Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale

 

Qui ci vuole il papà!
 
Quello di padre è un ruolo complesso e articolato, ma essenziale per aiutare i figli a crescere e a farsi persone intelligenti, sicure di sé e capaci di fronteggiare le vicende della vita. Ecco qualche suggerimento per tutti i padri per accompagnare i propri figli nel percorso di crescita, tratto dal libro “Sei un buon papà?” di Tiziano Loschi.
 
 
Quando un padre riesce a instaurare buone relazioni all’interno della famiglia, offre ai figli le condizioni favorevoli allo sviluppo delle loro potenzialità intellettuali e della creatività, indispensabili per la piena realizzazione nella vita. Nella misura in cui la sua personalità acquista autorevolezza, un padre esercita la sua influenza sui figli come «modello», caratterizzato da attitudini e conoscenze. Con la sua presenza rassicurante, incoraggia i figli all’indipendenza. Come padri, si è anche rappresentanti del gruppo sociale al quale si appartiene, e del quale si portano in famiglia gli stili educativi e comportamentali.
In sintesi, una presenza paterna attiva e consapevole influenza il patrimonio di esperienze e le possibilità di apprendimento dei figli, giocando un ruolo insostituibile nello sviluppo di tutte le competenze.

Naturalmente, non esistono ricette per essere un «buon padre». Ogni padre, osservando e ascoltando i propri figli, imparerà a comprenderne esigenze e richieste e a trovare insieme a loro la «via giusta» in un rapporto autentico. Certamente ogni padre la cercherà e la troverà, anche se non mancheranno gli errori; ma questi servono a comprendere meglio i propri figli, a rivedere i propri atteggiamenti, a trovare soluzioni più appropriate e produttive.
Ecco qualche consiglio per i padri per accompagnare al meglio i propri figli nella crescita a raggiungere piccoli e grandi traguardi e a costruirsi una vita intensa, serena e soddisfacente.

1. Nostro figlio è dotato di una «intelligenza costruttiva» che gli permette di assimilare ed elaborare un’immensa quantità di conoscenze proprio mentre vive, gioca, fa le sue esperienze quotidiane.
2. Nostro figlio ha fiducia in se stesso, se noi abbiamo fiducia in lui; è capace, se noi lo trattiamo da capace; è sicuro, se lo rassicuriamo e gli garantiamo la nostra protezione; è intelligente, se noi confidiamo sulla sua intelligenza.
3. Il cervello di nostro figlio è un contenitore senza limiti: la sua capacità di contenere aumenta in proporzione alla quantità di materiale che vi si mette dentro. 
4. Nostro figlio ama imparare: l’apprendimento per lui è il più bel gioco della vita, è avventura e divertimento.
5. Nostro figlio ha bisogno di un’autonomia che aumenta in proporzione alla crescita delle sue capacità motorie, operative, mentali.
6. Tante più capacità il nostro bambino riesce a sviluppare, quante più ne manterrà: tante più conoscenze assimila, quante più ne conserverà.
7. Tanto più nostro figlio fa funzionare il cervello, quanto più la sua intelligenza sarà attiva.
8. Nostro figlio può imparare tutto, se ha le motivazioni per farlo. Non impara solo le cose che non ha occasione di conoscere e sperimentare.
9. Nostro figlio ha il diritto e il dovere di sbagliare tante volte. L’errore stimola l’intelligenza forse più della soluzione esatta, perché sollecita nuove operazioni mentali alla ricerca della correttezza. L’errore è vita e crescita, come la verità.
10. Nostro figlio nelle diverse forme di gioco può vincere e può perdere: ha bisogno di vivere la gioia della vittoria, come di provare il disagio della sconfitta. Senza sconfitte, come senza vittorie, la mente e il carattere non si rafforzano.
11. Nostro figlio può imparare un’infinità di cose: a leggere, a scrivere a calcolare, a parlare una lingua straniera o più lingue straniere con la naturalezza con cui impara a parlare e a camminare.
12. Nostro figlio sarà capace di gestirsi in autonomia, di farsi geniale «imprenditore di sé», persona sicura e responsabile, se noi lo aiutiamo a farsi sempre più indipendente nell’azione e nel pensiero.
 

 
Su questo argomento puoi leggere:
 
 
 
 
​​​​
Login
Login oppure Registrati
Per aiuto clicca qui
  • Promo Novità
  • Lo Scaffale delle Occasioni
  • Carta del Docente: tutto quel che c'è da sapere