Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Orientamenti pedagogici - vol. 2017/2

Orientamenti pedagogici - vol. 2017/2

Rivista internazionale di scienze dell'educazione

Numero di rivista
giugno 2017
Loading

Editoriale
Questo numero di «Orientamenti Pedagogici» raccoglie in primo termine l’approfondimento monografico sulla figura e sul molteplice pensiero del Prof. Pietro Braido, fondatore, docente, decano della Facoltà di Scienze dell’Educazione, realizzato da vari studiosi appartenenti o collegati alla medesima Facoltà dell’UPS.
Con fine intuizione e con la chiarezza di una sviscerata ricerca, lo studio offerto da Lanfranchi enuncia la feconda fusione tra teoria ed esperienza nell’azione educativa con il contributo di un sistema di scienze, un vero e proprio organismo epistemologico, convergente nell’unità dell’educare. La Lanfranchi ha segnalato una vetta verso la quale incamminarsi con certa speranza di ottenere orientamenti sicuri e validi.
Il lavoro di Braido come storico, negli studi di Chiosso e Biancardi, lo mostra come studioso capace di ricoprire ambiti diversi e complementari, quali la storia della pedagogia e dell’educazione e la storia della catechesi. In questi campi, Braido ha offerto studi ampi, ricchi di fondazione concettuale, teoretica e documentaria. Allo stesso tempo, egli ha curato l’attenzione al contesto, al campo e al vissuto pedagogico e catechetico della geografia cristiana, specialmente nell’età moderna. Le parole degli studiosi chiamati in causa hanno segnalato anche l’armonico intreccio tra educazione, pedagogia, vita religiosa e interpretazione storica, attraverso il quale Braido ha aiutato a conoscere e comprendere la figura e l’opera di don Bosco.
Motto ha sviluppato la prospettiva di un Braido promotore e animatore di istituzioni legate allo studio della Salesianità, e anche autore di dettagliate edizioni critiche delle fonti salesiane; egli ha anche sottolineato la maturità del pensiero critico e della focalizzazione della sintesi nell’opera culminante del Braido, Don Bosco, prete dei giovani nel secolo delle libertà.
Un suggestivo contributo è stato il cenno all’evoluzione della presentazione e conseguente comprensione del «Manuale» sul Sistema Preventivo di Don Bosco, dimostrata dal Braido nelle successive edizioni della sua opera. Lo studio è stato realizzato da Vojtáš, che negli ultimi anni ha approfondito queste fonti e ha cercato di attualizzarle attraverso il confronto con nuove produzioni scientifiche in grado di garantire una migliore comprensione e un’espressione non datata.
L’evento non poteva trascurare i ruoli accademici, svolti da Braido con la stessa competenza, e la stessa minuziosità, con cui ha effettuato le sue ricerche storiche e teoretiche. Per conoscenza diretta e per vagliato lavoro di ricerca, Nanni, noto per la sua simpatica e occorrente diligenza investigativa, ha ricostruito i tratti del volto del Braido Preside-Decano della FSE e Rettore dell’UPS. Questo volto si mostra come incarnazione umana del Sistema Preventivo, tanto analizzato e interpretato con le chiavi del realismo tomista e del personalismo pedagogico, in un lungo periodo che lo vede protagonista principale dei cambiamenti e delle trasformazioni dimostratesi decisive per il posizionamento della FSE e dell’UPS nel concerto delle proposte universitarie del mondo.
La raccolta qui proposta, oltre a essere la manifestazione di un momento di speciale ritorno alle origini della FSE, ci ha dato l’opportunità di un confronto concreto con una figura marcata da un’impronta carismatica, dalla dedizione instancabile al lavoro di ricerca educativa e alla gestione della comunità accademica. Braido è riconosciuto qui, a due anni dalla sua dipartita all’eternità, come un modello di docente universitario amante della ricerca approfondita, di appassionata qualità didattica, di esemplare capacità cooperativa, integrativa od orientativa nella comunità accademica, di rilevante caratterizzazione spirituale, che, in una circostanza storico-culturale come la nostra, lascia un’eredità imponente, da studiare, gustare e seguire.
In secondo termine, nelle sue abituali sezioni, questo numero di OP propone alcuni interessanti studi: – Lo studio di Llevot e colleghi, sulla diversità religiosa e sul trattamento della religione nel sistema educativo catalano, caratterizzato da uno spirito consensuale e dal dialogo interreligioso nel contesto del bipartitismo in cui si sviluppa la storia spagnola contemporanea.
– La ricerca di Gambini e Margiotta, che analizza la condizione degli adolescenti del territorio dei Castelli Romani nelle famiglie ferite dalla separazione/divisione dei genitori.
Tale configurazione li costringe a diventare adulti prima del tempo, dimostrando più alti livelli di parentificazione e internalizzazione.
– In terzo luogo, la rivista accoglie la riflessione di Meli, focalizzata sulla difficoltà attuale a dare in ambito filosofico una giustificazione razionale dell’etica senza una fondazione teleologica della natura umana; l’autore evidenzia l’alternativa tra l’impostazione nietzschiana dell’illusione di qualsiasi progetto etico e il progetto aristotelico dell’Etica Nicomachea nella sua ricezione tomista.
Infine, nella sezione «Esperienze, documentazione e riflessioni», questo numero accoglie le perplessità di Borsese rispetto all’utilizzo dell’inglese nell’insegnamento scientifico.
Sono recepite anche le suggestioni di Guarcello, che riflette in modo critico e pratico sulla Medicina Narrativa all’interno della relazione educativa in ambito sanitario.
A seguire una persuadente analisi dell’intersoggetività, che conduce alla promozione del bene dell’altro, tenendo conto della scoperta dei neuroni specchio in ambito neurobiologico.
Buonaugurio richiama, in particolare, il necessario recupero della formazione etica e morale come substrato neuronale per una relazione di cura reciproca.
Ancora sul riflesso dei neuroni specchio e sull’attuale intreccio tra le neuroscienze e quelle umanistiche, OP propone l’intervento, di taglio specialistico e tecnico-scientifico, di Tognacci.
L’autore si è lasciato guidare, nella sua riflessione, dall’obiettivo di sensibilizzare e interessare i lettori riguardo alle ricadute di queste tematiche in ambito educativo.
Mario O. Llanos

L'annata in corso della rivista:

Orientamenti Pedagogici
Orientamenti Pedagogici
Rivista internazionale di scienze dell'educazione
€ 36,80
Aggiungi il prodotto al carrello
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo 3x2
  • Lo Scaffale delle Occasioni