Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

Il Metodo Analogico di Camillo Bortolato

 
Ideato dal maestro Camillo Bortolato, il Metodo Analogico fa leva sull’intuito dei bambini per trasformare l’apprendimento in un gioioso volo di scoperta.

Grazie alla sua immediatezza ed efficacia, il Metodo Analogico è utilizzato in tantissime scuole primarie e dell'infanzia. 

Sono già più di un milione i bambini che hanno provato questo metodo estremamente semplice e intuitivo per apprendere.​
 
 
 
Il maestro Camillo Bortolato
«Insegno da 40 anni nella scuola primaria cercando una strada, anche nella solitudine, che porti ad apprendere con meno fatica e più soddisfazione.
Così, ricordando le mie difficoltà di alunno mi sono dedicato a costruire degli strumenti che aiutassero a parlare di meno e imparare di più, rendendo tutto più semplice.
Ora, mi sento fortunato ad aver trovato tanti insegnanti che condividono questi pensieri e questo percorso di umanità».
www.camillobortolato.it
 

IL METODO ANALOGICO È...

  • la modalità di apprendere che usiamo nella vita di tutti i giorni, in cui prima vediamo e poi riflettiamo
  • essere aderenti alla nostra natura profonda, sapendo che tutti nasciamo con un patrimonio di intelligenza che attende di essere corrisposta
  • la scelta di una didattica essenziale che va verso la sua dissoluzione
  • l’inizio, non di una alfabetizzazione, ma di una conversione dei nostri sentimenti verso una riscoperta di noi stessi
 
PERCHÉ SI CHIAMA METODO ANALOGICO
  • Perché l’analogia e non la logica è lo strumento per conoscere le cose nuove
  • Perché tutto il mondo è costruito su base analogica, cioè come replicazione dello stesso atomo o della stessa cellula
  • Perché un bambino nel suo piccolo vede l’estensione di tutto il mondo e gioisce a ogni conferma
NEL CALCOLO MENTALE CON IL METODO ANALOGICO
Non contano le cifre
Non contano le palline
Conta lo spazio predisposto in cui mettiamo le palline
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo Novità
  • Lo Scaffale delle Occasioni
  • Carta del Docente: tutto quel che c'è da sapere