IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 13,18 -15% € 15,50
-15%
Vale 13 punti Erickson
Libri

Dimmelo con una fiaba

Migliorare il rapporto con i propri figli

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Disponibile nel formato

Libri

Libro
€ 13,18 -15% € 15,50
-15%
Vale 13 punti Erickson

Descrizione

Libro

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della...

Che cosa potete fare se vostro figlio dice le parolacce o manifesta comportamenti aggressivi? E se è disordinato, disobbediente o non è mai pronto?
Partendo da situazioni difficili che ci si trova spesso a vivere durante le fasi critiche della crescita, il volume affronta i più comuni errori educativi in cui si può incorrere e propone alcune strategie per farvi fronte in maniera positiva e adeguata alle esigenze dei bambini. Ogni comportamento problematico viene presentato attraverso una storia, pensata come strumento di mediazione all’interno di un dialogo tra adulti e bambini, ed è accompagnato da indicazioni e consigli pratici rivolti ai genitori per aiutarli a comprendere e gestire al meglio il rapporto con i figli, creando con loro relazioni serene e prive di tensioni. Le fiabe contenute nel libro possono sia essere lette ai bambini così come sono, sia essere utilizzate dagli adulti come spunto per inventare storie e situazioni nuove, più adeguate al vissuto, agli interessi e ai bisogni dei propri figli.
Un approccio diverso e originale, per avvicinare i genitori ai temi dell’educazione, che suggerisce una valida proposta per una corretta opera di motivazione e di modifica dei comportamenti scorretti. Semplicemente con una fiaba.


DAL LIBRO
La maglia sta sulla sedia, tutta appallottolata, la borsa da ginnastica è stata scaraventata a terra e poi lasciata là, le scarpe sono sparse per tutto l’ingresso e giocattoli se ne incontrano un po’ sul letto, un po’ in soggiorno, un po’ persino in cucina.
La mamma lancia un ultimatum: «Adesso è proprio ora di fare ordine. Rimetti tutto a posto! Sono stanca di inciampare nelle cose che tu hai lasciato in giro. Di lavoro da fare ne ho già abbastanza anche senza il tuo disordine. Quante volte te lo devo dire? Non puoi stare attenta?».
Vera non capisce perché la mamma si arrabbi così tanto. Per lei, mettere in ordine è un’attività inutile e noiosa.
«Perché dovrei rimettere a posto le cose, se poi magari le ritiro fuori mezz’ora dopo? E poi non è per niente divertente!» pensa la bambina di cattivo umore «Non ho proprio nessuna intenzione di mettermi a riordinare, con tutte le cose interessanti che si possono fare. Non mi interessa essere una bambina ordinata». […]
Un giorno in cui, per l’ennesima volta, Vera si rifiuta di fare ordine, accade qualcosa di eccezionale. Vera sente risuonare accanto a lei una misteriosa risatina: «Hi hi hi! Qui c’è qualcuno che la pensa come noi. Anzi, tu sei proprio una di noi! Vuoi venire nella nostra terra, a Disordilandia, il regno della confusione?».
A parlare è un piccolo disordignomo, tutto allegro nei suoi stracci colorati.

Libro

- Prefazione
- Introduzione
- Le fasi critiche legate allo sviluppo
- Le precondizioni del cambiamento comportamentale
- L’apprendimento di modalità comportamentali
- Se vostro figlio non vuole andare a dormire
- Se vostro figlio ha gli incubi
- Se vostro figlio è spaventato dai cani
- Se vostro figlio ha paura del dentista
- Se vostro figlio è sempre in ritardo
- Se vostro figlio è disordinato
- Se vostro figlio dice le parolacce
- Se vostro figlio è disobbediente
- Se vostro figlio si morde le unghie
- Se vostro figlio non vuole mangiare
- Se vostro figlio non vuole andare all’asilo
- Se vostro figlio disturba le lezioni
- Se vostro figlio è vittima di prese in giro
- Se vostro figlio tende all’aggressività
- Se i vostri figli litigano tra loro
- Contro i comportamenti aggressivi
- Se i genitori devono partire
- Contro l’insicurezza e le inibizioni sociali
- Imparare a perdere e a gestire fallimenti e delusioni
- Se i genitori litigano
- Se i genitori si sono separati
- Per i bambini con un solo genitore, contro la paura della perdita
- Indice dei concetti

Libro
ISBN: 9788861376830
Data di pubblicazione: 10/2010
Numero Pagine: 238
Formato: 14x22cm

 

Insegnante Curricolare Scuola primaria
Insegnante Curricolare Scuola dell'infanzia
Contenuti
Libro

- Prefazione
- Introduzione
- Le fasi critiche legate allo sviluppo
- Le precondizioni del cambiamento comportamentale
- L’apprendimento di modalità comportamentali
- Se vostro figlio non vuole andare a dormire
- Se vostro figlio ha gli incubi
- Se vostro figlio è spaventato dai cani
- Se vostro figlio ha paura del dentista
- Se vostro figlio è sempre in ritardo
- Se vostro figlio è disordinato
- Se vostro figlio dice le parolacce
- Se vostro figlio è disobbediente
- Se vostro figlio si morde le unghie
- Se vostro figlio non vuole mangiare
- Se vostro figlio non vuole andare all’asilo
- Se vostro figlio disturba le lezioni
- Se vostro figlio è vittima di prese in giro
- Se vostro figlio tende all’aggressività
- Se i vostri figli litigano tra loro
- Contro i comportamenti aggressivi
- Se i genitori devono partire
- Contro l’insicurezza e le inibizioni sociali
- Imparare a perdere e a gestire fallimenti e delusioni
- Se i genitori litigano
- Se i genitori si sono separati
- Per i bambini con un solo genitore, contro la paura della perdita
- Indice dei concetti

Libro
ISBN: 9788861376830
Data di pubblicazione: 10/2010
Numero Pagine: 238
Formato: 14x22cm
Insegnante Curricolare Scuola primaria
Insegnante Curricolare Scuola dell'infanzia

Autori

Ti potrebbero interessare

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."