IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 11,90 -15% € 14,00
-15%
Vale 11 punti Erickson
Libri

Giorno dopo giorno

Crescere insieme a una persona con sindrome X fragile

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 11,90 -15% € 14,00
-15%
Vale 11 punti Erickson

Descrizione

Libro

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il...

Le parole chiave di questo libro sono: verità, possibilità, incontro. La diagnosi di sindrome X fragile per il proprio figlio è una verità che disorienta e disintegra, di colpo, sogni, aspettative, immagini precostituite. Ma, dopo il disorientamento, si possono aprire possibilità insospettate, non solo per il proprio figlio, ma anche per se stessi: emergono energie e risorse, che si pensava di non possedere; si aprono nuovi orizzonti di senso, come donati dal figlio stesso. Perno del cambiamento e del processo di crescita è l’incontro, un sincero incontro: con il proprio figlio e non con l’immagine che si aveva di lui; con se stessi, liberandosi gradualmente dalle paure; con gli altri e con il contesto che ci circonda, dove si possono costruire, nonostante tutto, relazioni autenticamente umane. Tutto per piccoli passi... giorno dopo giorno!
Queste pagine incoraggiano e sostengono quanti (soprattutto genitori) vivono situazioni segnate dalla sfida della disabilità, offrendo preziose indicazioni per percorsi educativi e di crescita. Ma sono anche dirette a chiunque viva compiti educativi e si senta impegnato a costruire relazioni davvero umane. Esso ci mostra, in definitiva, che il punto di vista della disabilità è un punto di vista privilegiato in grado di far emergere il senso vero dell’educare e delle relazioni umane.

- Presentazione. C’è un puntino rosso… (F. Bocci)
- Premessa
- La prima infanzia
- L’infanzia
- Adolescenza
- Essere adulti
- Conclusioni
- Consigli di lettura
- Appendice. Alcune informazioni

Libro
ISBN: 9788859009528
Numero Pagine: 198
Formato: 14x22cm

 

Medico Pediatria
Medico Psichiatria
Operatore socio-assistenziale / socio sanitario Disabilità
Assistente sociale Disabilità
Contenuti

- Presentazione. C’è un puntino rosso… (F. Bocci)
- Premessa
- La prima infanzia
- L’infanzia
- Adolescenza
- Essere adulti
- Conclusioni
- Consigli di lettura
- Appendice. Alcune informazioni

Libro
ISBN: 9788859009528
Numero Pagine: 198
Formato: 14x22cm
Medico Pediatria
Medico Psichiatria
Operatore socio-assistenziale / socio sanitario Disabilità
Assistente sociale Disabilità

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."