IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Libro
€ 11,90 -15% € 14,00
-15%
Vale 11 punti Erickson

Manifesto del Metodo RSW

Relational Social Work

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica .
Prima di imporre impegnativi...

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica.
Prima di imporre impegnativi cambiamenti esistenziali ad altri, gli operatori sociali, i dirigenti dei servizi, gli amministratori, i formatori e gli stessi studiosi dovrebbero mostrare «come si fa», nel rispetto di una semplice Regola aurea:
«Fai a te stesso il bene che tu vorresti che i tuoi simili facessero a loro stessi e agli altri».
Lavoro relazionale, sapere esperienziale, reciprocità, corresponsabilità e partecipazione. Sono questi i principi ai quali profondamente s’ispira, per declinarli operativamente, il Metodo RSW.

Fabio Folgheraiter stila un Manifesto di «assiomi e corollari» sintetici. L’intento non è di cristallizzarne le idee e le logiche ma, al contrario, di rilanciare, nel perdurante tempo di crisi dei nostri sistemi di welfare, un dibattito fondazionale attorno a un differente paradigma del «prendersi cura».

Consigliato a
Il volume è rivolto, in vista di possibili approfondimenti, prima di tutto agli esperti del Metodo Relational Social Work: agli studiosi accademici che già conoscono le basi concettuali e la teorizzazione su cui il Metodo si sostiene, così come ai vari operatori sociali che nel corso della loro carriera hanno cercato di «far vivere» tali principi nei loro territori.

In sintesi
Spaziando dalle competenze tecniche di guida/facilitazione relazionale a quelle esperienziali; dalle reti istituzionali agli aiuti relazionali diretti; dai modelli di Stato sociale alle logiche di governance, questo piccolo libro condensa utili suggestioni per tutti i Lettori interessati a capire come possano esistere, nelle comunità, sistemi socioassistenziali aperti «al loro senso», più umani e più efficienti nello stesso tempo.

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica .
Prima di imporre impegnativi...

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica.
Prima di imporre impegnativi cambiamenti esistenziali ad altri, gli operatori sociali, i dirigenti dei servizi, gli amministratori, i formatori e gli stessi studiosi dovrebbero mostrare «come si fa», nel rispetto di una semplice Regola aurea:
«Fai a te stesso il bene che tu vorresti che i tuoi simili facessero a loro stessi e agli altri».
Lavoro relazionale, sapere esperienziale, reciprocità, corresponsabilità e partecipazione. Sono questi i principi ai quali profondamente s’ispira, per declinarli operativamente, il Metodo RSW.

Fabio Folgheraiter stila un Manifesto di «assiomi e corollari» sintetici. L’intento non è di cristallizzarne le idee e le logiche ma, al contrario, di rilanciare, nel perdurante tempo di crisi dei nostri sistemi di welfare, un dibattito fondazionale attorno a un differente paradigma del «prendersi cura».

Consigliato a
Il volume è rivolto, in vista di possibili approfondimenti, prima di tutto agli esperti del Metodo Relational Social Work: agli studiosi accademici che già conoscono le basi concettuali e la teorizzazione su cui il Metodo si sostiene, così come ai vari operatori sociali che nel corso della loro carriera hanno cercato di «far vivere» tali principi nei loro territori.

In sintesi
Spaziando dalle competenze tecniche di guida/facilitazione relazionale a quelle esperienziali; dalle reti istituzionali agli aiuti relazionali diretti; dai modelli di Stato sociale alle logiche di governance, questo piccolo libro condensa utili suggestioni per tutti i Lettori interessati a capire come possano esistere, nelle comunità, sistemi socioassistenziali aperti «al loro senso», più umani e più efficienti nello stesso tempo.

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica .
Prima di imporre impegnativi...

Fabio Folgheraiter desidera stimolare la riflessione epistemologica sul senso del Lavoro sociale professionale.
Il Metodo RSW indica a tutti gli esperti del welfare una via maestra: affermare solo ciò che si pratica.
Prima di imporre impegnativi cambiamenti esistenziali ad altri, gli operatori sociali, i dirigenti dei servizi, gli amministratori, i formatori e gli stessi studiosi dovrebbero mostrare «come si fa», nel rispetto di una semplice Regola aurea:
«Fai a te stesso il bene che tu vorresti che i tuoi simili facessero a loro stessi e agli altri».
Lavoro relazionale, sapere esperienziale, reciprocità, corresponsabilità e partecipazione. Sono questi i principi ai quali profondamente s’ispira, per declinarli operativamente, il Metodo RSW.

Fabio Folgheraiter stila un Manifesto di «assiomi e corollari» sintetici. L’intento non è di cristallizzarne le idee e le logiche ma, al contrario, di rilanciare, nel perdurante tempo di crisi dei nostri sistemi di welfare, un dibattito fondazionale attorno a un differente paradigma del «prendersi cura».

Consigliato a
Il volume è rivolto, in vista di possibili approfondimenti, prima di tutto agli esperti del Metodo Relational Social Work: agli studiosi accademici che già conoscono le basi concettuali e la teorizzazione su cui il Metodo si sostiene, così come ai vari operatori sociali che nel corso della loro carriera hanno cercato di «far vivere» tali principi nei loro territori.

In sintesi
Spaziando dalle competenze tecniche di guida/facilitazione relazionale a quelle esperienziali; dalle reti istituzionali agli aiuti relazionali diretti; dai modelli di Stato sociale alle logiche di governance, questo piccolo libro condensa utili suggestioni per tutti i Lettori interessati a capire come possano esistere, nelle comunità, sistemi socioassistenziali aperti «al loro senso», più umani e più efficienti nello stesso tempo.

Libro
€ 11,90 -15% € 14,00
-15%
Vale 11 punti Erickson

Descrizione

Libro

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a...

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a dispetto di come è strutturato, una declaratoria di punti fermi, bensì una provocation nel senso in cui usano tale temine gli anglosassoni. Assiomi e corollari non si addicono al Social Work se non come paradosso, o come gioco, o appunto come «pungolo» per riflettere. »

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a...

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a dispetto di come è strutturato, una declaratoria di punti fermi, bensì una provocation nel senso in cui usano tale temine gli anglosassoni. Assiomi e corollari non si addicono al Social Work se non come paradosso, o come gioco, o appunto come «pungolo» per riflettere. »

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a...

Dalla prefazione di Fabio Folgheraiter
«Questo sintetico libro vorrebbe stimolare, nel suo piccolo, la riflessione epistemologica sul senso metodico del Lavoro sociale professionale (Social Work). Una sorta di Manifesto che non vuole essere però, a dispetto di come è strutturato, una declaratoria di punti fermi, bensì una provocation nel senso in cui usano tale temine gli anglosassoni. Assiomi e corollari non si addicono al Social Work se non come paradosso, o come gioco, o appunto come «pungolo» per riflettere. »

Libro
ISBN: 9788859015239
Data di pubblicazione: 01/2018
Numero Pagine: 125
Formato: 11x18cm
Libro

Prefazione

Prima parte
Il livello professionale del Metodo RSW
Eleven points (1). Assiomi epistemici generali
Eleven points (2). Assiomi concettuali
Eleven points (3). Assiomi metodici

Seconda parte
Il contesto politico-amministrativo del Metodo RSW
Eleven points (4). Assiomi di policy making

Terza parte
Curiamo noi stessi – Assiomi sintetici introspettivi
Eleven points (5). Spunti di reciprocità generale
Eleven points (6). Spunti di reciprocità professionale

In sintesi
Gli «undici passi» del Metodo RSW
Riferimenti bibliografici

Lavoro sociale Relational Social Work
Libro
ISBN: 9788859015239
Data di pubblicazione: 01/2018
Numero Pagine: 125
Formato: 11x18cm
Libro

Prefazione

Prima parte
Il livello professionale del Metodo RSW
Eleven points (1). Assiomi epistemici generali
Eleven points (2). Assiomi concettuali
Eleven points (3). Assiomi metodici

Seconda parte
Il contesto politico-amministrativo del Metodo RSW
Eleven points (4). Assiomi di policy making

Terza parte
Curiamo noi stessi – Assiomi sintetici introspettivi
Eleven points (5). Spunti di reciprocità generale
Eleven points (6). Spunti di reciprocità professionale

In sintesi
Gli «undici passi» del Metodo RSW
Riferimenti bibliografici

Lavoro sociale Relational Social Work

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."