IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Libro
€ 17,58 -5% € 18,50
-5%
Vale 17 punti Erickson

Ground Zero

11 settembre 2001: la nascita del presente

In questo saggio politico Stefan Weidner ci invita ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere sul presente e ci ricorda che abbiamo una scelta e che dobbiamo assumerci la responsabilità di plasmare il futuro.

In questo saggio politico Stefan Weidner ci invita ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere sul presente e ci ricorda che abbiamo una scelta e che dobbiamo assumerci la responsabilità di plasmare il futuro.

In questo saggio politico Stefan Weidner ci invita ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere sul presente e ci ricorda che abbiamo una scelta e che dobbiamo assumerci la responsabilità di plasmare il futuro.

Libro
€ 17,58 -5% € 18,50
-5%
Vale 17 punti Erickson

Descrizione

Libro

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo...

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo scontro con la civiltà islamica, gli orrori di Guantanamo, l’impegno militare e poi la ritirata in Afghanistan e in Iraq, l’ascesa del populismo e del nazionalismo… E se Bin Laden avesse vinto? Se fosse riuscito a spezzare una volta per tutte l’incantesimo della presunta superiorità occidentale?

Per Stefan Weidner, esperto del mondo arabo e attento osservatore della scena internazionale, l’epoca di conflitti, contraddizioni e ambiguità che si è aperta l’11 settembre non potrà dirsi conclusa finché non avremo rinunciato alle rappresentazioni del «nemico» che negli ultimi vent’anni hanno determinato la nostra percezione del mondo e dell’«altro». Allora, forse, sarà finalmente possibile mettere i problemi che riguardano l’esistenza stessa dell’umanità, come il cambiamento climatico e le pandemie, in cima all’agenda politica globale.

Il libro vuole essere un invito ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere. È un saggio politico, un tentativo di aprire nuovi orizzonti di pensiero, di fare propria la situazione intellettuale odierna e di superare le prove che essa riserva, in altre parole di sviluppare la necessaria resistenza intellettuale, morale e spirituale contro le sue imposizioni.

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo...

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo scontro con la civiltà islamica, gli orrori di Guantanamo, l’impegno militare e poi la ritirata in Afghanistan e in Iraq, l’ascesa del populismo e del nazionalismo… E se Bin Laden avesse vinto? Se fosse riuscito a spezzare una volta per tutte l’incantesimo della presunta superiorità occidentale?

Per Stefan Weidner, esperto del mondo arabo e attento osservatore della scena internazionale, l’epoca di conflitti, contraddizioni e ambiguità che si è aperta l’11 settembre non potrà dirsi conclusa finché non avremo rinunciato alle rappresentazioni del «nemico» che negli ultimi vent’anni hanno determinato la nostra percezione del mondo e dell’«altro». Allora, forse, sarà finalmente possibile mettere i problemi che riguardano l’esistenza stessa dell’umanità, come il cambiamento climatico e le pandemie, in cima all’agenda politica globale.

Il libro vuole essere un invito ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere. È un saggio politico, un tentativo di aprire nuovi orizzonti di pensiero, di fare propria la situazione intellettuale odierna e di superare le prove che essa riserva, in altre parole di sviluppare la necessaria resistenza intellettuale, morale e spirituale contro le sue imposizioni.

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo...

Il presente comincia l’11 settembre 2001: una data che sancisce la fine, o l’inizio della fine, dell’egemonia culturale e politica degli Stati Uniti. Pensiamo alle conseguenze, immediate e lontane, della «guerra al terrore» che l’Occidente dichiarò in risposta a quell’attacco frontale: lo scontro con la civiltà islamica, gli orrori di Guantanamo, l’impegno militare e poi la ritirata in Afghanistan e in Iraq, l’ascesa del populismo e del nazionalismo… E se Bin Laden avesse vinto? Se fosse riuscito a spezzare una volta per tutte l’incantesimo della presunta superiorità occidentale?

Per Stefan Weidner, esperto del mondo arabo e attento osservatore della scena internazionale, l’epoca di conflitti, contraddizioni e ambiguità che si è aperta l’11 settembre non potrà dirsi conclusa finché non avremo rinunciato alle rappresentazioni del «nemico» che negli ultimi vent’anni hanno determinato la nostra percezione del mondo e dell’«altro». Allora, forse, sarà finalmente possibile mettere i problemi che riguardano l’esistenza stessa dell’umanità, come il cambiamento climatico e le pandemie, in cima all’agenda politica globale.

Il libro vuole essere un invito ad approfondire, a pensare collettivamente, a riflettere. È un saggio politico, un tentativo di aprire nuovi orizzonti di pensiero, di fare propria la situazione intellettuale odierna e di superare le prove che essa riserva, in altre parole di sviluppare la necessaria resistenza intellettuale, morale e spirituale contro le sue imposizioni.

Libro
ISBN: 9791259820419
Data di pubblicazione: 10/2021
Numero Pagine: 248
Formato: 14x22cm
Saggistica Il Margine
Libro
ISBN: 9791259820419
Data di pubblicazione: 10/2021
Numero Pagine: 248
Formato: 14x22cm
Saggistica Il Margine

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."