IT
I mini gialli dei dettati 2
Carrello
Spedizioni veloci
Pagamenti sicuri
Totale:

Il tuo carrello è vuoto

|*** Libro Quantità:
Disponibile nel formato

Corsi in presenza

a partire da € 270,00
Iscrizione Corso in aula
€ 270,00
Vale 108 punti Fidelity

Acrobati dell'educazione

Corso di sopravvivenza per operatori nel tempo dell'incertezza - Il corso si svolge a Bassano del Grappa

Vicenza | 31 maggio, 01 e 02 giugno 2019 18 ORE

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi...

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.


«Incontro spesso operatori che cercano risposte alle tante domande che la quotidianità del lavoro pone loro. Lo fanno pensando di dover acquisire competenze per così dire “tecniche”, che li rassicurino rispetto alla gestione del singolo problema: come posso frenare il comportamento violento di Martina? Come mi devo comportare quando Paolo ha delle manifestazioni sessuali in contesti pubblici? Come posso gestire efficacemente il rapporto con i colleghi? E così via…
Ma come possiamo trovare delle risposte evitando di proporre corsi specifici, uno per ogni domanda?
Ciascuno di noi è un po’ acrobata, dovendo tenersi in equilibrio tra due prospettive molto diverse fra loro: quella del “totale”, dell'organizzazione che vuole prevedere tutto, e quella invece del “parziale”, delle piccole cose, che però vanno notate, non trascurate, per accogliere i suggerimenti che possono dare.
In questo percorso proveremo a ragionare su questa seconda prospettiva, evitando di far diventare protagonisti solitari e assoluti i problemi, ma cercando invece di comprenderli attraverso un dettaglio e provando a individuare degli strumenti concreti, che siano utili nella quotidianità, ma soprattutto che siano adeguati a ognuno di noi, come un vestito su misura».

Andrea Canevaro

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi...

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.


«Incontro spesso operatori che cercano risposte alle tante domande che la quotidianità del lavoro pone loro. Lo fanno pensando di dover acquisire competenze per così dire “tecniche”, che li rassicurino rispetto alla gestione del singolo problema: come posso frenare il comportamento violento di Martina? Come mi devo comportare quando Paolo ha delle manifestazioni sessuali in contesti pubblici? Come posso gestire efficacemente il rapporto con i colleghi? E così via…
Ma come possiamo trovare delle risposte evitando di proporre corsi specifici, uno per ogni domanda?
Ciascuno di noi è un po’ acrobata, dovendo tenersi in equilibrio tra due prospettive molto diverse fra loro: quella del “totale”, dell'organizzazione che vuole prevedere tutto, e quella invece del “parziale”, delle piccole cose, che però vanno notate, non trascurate, per accogliere i suggerimenti che possono dare.
In questo percorso proveremo a ragionare su questa seconda prospettiva, evitando di far diventare protagonisti solitari e assoluti i problemi, ma cercando invece di comprenderli attraverso un dettaglio e provando a individuare degli strumenti concreti, che siano utili nella quotidianità, ma soprattutto che siano adeguati a ognuno di noi, come un vestito su misura».

Andrea Canevaro

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi...

Il corso consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.


«Incontro spesso operatori che cercano risposte alle tante domande che la quotidianità del lavoro pone loro. Lo fanno pensando di dover acquisire competenze per così dire “tecniche”, che li rassicurino rispetto alla gestione del singolo problema: come posso frenare il comportamento violento di Martina? Come mi devo comportare quando Paolo ha delle manifestazioni sessuali in contesti pubblici? Come posso gestire efficacemente il rapporto con i colleghi? E così via…
Ma come possiamo trovare delle risposte evitando di proporre corsi specifici, uno per ogni domanda?
Ciascuno di noi è un po’ acrobata, dovendo tenersi in equilibrio tra due prospettive molto diverse fra loro: quella del “totale”, dell'organizzazione che vuole prevedere tutto, e quella invece del “parziale”, delle piccole cose, che però vanno notate, non trascurate, per accogliere i suggerimenti che possono dare.
In questo percorso proveremo a ragionare su questa seconda prospettiva, evitando di far diventare protagonisti solitari e assoluti i problemi, ma cercando invece di comprenderli attraverso un dettaglio e provando a individuare degli strumenti concreti, che siano utili nella quotidianità, ma soprattutto che siano adeguati a ognuno di noi, come un vestito su misura».

Andrea Canevaro

Disponibile nel formato

Corsi in presenza

a partire da € 270,00
Iscrizione Corso in aula
€ 270,00
Vale 108 punti

contenuti

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso...

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Anche a partire dal lavoro avviato nel primo modulo, si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.

- L’istruzione al sosia: riflessione sulla rappresentazione di sé

- Che educatore sono? La costruzione del totem personale

- La fantasia e il coraggio di metterci in discussione e abbandonare le abitudini

- Antenati e compagni di lavoro. Mentre lavoriamo, chi abbiamo alle spalle, chi abbiamo attorno

- Educare alla bellezza nella disabilità

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso...

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Anche a partire dal lavoro avviato nel primo modulo, si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.

- L’istruzione al sosia: riflessione sulla rappresentazione di sé

- Che educatore sono? La costruzione del totem personale

- La fantasia e il coraggio di metterci in discussione e abbandonare le abitudini

- Antenati e compagni di lavoro. Mentre lavoriamo, chi abbiamo alle spalle, chi abbiamo attorno

- Educare alla bellezza nella disabilità

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso...

Bassano del Grappa, 31 maggio, 1 e 2 giugno 2019
ESSERE MEDIATORE DI RELAZIONI NEL LAVORO EDUCATIVO

L'incontro consentirà di riflettere sul ruolo di educatore a partire dalla concretezza delle azioni quotidiane per arrivare a una cornice di senso intrecciata. Anche a partire dal lavoro avviato nel primo modulo, si utilizzeranno metodologie didattiche partecipative, che consentiranno di affrontare temi particolarmente critici come il problema dell’aggressività, il confine tra aiuto e assistenzialismo, la fantasia e la capacità di affrontare la carenza di risorse, il coraggio di mettersi in discussione e favorire l’intraprendenza delle persone, la costruzione di un profilo di congruenza.

- L’istruzione al sosia: riflessione sulla rappresentazione di sé

- Che educatore sono? La costruzione del totem personale

- La fantasia e il coraggio di metterci in discussione e abbandonare le abitudini

- Antenati e compagni di lavoro. Mentre lavoriamo, chi abbiamo alle spalle, chi abbiamo attorno

- Educare alla bellezza nella disabilità


Operatore socio-assistenziale / socio sanitario Disabilità
Educatore Professionale Disabilità
Assistente sociale Disabilità
Operatori sociali che lavorano nell’ambito della disabilità (educatori, assistenti sociali, psicologi)
Destinatari
Operatore socio-assistenziale / socio sanitario Disabilità
Educatore Professionale Disabilità
Assistente sociale Disabilità
Operatori sociali che lavorano nell’ambito della disabilità (educatori, assistenti sociali, psicologi)

La sede del percorso formativo sarà: Villa Angaran San Giuseppe - Via Ca' Morosini, 41 36061 - Bassano del Grappa (VI)


Gli orari della formazione in presenza saranno:

venerdì 31 maggio 2019 dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00
sabato 1 giugno 2019 dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00
domenica 2 giugno 2019 dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00

La sede del percorso formativo sarà:

Villa Angaran San Giuseppe

Via Ca' Morosini, 41 36061

Bassano del Grappa (VI)

La sede del percorso formativo sarà: Villa Angaran San Giuseppe - Via Ca' Morosini, 41 36061 - Bassano del Grappa (VI)


Gli orari della formazione in presenza saranno:

venerdì 31 maggio 2019 dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00
sabato 1 giugno 2019 dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00
domenica 2 giugno 2019 dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00

La sede del percorso formativo sarà:

Villa Angaran San Giuseppe

Via Ca' Morosini, 41 36061

Bassano del Grappa (VI)

Modalità d'iscrizione

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta...

A seguito dell’iscrizione invieremo la relativa fattura all’indirizzo e-mail indicato in fase d’iscrizione.

Per partecipare al percorso formativo è necessario effettuare il pagamento secondo le seguenti modalità:

  • carta di credito/pay-pal/carta del docente pagando contestualmente all’iscrizione
  • bonifico bancario da effettuare entro i 3 giorni successivi alla data d’iscrizione online.

Se l’iscrizione avviene a ridosso dell’evento, verrà richiesta visione della ricevuta di pagamento tramite bonifico.

Si consiglia di non attendere i giorni in prossimità dell’evento per svolgere l’iscrizione e il pagamento.

accreditamento



Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della...

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della scuola.
Questo corso è presente sulla piattaforma S.o.f.i.a. del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca http://www.istruzione.it/pdgf/index.html

L'ID del corso è: 45067

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della...

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della scuola.
Questo corso è presente sulla piattaforma S.o.f.i.a. del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca http://www.istruzione.it/pdgf/index.html

L'ID del corso è: 45067

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della...

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Con decreto del 31 marzo 2003, rinnovato in data 12 giugno 2006, il Centro Studi Erickson è stato incluso nell’elenco definitivo degli enti accreditati per la formazione del personale della scuola.
Questo corso è presente sulla piattaforma S.o.f.i.a. del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca http://www.istruzione.it/pdgf/index.html

L'ID del corso è: 45067

Attestato

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza previa la partecipazione al 75% delle ore di formazione in aula.

Video

Formatori

Ti potrebbero interessare

Articoli correlati

"Questo sito utilizza cookie analitici, anche di terze parti, ed installa cookie di profilazione, propri e di terze parti, per inviarti messaggi in linea con le tue preferenze. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie."