Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

I vantaggi della didattica all'aria aperta

La didattica all’aperto – o outdoor learning – è un approccio pedagogico sempre più diffuso anche nelle scuole italiane. Vediamo quali sono i vantaggi di un’educazione attiva all’aria aperta, con l’aiuto di Juliet Robertson, insegnante, consulente in materia di formazione e autrice del libro “Sporchiamoci le mani”.
 

Per me gli spazi aperti sono un esempio vivo e pulsante di possibilità: l’essenza stessa della creatività. Tutte le idee nascono dalla natura, in un modo o nell’altro. La maggior parte delle innovazioni si ispira al mondo naturale. Dobbiamo solo guardare le cose con occhi nuovi, curiosità e una mentalità esplorativa.
Per questo, è importante che i bambini trascorrano del tempo all’aperto e imparino a conoscere il mondo che li circonda facendo esperienze di diverso tipo. Negli ultimi anni, sono sempre più numerosi gli studi scientifici che dimostrano che il contatto con la natura apporta molti benefici.

A quanto pare, gli spazi naturali aiutano a rilassarsi: fanno sentire più riposati e concentrati. Quando i bambini giocano all’aperto spesso dimostrano una maggiore immaginazione, ad esempio in un gioco di ruolo possono usare dei pezzi di corteccia come se fossero piatti.

L’uso di materiali naturali spesso incoraggia il pensiero divergente. Per esempio, se chiedete alla vostra classe di creare una linea di un metro usando mattoncini componibili, otterrete una risposta molto specifica. Se invece i bambini avranno a disposizione sassi o conchiglie, ci saranno vari tipi di risultati, e nessuno sarà sbagliato. Molto spesso, usare risorse naturali stimolerà la creatività dei bambini, da cui nasceranno anche esplorazioni di tipo competitivo: ad esempio, ogni gruppo proverà a creare una linea di un metro usando esattamente lo stesso numero di sassi.

Trasferire la didattica negli spazi aperti costringe a ripensare ai nostri metodi e a mettere in discussione i nostri valori. Dobbiamo pensare rapidamente e saper reagire al mondo imprevedibile fuori dalle mura scolastiche. Per garantire che i bambini mantengano i livelli di creatività mostrati nella prima infanzia, dobbiamo diventare, noi stessi, modelli di creatività nella pratica di insegnamento.

 

Letture consigliate:
 
 
 
 
​​
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo Novità
  • Lo Scaffale delle Occasioni
  • Carta del Docente: tutto quel che c'è da sapere