Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

Riconoscere la depressione

La depressione colpisce, nel corso della vita, più del 10% della popolazione, con ripercussioni negative sulla sfera emotiva, cognitiva e somatica delle persone che ne soffrono. Secondo una stima dell’OMS, entro il 2020 risulterà la seconda causa di disabilità al mondo. Ma come si riconosce la depressione? Ecco quali sono i criteri che aiutano a individuarla, come ci spiegano Daniela Leveni, Paolo Michielin e Daniele Piacentini, autori di “Superare la depressione”.

Non è sempre facile definire dove finiscono la tristezza e la demoralizzazione e dove comincia la depressione, come vero e proprio disturbo clinico. Il gruppo di lavoro del governo americano sui servizi preventivi ha stabilito che due semplici domande possano essere sufficienti per individuare i soggetti depressi o a rischio di depressione («Nelle ultime due settimane, si è sentito giù, depresso o senza speranze?»; «Ha provato poco interesse o piacere nel fare le cose nelle ultime due settimane?»). Usando criteri un po’ più specifici, si può parlare di depressione quando la persona presenta i sintomi riportati nella check list qui sotto (non necessariamente tutti, ma almeno uno dei primi 2 e almeno 5 complessivamente):


•  Stato d’animo di tristezza, abbattimento, sentirsi giù per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno; la tristezza o l’angoscia sono di solito maggiori in un particolare momento della giornata, per lo più al mattino.
Perdita di interesse e di piacere nei confronti di attività che prima di solito piacevano.
• Senso di valere poco, di essere un fallito, di essere inutile o senso di vuoto.
• Senso di colpa eccessivo, convinzione di essere indegno.
• Difficoltà a concentrarsi a lungo nelle cose che si fanno o di prendere decisioni, anche piccole.
• Incapacità di pensare lucidamente.
• Disturbi del sonno: chi è depresso si può svegliare troppo presto al mattino senza sentirsi riposato o può avere difficoltà nell’addormentarsi. Vi sono però persone depresse che dormono troppo.
• Cambiamenti nell’appetito: per lo più le persone depresse perdono l’appetito e dimagriscono, ma ve ne sono altre che mangiano di più, come se cercassero conforto nel cibo.
• Agitazione, irrequietezza o rallentamento; quest’ultimo si manifesta come maggiore lentezza nel fare le cose.
• Riduzione dell’energia, facile stanchezza e spossatezza.
• Pensieri ricorrenti che non vale la pena di vivere o addirittura pensieri di morte e di suicidio.

Secondo i criteri clinici, quindi, per porre diagnosi di Episodio Depressivo Maggiore (questo è il nome completo attribuito al disturbo da tutta la comunità scientifica internazionale), non è sufficiente sentirsi giù di morale e inappetenti oppure sentirsi senza stimoli e stanchi per un paio di giorni, anche se dire di essere “depressi”, quando ci si sente giù, è ormai entrato nel linguaggio comune. Inoltre questi sintomi devono essere tali da causare degli effetti evidenti sul normale modo di “funzionare” della persona (devono cioè comprometterne la capacità di lavorare o studiare, di mantenere gli impegni e coltivare gli hobbies, di prendersi cura del proprio aspetto e della propria igiene, di partecipare come prima alla vita della famiglia, di frequentare come prima gli amici e i parenti).

A una persona che prova 5 o più dei sintomi sopra elencati per alcune settimane consecutive, le classiche esortazioni come «tirati su», «fatti coraggio», «esci un po’ a svagarti», «reagisci» servono a ben poco e rischiano anzi di essere controproducenti, facendola sentire ancora più inadeguata e depressa. Nella persona depressa, infatti, l’assenza di motivazione e la difficoltà nel compiere le normali attività quotidiane non sono dovute a una semplice mancanza di volontà.

Spesso, chi è depresso, soprattutto se anziano, soffre anche di disturbi fisici (quali, ad esempio, mal di testa, palpitazioni e tachicardia, dolori muscolari, stipsi o diarrea…). La presenza di questi sintomi fisici spiega come mai chi soffre di depressione sia spesso un forte consumatore di visite mediche e farmaci per problemi fisici.

Letture consigliate:
 
 
 
 
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo Novità
  • Promo 3x2
  • Lo Scaffale delle Occasioni
  • Carta del Docente: tutto quel che c'è da sapere