Autismo e musica

Il modello Floortime nei disturbi della comunicazione e della relazione

Erickson Advantages

Un intervento abilitativo, per bambini con autismo, basato sull’attività musicale, di carattere strumentale e vocale.
La musica è un tipo di stimolo che permette di ricostruire con gradevolezza ed efficacia la relazione diadica anche dopo la prima infanzia, forse per tutta la vita. A tutte le età rappresenta un potente strumento di apertura all’altro, e ciascuno ne è consapevole.
Dopo una presentazione degli studi più accreditati sullo sviluppo tipico del bambino, il volume propone alcuni semplici ma essenziali consigli per attuare correttamente il programma descrivendone gli obiettivi principali.
Oltre a numerosi giochi e attività realizzabili con la voce, con il movimento e con gli strumenti musicali, il libro raccoglie anche un canzoniere con dodici canti originali, ciascuno con scheda di presentazione, dieci canti tratti dalla tradizione popolare infantile e altri.

Le attività proposte sono il frutto di una sperimentazione attuata con successo dagli autori in alcune scuole dell’infanzia e primarie di Torino.

Consigliato a
Le attività proposte sono utili per tutti i bambini con difficoltà comunicative, perché la musica, quando adeguatamente proposta, risveglia in tutti il desiderio di comunicare. Contemporaneamente, non dobbiamo mai dimenticare che queste attività, che inevitabilmente hanno il suo centro nel bambino in difficoltà, si svolgono insieme a un gruppo di bambini a sviluppo tipico.

Leggi di più
Scegli
Non Disponibile
Solo %1 rimasto/i
Acquistabile con Carta del Docente
17,58 € -5% di sconto 18,50 €
Ricevi punti Erickson Per ogni prodotto acquistato ricevi punti Erickson che puoi utilizzare per ottenere sconti sui tuoi prossimi acquisti.
Aggiungi alla lista desideri

A casa tua in 24/48 ore

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

In questo libro

Contenuti e indice

 Introduzione
      PRIMA PARTE 
            CAP. 1   Le basi teoriche 
            CAP. 2   L’autismo 
            CAP. 3   Il modello DIR e la tecnica del Floortime 
            CAP. 4   La funzione della musica
            CAP. 5   Tre casi clinici: Esteban, Cecilia, Margarita
      SECONDA PARTE 
            CAP. 6   Piccola guida per gli insegnanti
            CAP. 7   Canzoniere
            CAP. 8   Proposte di attività 
            Bibliografia generale

Continua a leggere

Nella prima parte vengono presentati gli studi più accreditati sullo sviluppo tipico del bambino, con particolare attenzione alle diverse teorie che indagano l’origine e lo sviluppo dell’autismo. Gli autori dedicano inoltre spazio all’introduzione del modello DIR e della tecnica Floortime e alla descrizione del programma presentato nel libro.

La seconda parte propone alcuni semplici ma essenziali consigli per attuare correttamente il programma e ne descrive gli obiettivi principali.

Il codice seriale presente nel libro permette l'accesso alle risorse online, contenente una registrazione delle canzoni proposte, interpretate da alcuni componenti del coro cantAbileZero18

Specifiche prodotto

Autori e autrici

Cristina Meini

Cristina Meini

Autrice

Di formazione filosofa analitica, è docente di Psicologia cognitiva presso l'Università del Piemonte Orientale e l'Università Vita-salute San Raffaele di Milano. Si occupa da anni di psicologia ingenua e di autismo, su cui ha pubblicato numerose monografie e articoli internazionali.

Scopri di più
Giorgio Guiot

Giorgio Guiot

Autore

Pianista, direttore di coro e compositore. Grazie alle molte esperienze sviluppate nel mondo della scuola e dell’associazionismo, ha esplorato le possibilità del fare musica insieme in contesti molto differenti: dalle realtà professionali al mondo amatoriale, dall’ambito sanitario ai contesti di gruppo. Con l’Associazione Cantabile ha elaborato il Relational Singing Model. È autore di numerosi articoli e pubblicazioni.

Scopri di più
Maria Teresa Sindelar

Maria Teresa Sindelar

Autrice

Psicologa e psicoterapeuta. Ha un'esperienza ultraventennale con bambini autistici e con altri bisogni speciali. Nel 2003 ha introdotto in Europa il modello DIR, lavorando anche insieme a pediatri e gruppi interdisciplinari. È membro del comitato scientifico della Faculty ICDL, Washington, fondata da Stanley Greenspan.

Scopri di più

Recensioni e domande