Compulsive Scale IIDimensional Obsessive Compulsive Scale; Vancouver obsessive compulsive inventory Mental Contamination; Guilt Sensivity Questionnairy
  • Ansia: Beck Anxiety Inventory
  • Ansia per la salute: Health Anxiety Questionnaire
  • Ansia generalizzata: Worry Domains Questionnaire; Penn State Worry Questionnaire
  • Ansia panicosa: Body Sensation Questionnaire; Mobility Inventory for Agoraphobia; Agoraphobic Cognition Questionnaire
  • Ansia sociale: Social Interaction Anxiety Scale; Social Phobia Scale; Liebowitz Social Phobia Scale
  • Psicosi: Positive and Negative Symptoms of Schizophrenia
  • Disturbi del sonno: Pittsburg Sleep Quality Index
  • Aspecifici/trasversali: Scala per ideazione suicidaria; Barratt Impulsiveness Scale; Toronto Alexitimia ScaleDifficulties in Emotional Regulation ScaleGambrill Richey scala Assertività
  • Perfezionismo clinico: Multimensional Perfectionism Scale
  • Disturbo alimentare: Eating Disorder Inventory III; Questionario di dismorfismo corporeo (qdC)
  • Trauma: Dissociative experience scale II
  • Disturbo sessuale: Female sexual functioning indexInternational Index of erectile function IIEF-15
  • Dipendenza: Addiction Behavior Questionnaire


Modulo 3 - 17 e 18 giugno in presenza

Dott.ssa Giulia Calamai

Esercitazione sui principali test atti a valutare la sintomatologia inerente i principali disturbi “di Asse I”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) sui principali test presentatidalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 4 - 9 e 10 settembre a distanza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Strumenti per la valutazione dei disturbi di personalità in età adulta

Introduzione alla valutazione della personalità: concetto di personalità normale e patologica.

Modello di inquadramento diagnostico categoriale e dimensionale.

Presentazione dei principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, comprensiva di struttura del test, caratteristiche psicometriche, potenzialità e limiti dello strumento, modalità di refertazione. Uso, regole di somministrazione e interpretazione:

  • SCID 5 PD (Structured Clinical Interview for DSM-5 personality disorder);
  • SCID AMPD (Structured Clinical Interview for DSM-5 alternative model personality disorder);
  • PID 5 (Personality Inventory Disorder 5)
  • MMPI-2 (Minnesota Multiphasic Personality Inventory-2), PAI (Personality Assessment Inventory) e scale specifiche utilizzate nella valutazione della personalità LPFS (Levels of Personality Functioning Scale); PNI-52 (pathological narcissism inventory); BIS-11 (Barratt Impulsiveness Scale Version 11); DERS (Difficulties in Emotion Regulation Scale); DES (Dissociative Experiences Scales); IIP (Inventory of Interpersonal Problems); LSPS (Brief Social Phobia Scale); BHS (Beck Hopelessness Scale); SHI (Self Harm Inventory).

La teoria evolutiva e i disturbi di personalità secondo Theodore Millon. Uso, regole di somministrazione e interpretazione del Millon Clinical Multixial Inventory III

 

Modulo 5 - 23 e 24 settembre in presenza

Dott.ssa Federica Tarallo e Dott.ssa Linda Intreccialagli

Esercitazione sui principali test atti a valutare i principali disturbi “di Asse II”, con particolare attenzione alle modalità di consegna, di somministrazione e di raccolta dei dati.

Esercitazioni su casi clinici, descrizione delle scale e costruzione del profilo psicodiagnostico.

Le esercitazioni prevedranno simulate in classe (soprattutto per le interviste strutturate) dalla consegna del test fino alla modalità di interpretazione e refertazione dei risultati.

 

Modulo 6 - 14 e 15 ottobre a distanza

Dott. Giuseppe Romano 

Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Le difficoltà di valutazione delle problematiche psicologiche in età evolutiva.
La diagnosi esplicativa: un modello di formulazione del caso.


Introduzione: approccio alla valutazione.

Introduzione alla valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: assessment, processo anamnestico, colloquio clinico.
DSM-5 in età evolutiva: principali disturbi e indicazioni per la diagnosi differenziale.


Dott.ssa Vittoria Zaccari
Strumenti per la valutazione della psicopatologia in età evolutiva

Strumenti di screening dell’indagine psicodiagnostica in età evolutiva.
Presentazione dei principali strumenti di screening per la valutazione in età evolutiva.
Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • CBCL (Child Behavior Checklist 6-18)
  • CBCL 1 ½-5 (Child Behavior Checklist 1 ½-5)
  • YSR(Youth Self Report 11-18)
  • TRF (Teacher’s Report Form 6-18)
  • CPRS-R:L (Conners’ Parent Rating Scales long version 3-17)
  • CTRS-R:L (Conners’ Rating Scales-Revised Versione per insegnanti forma estesa 3-17)
  • SCALE CONNERS 3

Strumenti per la valutazione dei disturbi dell’umore.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo:

  • CDI 2 (Children’s Depression Inventory - Second Edition, 7-17)
  • BDI-II (Beck Depression Inventory da 13 anni)
  • SAFA (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti)
  • Scale di valutazione del DSM-5

La valutazione del disturbo ossessivo compulsivo in età evolutiva.
Presentazione e descrizione degli strumenti. Modalità di somministrazione, scoring test e interpretazione dei punteggi/profilo.

  • OCI-CV (Obsessive Compulsive Inventory-Child Version)
  • OCI (Obsessive-Compulsive Inventory – Revised, dai 16 anni)
  • PI (Padua Inventory da 16 anni)
  • MASC 2 (Multidimensional Anxiety Scale for Children- Second Edition, 8-19)
  • SAFA-S (Scale Psichiatriche di Autosomministrazione per Fanciulli e Adolescenti, 8-18)


Modulo 7 - 18 e 19 novembre in presenza

Dott.ssa Vittoria Zaccari  e Dott. Giuseppe Femia
La valutazione psicodiagnostica in età evolutiva: approfondimento diagnostico
Presentazione dettagliata interviste semi-strutturate funzionali all’approfondimento diagnostico; modalità di somministrazione, fasi di somministrazione, siglatura e inquadramento diagnostico. Illustrazione criteri specifici di patologia, (durata, frequenza e intensità) e compromissione del funzionamento.

  • CY-BOCS (Children Yale Brown Obsessive Compulsive Scale)
  • K-SADS-PL DSM 5 (Intervista Diagnostica Semi-Strutturata per La Valutazione Dei Disturbi Psicopatologici In Bambini E Adolescenti)
  • C-GAS (Children's Global Assessment Scale, 6-18)
  • Scale di valutazione del DSM-5

Individuazione di aspetti sintomatologici transdiagnostici. Guida alla lettura dei punteggi e analisi dei singoli item.

Esercitazioni pratiche: somministrazione in aula - simulate sugli strumenti di screening presentati. Formulazione di un report clinico. 

La valutazione della personalità in adolescenza
Il confine tra adolescenza ed età adulta: dubbi diagnostici. Disturbi dell’umore o d’ansia ed esordio di disturbi della Personalità nell’arco evolutivo.

  • PID-5 (Inventario di personalità per il DSM-5 da 11 a 17)
  • PID-5-BF (Inventario di personalità per il DSM-5 - Versione breve da 11 a 17)

Esercitazione: scoring test e interpretazione del profilo.
Integrazione fra la valutazione diagnostica e la pratica clinica.
Dai dati testologici alla ricostruzione del profilo interno di funzionamento.



Master in collaborazione con IPSICO Istituto di Psicologia e Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale



Il Master fornisce le seguenti competenze:

  • competenze pratiche necessarie per condurre il processo di assesment psicodiagnostico;
  • competenze teoriche e pratiche relative alla individuazione, somministrazione e interpretazione dei più diffusi ed utilizzati test psicologici e interviste cliniche strutturate;
  • competenze pratiche necessarie alla redazione di una relazione psicodiagnostica;
  • competenze pratiche necessarie alla formulazione di una ipotesi diagnostica;
  • competenze pratiche per valutare l’efficacia del trattamento del paziente attraverso valutazioni di esito.

Il Master è rivolto a psicologi, specializzandi in psicoterapia, psicoterapeuti, psichiatri e neuropsichiatri.

Il Master tratterà i contenuti attraverso le seguenti metodologie:

  • Presentazione teorica con esemplificazioni cliniche
  • Valutazioni psicodiagnostiche di casi clinici
  • Esercitazione pratica: somministrazione in aula di interviste semi-strutturate
  • Vademecum, consigli pratici attraverso esemplificazioni cliniche
  • Formulazione di report clinici
Il Master fornisce le seguenti competenze:

  • competenze pratiche necessarie per condurre il processo di assesment psicodiagnostico;
  • competenze teoriche e pratiche relative alla individuazione, somministrazione e interpretazione dei più diffusi ed utilizzati test psicologici e interviste cliniche strutturate;
  • competenze pratiche necessarie alla redazione di una relazione psicodiagnostica;
  • competenze pratiche necessarie alla formulazione di una ipotesi diagnostica;
  • competenze pratiche per valutare l’efficacia del trattamento del paziente attraverso valutazioni di esito.

Il Master è rivolto a psicologi, specializzandi in psicoterapia, psicoterapeuti, psichiatri e neuropsichiatri.

Il Master tratterà i contenuti attraverso le seguenti metodologie:

  • Presentazione teorica con esemplificazioni cliniche
  • Valutazioni psicodiagnostiche di casi clinici
  • Esercitazione pratica: somministrazione in aula di interviste semi-strutturate
  • Vademecum, consigli pratici attraverso esemplificazioni cliniche
  • Formulazione di report clinici

Per ottenere lo sconto del 10% riservato agli abbonati alle riviste Erickson scrivi a formazione@erickson.it. Consulta qui la lista delle riviste alle quali devi essere iscritto per aver diritto all’agevolazione.

Il Master è composto da 7 moduli:

  • 4 moduli si svolgeranno a distanza 
  • 3 moduli in presenza presso la sede di Erickson a Roma (Viale Etiopia, 20 - 00199 Roma)

La formazione si svolge il venerdì e il sabato. Gli orari della formazione saranno dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00.

Il Centro Studi Erickson è convenzionato con le seguenti strutture alberghiere:
Ospitalita alberghiera Roma

Per ottenere lo sconto del 10% riservato agli abbonati alle riviste Erickson scrivi a formazione@erickson.it. Consulta qui la lista delle riviste alle quali devi essere iscritto per aver diritto all’agevolazione.

Il Master è composto da 7 moduli:

  • 4 moduli si svolgeranno a distanza 
  • 3 moduli in presenza presso la sede di Erickson a Roma (Viale Etiopia, 20 - 00199 Roma)

La formazione si svolge il venerdì e il sabato. Gli orari della formazione saranno dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00.

Il Centro Studi Erickson è convenzionato con le seguenti strutture alberghiere:
Ospitalita alberghiera Roma

ECM

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti...

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti riconosciuti sarà nostra cura pubblicarlo; indicativamente i crediti saranno 48

Si ricorda che per poter avere il riconoscimento dei crediti ECM è necessaria la frequenza del 90% delle ore del corso e il superamento di un esame finale.

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti...

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti riconosciuti sarà nostra cura pubblicarlo; indicativamente i crediti saranno 48

Si ricorda che per poter avere il riconoscimento dei crediti ECM è necessaria la frequenza del 90% delle ore del corso e il superamento di un esame finale.

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti...

Ministero della Salute

Erickson è Provider ECM per le professioni elencate al seguente link https://www.erickson.it/it/ecm-formazione-a-distanza/crediti-ecm/

I moduli accreditati ECM saranno quelli in presenza (moduli 3, 5, 7).Non appena avremo notizia da parte dell’Agenas sul numero di crediti riconosciuti sarà nostra cura pubblicarlo; indicativamente i crediti saranno 48

Si ricorda che per poter avere il riconoscimento dei crediti ECM è necessaria la frequenza del 90% delle ore del corso e il superamento di un esame finale.

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre...

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre 2022. Per maggiori informazioni formazione@erickson.it

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre...

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre 2022. Per maggiori informazioni formazione@erickson.it

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre...

La quota di partecipazione potrà essere versata in un’unica soluzione prima dell’inizio del corso, oppure, su richiesta, può essere dilazionata come descritto di seguito:
il 50% della quota va versato all’atto dell’iscrizione, il 25% entro il 10 giugno 2022 e il restante 25% entro il 1 settembre 2022. Per maggiori informazioni formazione@erickson.it

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/PayPal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula/streaming.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula/streaming.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula/streaming.

Formatori

Ti potrebbero interessare