Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Lavoro sociale - vol. 2015/4

Lavoro sociale - vol. 2015/4

Bimestrale per le professioni sociali

Numero di rivista
agosto 2015
Loading

Editoriale

Tenere conto dell’altro
Il principio fondamentale di ogni relazione di cura è quello di costruire un rapporto positivo e costruttivo. Questo non può prescindere dal rispetto dell’altro, che significa attenzione alle esigenze, ascolto dei punti di vista, presa in carico dei bisogni. Quando la relazione si rivolge a una persona anziana la questione diventa ancora più delicata poiché spesso non sono di semplice individuazione le sue necessità. Un’inchiesta svolta alla fine degli anni Novanta nel Regno Unito sosteneva che il livello delle cure offerte non corrispondeva ai reali bisogni degli anziani. Insomma, le cure venivano centrate su chi le doveva fornire anziché su chi le riceveva.
Ecco perché è importante cambiare paradigma. Puntare su un modello che metta davvero al centro la persona, e in questo caso l’anziano. Ma cosa significa? Rispettare il suo essere persona. Che non vuol dire rispettare l’individuo, bensì — come scriveva Tom Kitwood, tra i massimi esperti di assistenza agli anziani — rispettare l’essere umano in una condizione di relazione con gli altri. Insomma, un monito a non adottare una visione esclusivamente individualistica della cura — che mira all’indipendenza — ma piuttosto promuovere l’interdipendenza.
L’interessante articolo ispirato alla ricerca di Michael Nolan fa riflettere sulle relazioni d’aiuto e sull’importanza di saper ascoltare le esigenze e i bisogni dell’altro, rispettandolo sempre come persona. Principi che sono anche alla base del Lavoro Sociale Relazionale.
Il cardine è la reciprocità: un utente può ricevere un vero aiuto solo se può donarne lui stesso, in primo luogo a colui dal quale lo accetta. Analogamente un operatore sociale può dare aiuto soltanto se lo sa chiedere e lo sa ricevere, in primo luogo dal suo interlocutore «bisognoso». La reciprocità racchiude rispetto, parità, sensibilità. Caratteristiche che un operatore sociale relazionale deve saper costruire. Per offrire una cura che risponda davvero alle esigenze dell’utente e non sia soltanto una formalità da espletare.

Fabio Folgheraiter

L'annata in corso della rivista:

Lavoro sociale
Lavoro sociale
Metodologie e tecniche per le professioni sociali
€ 60,00
Aggiungi il prodotto al carrello
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo Novità
  • Promo 3x2
  • Lo Scaffale delle Occasioni